Chi è Online

165 visite
Libri.itNELLDOMUS 1960SMATISSE. CUT-OUTS (I) #BasicArtLEONARDO (I) #BasicArtNYT. 36 HOURS. USA & CANADA. EAST COAST

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Categoria: MONDO E SOCIETÀ

Totale: 898

"Neutralità attiva", un possibile approccio per una politica di pace, disarmo e diplomazia popolare - Gian Paolo Calchi Novati

Roma 10 settembre 2016, Casa internazionale delle donne.
Questo video contiene l'ultima conferenza di Gian Paolo Calchi Novati, il grande africanista che ha formato quasi tutti i ricercatori italiani. La conferenza sulla neutralità attiva riprende un tema che da Gandhi e Mandela ha cercato di introdurre un messaggio di pace, ma di attiva coerenza política ed etica. Nella conferenza intervengono figure di riferimento della sinistra non tradizionale italiana, come Lidia Menapace e Roberto Savio.

Claudio Naranjo: La educación es un crimen, una estafa

Congreso del Futuro. Chile Enero 2017

Los medios y la construcción de la paz en Colombia, entrevista a Aharonian

La sociedad colombiana se enfrenta hoy a una guerra tan violenta como la protagonizada por los grupos armados en las últimas décadas: la Guerra de Cuarta Generación. Colombia Informa entrevistó al fundador de Telesur, Aram Aharonian, para que explicara cómo es esta guerra; el papel de los protagonistas en el desintegro del tejido social en Colombia; la responsabilidad social para democratizar los medios de comunicación; y los retos de la comunicación alternativa para construir la paz en Colombia.

¿Qué es la guerra de cuarta generación -G4G-?
¿Cuál es la responsabilidad de los medios masivos de comunicación en la profundización del conflicto en Colombia?
¿Qué hay acerca de la democratización de los medios de comunicación?
¿Cuál es el reto de los medios de comunicación en un contexto de construcción de paz?

Conferencia Roberto Savio - Las raíces del desorden mundial contemporáneo

Conferencia dictada por el renombrado periodista y analista político Roberto Savio en dependencias de la Academia Diplomática de Chile "Andrés Bello"

Entrevista de Ana Mizrahi al periodista y analista político Roberto Savio

Savio habló del desencanto con la democracia, con la globalización, el triunfo de Trump, los nuevos gobiernos de derecha en Europa, la responsabilidad de las potencias en Siria, y el papel de los medios de comunicación.
  • Lingua: SPAGNOLO | Licenza: Licenza 3.0
  • Visualizzazioni: 294
  • Tutti filmati di: turcamizrahi | Durata: min | Pubblicato il: 2016-11-28
  • Categoria: MONDO E SOCIETÀ

Foro y debate de ideas sobre el futuro de la integracion regional

Foro y debate de ideas sobre el futuro de la integracion regional,
16 de Noviembre 2016
Casa Mauá, Montevideo, Uruguay

Organizá: FILA - Fundación para la Integración Latinoamericana

Daniel García Delgado, Director de la Maestría en Políticas Públicas de FLACSO
Luciano Wexell Severo, Universidad Latinoamericana (UNILA), Brasil
Sebastián Valdomir, Coordinador del Bloque Progresista del Parlasur, Uruguay
Pedro Biscay, Director del Banco Central de la República Argentina
Alejandra Fernández, Asociación Nacional De Micro y Pequeñas Empresas, Uruguay
Francisco Dos Reis, Presidente de la Asociación Latinoamericana de Micro, Pequeñas y Medianas Empresas (Alampyme)
Daniel Olesker, Exministro de Salud, Instituto Cuesta Duarte, Uruguay
Raúl Pelichotti, PYMES SUR, Argentina
Raúl Hutín. Secretario General de la Central de Entidades Empresarias Nacionales, Argentina
Raúl Dellatorre, economista y periodista argentino

AUDIO:
Roberto Conde, Ex Vicecanciller de Uruguay
Roberto Chiazzaro, Comisión de Política Exterior del Parlamento, Uruguay
Sebastián Valdomir, Coordinador del Bloque Progresista del Parlasur
Francisco Dos Reis, Presidente de la Asociación Latinoamericana de Micro, Pequeñas y Medianas Empresas (Alampyme)
Pablo de Rocha, Instituto Cuesta Duarte, Uruguay
Guillermo Carmona, diputado nacional, Argentina
Moderadora: María Cristina Ruiz del Ferrié (UBA-FLACSO), Argentina

Visita il sito: nodal.am

Barack Obama commemora Muhammad Ali (sottotitoli in italiano)

Il presidente Obama ha reso omaggio al suo "eroe personale", Muhammad Ali. Obama ha onorato la grandezza di Ali come un atleta, un ambasciatore di pace, comprensione interreligiosa, e portavoce di giustizia sociale.
Il presidente Obama ha poi mostrato alcuni dei suoi cimeli, tra cui G.O.A.T. Greatest of All Time edito da TASCHEN donatogli personalmente dallo stesso Ali.

Visita il sito: www.libri.it

Suad Amiry: "Golda ha dormito qui"

NADiRinforma incontra Suad Amury nel corso della presentazione del suo ultimo libro: "Golda ha dormito qui",
"Mi han detto che la tua casa è dove sei tu. Ci ho provato ma non sempre ci riesco"
"Di cosa è fatta la bellezza di una casa, se non della vita di chi la abita? Ma quando accade che un intero popolo si trovi all'improvviso espropriato delle sue dimore, la domanda che passa, amara, di bocca in bocca è soltanto una: che fine fa quella bellezza, e che fine fa l'anima di chi in quelle case, in quei palazzi, in quei giardini, ci ha vissuto, ci ha pianto e ci ha gioito, per una vita intera?"
Una storia che ha inizio nel 1948, quando gli inglesi, partendo da Israele, lasciarono due popoli in lotta: l'uno con tutto, l'altro con niente.
Suad Amiry, palestinese, racconta quella perdita inestimabile, quella dei muri con dentro le anime, la memoria, i gesti, gli affetti e, con profonda grazia e humour dissacrante, si confronta con un tema universale e potente com'è quello della casa, che finisce per coincidere con la nostra stessa identità, con la nostra stessa, comune, storia.
L'iniziativa, organizzata l'8 luglio '14 dalla Libreria Coop Ambasciatori in collaborazione con Assopace Palestina Bologna, ha previsto la presenza di Luisa Morgantini e Moni Ovadia

Intervista a cura di Luisa Barbieri
Riprese e montaggio Paolo Mongiorgi

Visita il sito: www.mediconadir.it

Operazione "Bordo protettivo": ne parliamo con Moni Ovadia

NADiRinforma incontra Moni Ovadia ad affrontare l'escalation di violenza che ancora una volta sta coinvolgendo Israele e Palestina e che, attraverso l'operazione militare avviatasi la notte dell'8 luglio '14 chiamata Bordo protettivo, ha permesso all'aviazione israeliana di colpire un'enorme numero di obiettivi nei territori palestinesi.
Ovadia, senza mezzi termini, definisce il governo israeliano ultrareazionario e razzista, ideologicamente orientato a negare ai palestinesi profilo, dignità e identità; d'altro canto esprime disappunto e incomprensione verso coloro, identificati come palestinesi, che proseguono a lanciare inutili e dannosi razzi verso i civili israeliani senza pensare che ogni lancio altro non fa che rinforzare le motivazioni del governo israeliano.
Secondo Ovadia nel cuore di Israele hanno preso forma gruppi animati da odio sconsiderato sostenuto da una forte ideologia fascista, il problema, secondo lui, è che questa classe politica israeliana non si sposterà mai da questa posizione, forse una soluzione potrebbe cercarsi e trovarsi all'interno della società civile israeliana a bloccare definitivamente la colonizzazione

Intervista a cura di Luisa Barbieri
Riprese e montaggio Paolo Mongiorgi

Visita il sito: www.mediconadir.it

Operazione "Bordo protettivo": ne parliamo con Luisa Morgantini

NADiRinforma incontra Luisa Morgantini cercando di capire l'ennesima operazione militare avviata nel corso della notte dell'8 luglio '14, sostenuta dai raid dell'aviazione israeliana su Gaza nel corso dell'operazione militare chiamata Bordo protettivo.
La condanna del segretario generale dell'ONU Ban Ki-moon è stata immediata: "Questi attacchi indiscriminati contro aree in cui vivono i civili devono fermarsi" supportata dalla grande preoccupazione per una possibile escalation della violenza
Israele giustifica l'operazione militare come una risposta al lancio dei razzi effettuato da Hamas.
Secondo la Morgantini la responsabilità della situazione è da attribuirsi in prima istanza alla Comuntà internazionale incapace di fare rispettare ad Israele alcuna risoluzione delle Nazioni Unite.
Israele pare uno stato al di sopra dei sospetti, come della legge, e si trova nella posizione di sentirsi autorizzato a colpire impunemente, nella fattispecie i Palestinesi costretti a vivere in situazioni drammatiche.
Oggi Israele la si può considerare una società malata in quanto affonda le radici della sua sopravvivenza nella colonizzazione e nella militarizzazione ed in onore del rispetto umano va fermato
Intervista a cura di Luisa Barbieri
Riprese e montaggio Paolo Mongiorgi

Visita il sito: www.mediconadir.it