Arcoiris TV

Chi è Online

314 visite
Libri.itHISTORY OF INFORMATION GRAPHICSLUNGO  IL CAMMINO BARBABLN.30/49/50/72/100/101/144 ENRIC MIRALLES 1983 - 2009WALT DISNEY

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Totale: 20774

Walter Bernardi - Ciclosofia

Walter Bernardi: Già Professore Universitario di Filosofia.

Che cosa hanno in comune, a parte la loro tragica fine, Socrate, il filosofo ateniese che insegnava con il dialogo a "tirar fuori le idee", e Marco Pantani, il Pirata romagnolo che andava più forte degli altri in salita per accorciare l'agonia? Con la leggerezza di uno scalatore, con l'agilità di uno scattista, Bernardi percorre un suo personalissimo "Giro d'Italia" andando in fuga con Fiorenzo Magni e Steve Jobs, piroettando in equilibrio con Albert Einstein e Margherita Hack, facendo un surplace con Diogene e Nietzsche.

Visita il sito: www.festascienzafilosofia.it

Valerio Meattini - Universo fisico e mondi umani. Filosofia - Scienza - Tecnica

Valerio Meattini: Professore di Filosofia teoretica e Filosofia della scienza, Università degli Studi di Bari.

Distinguere tra realtà e mondo può aiutarci a ragionare su ciò che è indipendente da noi (realtà) e ciò che risulta dalla nostra prospettiva di soggetti indaganti e agenti (mondo). La filosofia e la scienza sono rispettivamente modalità di conoscere e capire gli aspetti prismatici della realtà-mondo, mentre la tecnica unita alla scienza ne dà una configurazione adattiva e pensata dalla filosofia apre prospettive e problemi ulteriori nell'etica.

Visita il sito: www.festascienzafilosofia.it

American Moon - Versione integrale

Sono 50 anni che si discute sulla veridicità dei viaggi lunari. Questo film finalmente riunisce, in un'opera unica, tutte le migliori argomentazioni a favore degli allunaggi e tutte le argomentazioni contrarie, comprese alcune prove mai presentate prima. Al film partecipano inoltre diversi fotografi professionisti di livello mondiale, che offrono la loro analisi tecnica sulle fotografie delle missioni Apollo. Vengono così chiarite una volta per tutte le varie questioni dibattute nel corso dei decenni, dalla assenza di stelle nelle fotografie fino alla direzione delle ombre, dalla questione delle pellicole esposte alle radiazioni, fino al tipo di illuminazione utilizzata per scattare le storiche immagini dell'uomo sulla luna.

Cortesia di: Massimo Mazzucco
Scarica la versione in HD: https://vimeo.com/ondemand/americanmoonita
Ordina il DVD: https://www.luogocomune.net/LC/shop/film-in-italiano

Visita il sito: www.luogocomune.net

Stefano Branca - Etna 1669 2019 Storie di eruzioni e di uomini

Stefano Branca: Vulcanologo. 1° Ricercatore INGV.

Durante la storia plurimillenaria del rapporto tra le eruzioni e l'attività umana, due eventi hanno segnano il territorio etneo e il suo processo di civilizzazione. Le eruzioni del 1669 e 1928 hanno drammaticamente inciso sul tessuto urbano, intrecciando tra loro storie di popolazioni, di fede e scienza, di ricostruzioni e di rinascita. Tali eventi sintetizzano il rapporto uomo-vulcano, alterato da un recente sviluppo urbanistico senza regole che ignora la storia dell'Etna.

Visita il sito: www.festascienzafilosofia.it

Sara Tortorella – Lab-on-a-chip, scienze omiche e data mining

Lab-on-a-chip, scienze omiche e data mining: i passi da gigante della Chimica in miniatura

Sara Tortorella: Senior Data Strategist, Molecular Horizon srl. Coordinatrice "Diffusione della Cultura Chimica" SCI

Dagli alchimisti che si affidavano ai cinque sensi e all'intuito per ricercare la pietra filosofale, all'avvento della Meccanica Quantistica e a tecniche sofisticate di analisi, passando per l'introduzione del metodo scientifico di Galileo, la Chimica ha fatto davvero passi da gigante. Ma chi è e cosa fa oggi un chimico? Può esistere una Chimica senza camice? In questo intervento sperimenteremo come l'utilizzo di strumenti propri dell'Informatica e della Chemiometria abbiano contribuito a questa evoluzione e rivoluzione.

Visita il sito: www.festascienzafilosofia.it

Salvatore Altiero - Crisi ambientale e migrazioni forzate. Nuovi esodi al tempo dei cambiamenti clim

Salvatore Altiero: Attivista e giornalista freelance in campo ambientale.

Chi oggi interpreta la propria "sicurezza" in funzione di falsi bisogni, dovrebbe aprire gli occhi sul fatto che a rendere insicura la sopravvivenza stessa dell'umanità c'è la prospettiva di una nuova era glaciale. In questo scenario, mentre i Nord del mondo siedono sull'orlo del baratro a guardare e consumare, nei Sud del mondo questa nuova era glaciale esplica già i suoi effetti peggiori. Le migrazioni ambientali sono rivendicazione di un altro modo di produrre e distribuire ricchezza.

Visita il sito: www.festascienzafilosofia.it

Noche sobre Chile

"La noche sobre Chile", filmada en 1977, cuando Sebastián Alarcón tenía solo 28 años, es una ficción que merece la pena revisar. Dirigida por Alarcón -quien es autor del guion- junto a Aleksander Kosarev y con música de Pato Castillo (Quilapayún) filmada en la entonces Unión Soviética, con actores y extras de ese país y hablada en ruso, es un relato muy real de los horrores cometidos por los militares chilenos contra mujeres y hombres en el Estadio Nacional, luego del golpe de Estado de 1973. El guión seguramente fue armado en base a las historias de las atrocidades que lograban conocerse y que llegaban al exterior, junto a estremecedores relatos y también anécdotas de esos largos días en el principal campo deportivo de Santiago, donde se concentraron miles de prisioneros. Muchos perdieron la vida, otros fueron torturados, enviados a campos de concentración y solo algunos recuperaron la libertad. A la luz de lo que se sabe hoy respecto a lo sucedido ahí, la película a pesar de su crudeza es solo un destello del drama horrible que sufrieron las chilenas y chilenos que por allí pasaron y también muchos extranjeros.
  • Lingua: RUSSO | Sottotitoli: SPAGNOLO | Licenza: Non commerciale - Non opere derivate - Licenza 3.0 | Condividi
  • Visualizzazioni: 26
  • Fonte: Sebastián Alarcón | Durata: 92.07 min | Pubblicato il: 2019-07-18
  • Categoria: LUNGOMETRAGGI
  • Tag: null
  • Scarica: MP3 | MP4 |

Matrix, upm - Rocco Bruno

Si tratta di un seminario che si è tenuto nei pressi di Perugia nei giorni 12 e 13 febbraio. Quanto pubblicato è una parte delle conferenze tenutesi, la parte pratica ed esoterica non è stata resa pubblica.
  • Lingua: ITALIANO | Licenza: Non commerciale - Non opere derivate - Licenza 3.0 | Condividi
  • Visualizzazioni: 21
  • Fonte: SecondaStellaDx | Durata: 14.73 min | Pubblicato il: 2019-07-18
  • Categoria: CONFERENZE
  • Tag: null
  • Scarica: MP3 | MP4 |

María Teresa Vera - Veinte años, música, Cuba

María Teresa Vera (Guanajay, Cuba, 6 de febrero de 1895 - La Habana, 17 de diciembre de 1965) fue una cantante, compositora y guitarrista cubana.

Primeros pasos
A muy temprana edad, empezó a darse a conocer en los ambientes de bohemia y trova. Comenzó a cantar en 1911, y el cantante Manuel Corona le aconsejó que aprendiera a tocar la guitarra. María Teresa conformó un dúo de leyenda junto a Rafael Zequeira y, entre 1914 y 1924, grabaron casi 200 canciones, muchas de las cuales se hicieron populares de inmediato, como A llorar a Papá Montero. También cantó en el Grupo Típico de Carlos Godínez.[cita requerida]
Sexteto Occidente
A mediados de la década del veinte, conoció a Ignacio Piñeiro, a quien enseñó a tocar el contrabajo, y en 1926 fundó el Sexteto Occidente, dentro de la tradición cubana de sextetos de son. Este conjunto fue fundado por María Teresa Vera a instancia de sus productores musicales. Esto se debió fundamentalmente a la gran demanda que tenían los sextetos de son a mediados de los años veinte.
La agrupación contó, entre sus miembros, amén de María Teresa, con Ignacio Piñeiro, en el contrabajo, Julio Torres, en el tres, Manuel Reinoso, en el bongó, y Paco Sánchez, en las maracas.[cita requerida]

Publicada por: lucho0412

A l'Aquila non mangiano il panettone. Il terremoto tre anni e mezzo dopo

Era il sei aprile del 2009 quando una scossa di terremoto di magnituto 6,3 colpì L'Aquila. Io ci sono tornato OGGI per raccontare il terremoto tre anni e mezzo dopo. Cosa è cambiato in questi anni? Davvero sono state ricostruite le case? Provvisorie o stabili? E il centro della città, allora interamente distrutto, che fine ha fatto? E ci sono ancora i militari in giro?