Chi è Online

213 visite
Libri.itROBERT CRUMB. SKETCHBOOK, VOL. 1: JUNE 1964–SEPT. 1968VIVARIUM. ARCHIVIO DEI MESSAGGI INDECIFRATISEBASTIÃO SALGADO. KUWAIT. UN DESERTO IN FIAMMEPROBUDITI!SWING MANIA

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tutti filmati di mag

Totale: 18

Il corpo delle donne

di Lorella Zanardo e Marco Malfi Chindemi

IL CORPO DELLE DONNE è il titolo del nostro documentario di 25' sull?uso del corpo della donna in tv. Siamo partiti da un'urgenza. La constatazione che le donne, le donne vere, stiano scomparendo dalla tv e che siano state sostituite da una rappresentazione grottesca, volgare e umiliante. La perdita ci è parsa enorme: la cancellazione dell'identità delle donne sta avvenendo sotto lo sguardo di tutti ma senza che vi sia un'adeguata reazione, nemmeno da parte delle donne medesime. Da qui si è fatta strada l'idea di selezionare le immagini televisive che avessero in comune l'utilizzo manipolatorio del corpo delle donne per raccontare quanto sta avvenendo non solo a chi non guarda mai la tv ma specialmente a chi la guarda ma ?non vede?. L'obbiettivo è interrogarci e interrogare sulle ragioni di questa cancellazione, un vero ? pogrom? di cui siamo tutti spettatori silenziosi. Il lavoro ha poi dato particolare risalto alla cancellazione dei volti adulti in tv, al ricorso alla chirurgia estetica per cancellare qualsiasi segno di passaggio del tempo e alle conseguenze sociali di questa rimozione.

IL CORPO DELLE DONNE è stato selezionato dal festival di documentari ITALIANI BRAVA GENTE di Firenze.
www.ilcorpodelledonne.net

PLANTAR POBREZA, EL NEGOCIO FORESTAL EN CHILE

"Plantar Pobreza, el negocio forestal en Chile" es un documental de Periódico Resumen que aborda el origen y las consecuencias de la expansión de la industria forestal en la zona centro sur del país.

Las plantaciones de pinos y eucaliptos, las plantas de celulosa y toda la infraestructura vial y portuaria a su servicio son elementos que, a la vez de constituir el engranaje de un sustancioso y exclusivo negocio, representa la explotación de los territorios que ocupan y el empobrecimiento de sus comunidades.

Actualmente, los lugares que soportan plantaciones y albergan plantas de celulosa no ofrecen condiciones de habitabilidad para su gente obligándola a emigrar, dejando a completa disposición del negocio forestal los espacios anteriormente usados en la producción o recolección de alimentos y en la conservación del bosque. Muestra de esta realidad es que las comunas presentadas como "de vocación forestal" alcanzan índices de migración y pobreza que superan la media nacional.

Sin embargo, todo este proceso se ha configurado ante la obsecuencia y el servilismo de las autoridades de turno. Desde la Dictadura Militar hasta los gobiernos civiles, todos han defendido este empresariado, llamando desarrollo a la apertura de nuevos focos de extracción y servicios para la industria forestal, llamando a las plantaciones forestales como bosques y llamando estado de derecho a la imposición de la voluntad empresarial a través de la represión y el terrorismo de Estado.

"Plantar Pobreza" tiene el propósito de contribuir a entender el proceso en que se ha expandido esta industria y sus efectos a diferentes escalas. Sin quedarse en una constatación de desastres y miserias, "Plantar Pobreza" muestra la posibilidad de revertir las condiciones provocadas por el negocio forestal, a través del testimonio de comunidades invisibilizadas que realizan experiencias de recuperación del bosque, recuperación del agua y de la soberanía alimentaria.

A quienes vivimos en este territorio nos han intentado convencer de un falso dilema: "O hay forestales o hay pobreza". En realidad, hemos visto que nuestro empobrecimiento se ha agravado en tanto éstas se han expandido. Hoy, la recuperación de nuestro territorio se impone como condición necesaria para nuestra subsistencia y en esto no caben ambigüedades, la industria forestal debe irse y deben implementarse políticas de reparación ambiental y social. El documental "Plantar Pobreza", intenta contribuir a esta lucha.
  • Lingua: SPAGNOLO | Licenza: Licenza 3.0
  • Visualizzazioni: 3475
  • Tutti filmati di: mag | Durata: min | Pubblicato il: 2015-03-23
  • Categoria: DOCUMENTARI

L' imperatore Tiberio

Un rap realizzato da Daniele Silverstri dedicato all'imperatore Tiberio, "che aveva donne di lusso" .
Immagini del No B Day si alternano con spezzoni di film, documentari e trasmissioni televisive.


L'imperatore Tiberio
aveva donne di lusso
a cui teneva un discorso
sul ginocchio sinistro
poi emanava un editto
che toglieva di mezzo
chi cercava giustizia
o chi ne dava notizia

E si vantava Tiberio
con gli amici più illustri
e con gli aneddoti sconci
divertiva i ministri
ma sfuggiva ai giudizi
sui reati commessi
nascondendo pasticci
per motivi fittizi


Daniele Silvestri ha firmato la canzone con lo pseudonimo TheTeampicci.
  • Lingua: ITALIANO
  • Visualizzazioni: 1476
  • Tutti filmati di: mag | Durata: 0 min | Pubblicato il: 26-02-2010
  • Categoria: MUSICA

Eduardo Galeano - El Derecho al Delirio

El Derecho al Delirio escrito por Eduardo Galeano

Petra Reski a Lecce con Santa Mafia

Petra Reski a Lecce con Santa Mafia: "Continuerò a parlarne nonostante le minacce"
Nuovo appuntamento del ciclo di incontri "Di mafia si è scritto", organizzato dal Dipartimento di Scienze Giuridiche dell'Università del Salento a cura della professoressa Francesca Lamberti, ordinario di Diritto romano, del dottor Ubaldo Villani-Lubelli, assegnista di ricerca, e del dottor Andrea Apollonio, esperto di temi legati alla criminalità organizzata, nel corso del quale vengono presentati libri sulla mafia con una particolare attenzione alla Puglia.
Ospite questa volta Petra Reski che ha presentato il suo libro "Santa Mafia. Da Palermo a Duisburg: sangue, affari, politica e devozione" (Nuovi Mondi editore).
Il libro di Petra Reski è un lungo viaggio di ritorno da Palermo a Duisburg. Nell'edizione originale il libro è uscito censurato per volontà dell'autorità giudiziaria tedesca, intervenuta su richiesta di alcuni personaggi i cui nomi sono ben noti perché figurano nelle informative di polizia (sia italiane che tedesche), nei documenti giudiziari, in numerosi resoconti giornalistici. Tuttavia di loro non si può parlare in un libro: la gente deve continuare a ignorare il problema.
L'edizione italiana poteva scegliere di eliminare semplicemente queste parti del testo; invece ha deciso di riportare le medesime righe nere sulle parole che sono costate a Petra Reski intimidazioni e minacce.

No hay Mañana / There's No Tomorrow

Vídeo introductorio sobre el problema energético y ecológico que tiene nuestra civilización. El problema del crecimiento infinito en un planeta finito.
  • Lingua: INGLESE | Sottotitoli: SPAGNOLO | Licenza: Licenza 3.0
  • Visualizzazioni: 1362
  • Tutti filmati di: mag | Durata: min | Pubblicato il: 2015-04-16
  • Categoria: DOCUMENTARI
  • Tag: civilización, planeta

Intervista a Tullio De Mauro - Parte 1

"Cinque italiani su cento tra i 14 e i 65 anni non sanno distinguere una lettera da un'altra, una cifra dall'altra: sono analfabeti totali. Trentotto su cento lo sanno fare, ma riescono solo a leggere con difficoltà una scritta semplice e a decifrare qualche cifra. Trentatré superano questa condizione, ma qui si fermano: un testo scritto che riguardi fatti collettivi, di rilievo anche nella vita quotidiana, è oltre la portata delle loro capacità di lettura e scrittura, un grafico con qualche percentuale è un'icona indecifrabile. Tra questi, il 12 per cento dei laureati. Soltanto il 20 per cento della popolazione adulta italiana possiede gli strumenti minimi indispensabili di lettura, scrittura e calcolo necessari per orientarsi in una società contemporanea"Sono parole del linguista Tullio De MauroMilano, 30 ottobre 2008 - Il Professor Tullio De Mauro parla con Piero Ricca del livello culturale degli italiani, in rapporto alla qualità della democrazia.Visita: http://www.pieroricca.orgSeconda parte

CAPITALISM - con Intervista a Eduardo Galeano

Con la semplicità dei grandi, Eduardo Galeano, scrittore e saggista uruguayano, per molti una vera guida, perseguitato in ben due colpi di stato, Uruguay nel 1973 e Argentina nel 1976, in questa intervista ci dice della condizione nostra e delle nuove generazioni.La povertà non è più neanche quella fesseria che la gente comune pensava, "nascere dalla parte sbagliata del fiume", ma ora è addirittura "... il giusto castigo che l'inefficienza merita". Ecco cos'è diventata la nostra società, che oltre a non essere né di destra né di sinistra, con buona pace dei credenti, non è nemmeno cristiana, ma semplicemente banditesca.Jaramillo - Anibaldi Video Collection - www.jaramillo-photos.com - Anibaldi.it Powered
  • Lingua: SPAGNOLO | Sottotitoli: ITALIANO
  • Visualizzazioni: 1268
  • Tutti filmati di: mag | Durata: 0 min | Pubblicato il: 23-08-2012
  • Categoria: MONDO E SOCIETÀ

I corrotti restituiscano i soldi

L'appello di Don Ciotti e di «Libera»

Fonte: video.corriere.it

Mi amigo Hugo

El documental "Mi Amigo Hugo" dura aproximadamente 50 minutos y es una recopilación de testimonios de familiares, amigos, intelectuales y políticos sobre el comandante Hugo Chávez, precursor del actual proceso de integración latinoamericano y caribeño.
www.vtv.gob.ve
  • Lingua: SPAGNOLO | Licenza: Licenza 3.0
  • Visualizzazioni: 1129
  • Tutti filmati di: mag | Durata: min | Pubblicato il: 2014-03-10
  • Categoria: DOCUMENTARI
  • Tag: Hugo Chávez