Arcoiris TV

Chi è Online

337 utenti
Libri.itN.200 STUDIO MUMBAI (2012-2019)GREAT ESCAPES EUROPE (IEP) - edizione aggiornataCASE STUDY HOUSES - #BibliothecaUniversalisJULIA WATSON. LOTEK. DESIGN BY RADICAL INDIGENISMANDO. COMPLETE WORKS 1975TODAY - update 2019 (IEP)

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!




Totale: 21663

Presentazione di EurAsia

Rivista di studi Geopolitici del Coordinamento Progetto Eurasia
Lo scopo di questa nuova rivista di studi geopolitici è quello di promuovere, stimolare e diffondere la ricerca e la scienza geopolitica nell'ambito della comunità scientifica nazionale ed internazionale, nonchè di sensibilizzazione sulle tematiche eurasiatiche il mondo politico, intelletuale, militare, economico e dell'informazione.
La prospettiva di EURASIA non corrisponde solo a quella delle relazioni internazionali in senso stretto, ma è anche quella, più fondamentale, che concerne l'influenza esercitata sulle "rappresentazioni" geopolitiche passate e attuali, nonché sugli scenari futuri, dai rapporti culturali e spirituali tra i popoli che abitano la massa continentale eurasiatica...
Visita il sito: www.eurasia-rivista.org

Ho sognato Bruno Vespa - Vittorio Merlo

Dopo le migliaia di MP3 diffusi in tutto il mondo tramite Internet, Vittorio Merlo, 45 anni, sposato con 5 figli, residente in Lussemburgo dove lavora come bibliotecario per la Corte di giustizia europea, pubblica il suo primo CD intitolato Ho Sognato Bruno Vespa prodotto da Vince Tempera per la Sette Ottavi.
Nel settembre 2003, con Ho sognato Bruno Vespa, Vittorio Merlo ha partecipato al concorso Una canzone per Rino Gaetano aggiudicandosi il terzo posto e conquistando il pubblico di Crotone.
La canzone nasce dalla reazione del cantastorie di fronte all'ennesima intervista morbosa andata in onda a "Porta a Porta": dopo un terremoto, un cronista chiede a un pompiere cosa si prova a scavare tra le macerie di una scuola ascoltando i lamenti dei bambini. In bilico tra ironia e sarcasmo Vittorio sogna di essere intervistato da Bruno Vespa mentre sta per morire.
Visita il sito: webplaza.pt.lu/merlo
Ordina il CD on-line: webplaza.pt.lu/merlo

Anthony B - Rototom Sunsplash 2005

Tra i migliori esponenti del nuovo reggae un posto spetta di diritto ad Anthony B, nato Anthony Blair nel 1977 nel sobborgo di Portmore, vicino a Kingston. Dopo una infanzia ed una adolescenza problematica in cui riesce ad affinare la sua capacità di scrivere liriche, la grande attenzione arriva rapidissima quando allo Sting Concert del 1994 canta "acapella" (senza cioè l'accompagnamento musicale) per la prima volta il suo inno contro la corruzione politica "Fire pon Rome", lasciando tutti i presenti senza fiato e provocando addirittura in seguito dei divieti di programmazione radiofonica del brano in Jamaica. "Fire pon Rome" resta a tutt'oggi uno dei suoi brani più famosi, e con lo scagliare del fuoco simbolico della purificazione su Roma, intesa come metafora della corruzione politica, Anthony B contribuisce a diffondere la simbologia forse più intensa ed efficace del reggae dei nostri giorni. Il boicottaggio radiofonico non fa che rafforzare la fama del giovane artista:il produttore per cui Anthony B registra le cose migliori in questo periodo è senz'altro Richard Bell per la cui label Startrail escono nel 1996 un primo infuocato album dal titolo significativo di "Real revolutionary" ed il secondo "Universal struggle", un vero capolavoro del reggae con cui il giovane artista consolida la sua fama anche fuori dalla sua patria natale. Anthony B è un fervente rasta affiliato alla confraternita dei Bobo Dreads e la maggior parte delle sue liriche contengono messaggi di liberazione per gli abitanti dei ghetti jamaicani ed infuocate invettive contro il potere economico di Babylon che mantiene una schiavitù economica che di fatto dovrebbe essere abolita. E' uno degli artisti jamaicani ad avere svolto negli ultimi anni dei regolari tours di concerti in USA ed in europa e questo ha contribuito ad un buon allargamento della sua audience.
Il suo terzo album con Richard "Bello" Bell, "Seven seals" pur mantenendosi su buoni livelli non infiamma come i due precedenti. Nel 2001 Anthony B ritorna con ben due eccellenti albums, "That's life", una raccolta di brani perloppiù già usciti come singoli per vari produttori, e "More love", ottima raccolta prodotta interamente da Robert Ffrench. Nell'estate 2001 Anthony B svolge un trionfale tour europeo che lo vede esibirsi anche al Rototom Sunsplash in un concerto memorabile. Qualche giorno prima della data di Osoppo Anthony B infiamma letteralmente Tolosa, in Francia e questo concerto sarà immortalato nel 2002 dal suo doppio CD live significativamente intitolato "Live from the battlefield". Nel frattempo Anthony B continua ad essere uno dei più prolifici artisti jamaicani, a registrare ottimi singoli con molti dei migliori produttori jamaicani ed ad essere uno degli autori dei brani piu' socialmente impegnati e sferzanti dell'intero panorama del reggae jamaicano. Nel 2003 esce 'Street knowledge', l'album che contiene la sua strepitosa "Police" già apparsa più di un anno prima nel mercato giamaicano dei singoli. La forza della denuncia della violenza e della corruzione della polizia in Giamaica infiammano il pubblico del reggae e questo brano diventa il suo nuovo inno reso veramente con grande intensità nelle sue esibizioni live. Negli ultimi tempi sono usciti due nuovi albums di Anthony B, "Powers of creation" prodotto dal veterano francese Frenchie soprattutto "Untouchable", album che costituisce una svolta con il suo reggae molto incrociato con l'hip hop e la "urban music" statunitense. Un recente tour italiano lo ha mostrato nella grande forma di sempre e siamo certi che anche ad Osoppo Anthony B manterrà il suo standard altissimo di spettacolarità.
Visita il sito: www.rototomsunsplash.com

Bandiera Umana di Pace

Alle 17,00 di un pomeriggio domenicale pieno di sole migliaia di persone si sono sedute in un grande abbraccio sul prato del Parco del Rivellino per scrivere con i loro corpi la parola PACE.
Registrato durante la 11° edizione del Rototom Sunsplash Festival.
Per gentile concessione dell'Associazione Culturale Rototom
Visita il sito: www.rototomsunsplash.com

Verità, grido il tuo nome! - il video-denuncia sulla morte di Federico Aldrovandi

Ad un anno dall'uccisione di Federico Aldrovandi (la notte del 25 settembre 2005) da parte di quattro agenti di Polizia, pubblichiamo questa video-denuncia in cui ricostruiamo:
gli avvenimenti di quell'alba;
la lotta da parte dei familiari, degli amici e di tutti coloro che hanno dato la propria solidarietà;
la testimonianza di Anne Marie, che rompendo il silenzio, dopo diversi mesi, ha raccontato con grande lucidità quello che ha potuto vedere.
Infine dedichiamo un ricordo a Federico attraverso le fotografie che ripercorrono la sua troppo breve vita, tra le parole commuoventi della madre - Patrizia Moretti.
Regia: Paolo Bertazza
Produzione: Feedback Video

Visita: www.veritaperaldro.it

Hot Cookies

interprete: The Cluebrano per il festival Canzoni 2010

Mare Nostrum, intervista a Stefano Mencherini

Stefano Mencherini, giornalista e regista Rai, è autore del documentario "Mare Nostrum", uno dei pochissimi - e certo tra i più analitici - documenti filmati sui centri di accoglienza temporanea. In pochissimi, però, hanno avuto la possibilità di vedere il filmato, che è stato rifiutato da quasi tutte le emittenti italiane. Innumerevoli anche gli episodi di vera e propria censura di cui il documentario e il suo autore sono stati oggetto allo scopo di impedire proiezioni pubbliche.
In quest'intervsita Stefano Mencherini racconta del filmato - che presto sarà disponibile su Arcoiris - e di una scomoda realtà italiana.
Visita il sito blog: www.stefanomencherini.org
Intervista realizzata in collaborazione con Radio Citta del Capo: www.radiocittadelcapo.it

Arte Classica, Moderna e Contemporanea a confronto, attraverso le immagini

Arte Classica, Moderna e Contemporanea a confronto, attraverso le immagini.
Come cambia il senso estetico nell'arte dall'Ottocento a oggi, e ipotesi per ulteriori sviluppi.

Conferenza tenuta il 10 giugno 2014 alla Casa della Cultura di Milano, da Nicola Vitale.
Indagine, attraverso le immagini, sui motivi che hanno portato l'arte a mutare così repentinamente dall'Ottocento a oggi, cercando di cogliere come in questi anni l'arte possa ritrovare la dimensione originaria del bello, dopo le sperimentazioni degli ultimi decenni.

Visita: www.casadellacultura.it

Amare Acque Dolci - Erbamil Teatro

compagnia teatrale Erbamil presenta:
AMARE ACQUE DOLCI
Spettacolo di teatro comico ecologico adatto ad un pubblico di tutte le età
regia di Fabio Comana
con Michele Cremaschi, Michele Eynard, Manuel Gregna, Federica Molteni.
Quattro attori in un simpatico gioco di teatro nel teatro tentano goffamente di affrontare un tema vastissimo ed importante, che comincia ad essere urgente.
Nello stile di Erbamil si ride per pensare, unendo l'impegno ecologico al piacere di divertirsi. I trucchi e i giochi d'acqua aggiungono un tocco di magia e sorpresa alla comicità degli attori e alla suggestione delle musiche
Lo spettacolo fa parte di "teatrambiente", progetto artistico della compagnia erbamil che sposa l'urgenza di tematiche che ci riguardano da vicino come quelle ambientali, con un linguaggio teatrale semplice e divertente.
Lo spettacolo viene distribuito in collaborazione con il WWF Italia, all'interno della campagna di sensibilizzazione dal titolo: «La terra fa acqua da tutte le parti».
Per informazioni: www.erbamil.it/amareacquedolci

La morte di Federico Aldrovandi - terza parte

Terzo video prodotto dalla Feedback sulle vicende legate alla morte di Federico Aldrovandi. Visibili nel filmato il momento dell'incontro tra i genitori di Federico e Giuliano Giuliani (padre di Carlo, ragazzo ucciso nel corso del G8 di Genova), l'intervista a Patrizia, madre di Federico, a commento delle perizie contrastanti prodotte dai legali delle due parti in contesa, e infine l'introduzione di Giuliano Giuliani alle giornate in ricordo di Carlo dove testimonia ai presenti la sua vicinanza con la famiglia Aldrovandi e la triste relazione tra la propria vicenda e quella di questi ultimi. Giuliani in particolare pone l'accento sull'intollerabile leggerezza e omertà con cui lo Stato ha dimostrato di voler affrontare i due casi, delegittimando il pesante ruolo di difensore dei cittadini e dell'ordine tra essi demandatogli dalla Costituzione.

Visita: federicoaldrovandi.blog.kataweb.it