Arcoiris TV

Chi è Online

229 visite
Libri.itIL PIETRIFICATORE. LA COLLEZIONE ANATOMICA PAOLO GORINISTANLEY KUBRICKJIM HEIMANN. 20TH CENTURY ALCOHOL & TOBACCO ADSSTIGMATEREBECCA

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Totale: 10835

Oppressione e Speranza, Lotta per i diritti nelle favelas del Brasile.

Per Valdênia Aparecida Paulino, Avvocato di strada - San Paolo, Brasile.La violenza continua a crescere in tanti paesi del sud del mondo, che stanno scoppiando sotto la pressione della povertà, della corruzione, della mancanza di segni concretti di speranza.
In Brasile le denunce dei soprusi compiuti dalla polizia hanno portato i membri delle asociazioni impegnate per la difesa dei diritti umani a vivere nel pericolo per le continue minacce di morte.
Valdênia Aparecida Paulino si è esposta in modo forte e coraggioso in parecchie denuncie formali a la polizia, ha subito numerose minacce e per questo è stata costretta a fuggire dal Brasile.
Incontro organizzato dal Centro Studi Donati
Visita il sito: www.centrostudidonati.org

Mighty Vibez - Rotototom Sunsplash 2006

Vincitori del Reggae Contest categoria Europa
Visita il sito: www.rototomsunsplash.com

End Of Dreams - Venice Video Art

Di: Federico Povoleri
Fotografie e Montaggio: Federico Povoleri
Musica: Richard Wagner "Siegfried's Funeral March"
Partecipazioni: Mestre Film Fest (2005) - Santena Corto Film Festival (2005)
Il 15 Aprile del 2003 l'enorme struttura del Molino Stucky, un vecchio granaio abbandonato e monumento storico Veneziano che si trovava in restauro da parte del gruppo Hilton che lo ha acquistato con lo scopo di realizzare appartamenti (venduti a stranieri) e un grande centro congressi con albergo annesso; prende improvvisamente e inspiegabilmente fuoco verso mezzogiorno. Inutile dire che, come per il Teatro la Fenice qualche anno prima, il pericolo maggiore in caso di incendi di grandi proporzioni, lo corre tutta la città, proprio per la sua conformazione e la vicinanza tra un edificio e l'altro.
Quel giorno mi sono trovato sul posto con un paio di macchine fotografiche ed ho seguito lo svolgersi dell'evento fino alla sua conclusione nel tardo pomeriggio. Una delle cose che mi ha maggiormente colpito, è stato il silenzio. Molte persone e vari turisti, hanno seguito l'incendio dalla riva opposta del canale della Giudecca, osservando all'inizio, un religioso silenzio. Un solitario pilota di elicottero, un vero eroe di quel giorno, ha lottato da solo, rischiando più volte la vita per caricarsi d'acqua nel canale e lambendo le enormi fiamme che si alzavano dalla torre; mentre una barca dei vigili del fuoco, insufficente per l'entità dell'incendio, continuava a rovesciare acqua sul palazzo. All'inizio arrivarono alcuni rimorchiatori, attrezzati con cannoni ad acqua più potenti dei pompieri, ma dopo un tentativo, vennero fermati con la scusa che i cannoni erano troppo potenti e potevano danneggiare l'edificio. Un grande elicottero attrezzato per queste emergenze, giungerà soltanto alla fine, con enorme ritardo e da un aeroporto di Belluno. Nel frattempo, la folla ha preso coraggio ed ha cominciato a commentare: viene ridicolizzato il pilota solitario dai soliti sfaccendati che hanno bisogno di qualche argomento da trattare all'osteria, ma il gigante esige rispetto; e con un boato di rabbia e dolore, all'improvviso crolla, riversando un'intera ala della struttura nel canale adiacente. L'ultima protesta dopo una lenta agonia.
Oggi sappiamo che l'incendio è stato doloso, ancora ignoti i responsabili. L'ala crollata è stata ricostruita; ora non sembra più un edificio storico, sembra una delle costruzioni di plastica che si regalano ai bambini; ma non importa, i lavori vanno avanti, il progresso e la modernità di Venezia non si arresta. La città, si sa, è una miniera d'oro per tanti. La cultura non interessa più a nessuno, i guadagni invece, interessano a tutti.
Visita il sito: www.venicevideoart.com

La Piazza Narrata

Eugenio Riccòmini racconta la Piazza Maggiore di Bologna
Regia: Giovanni Mazzanti
Montaggio e Grafica: Nicola Berti
Produzione: Mazzanti Media Bologna
Biografia di Eugenio Riccòmini
Per acquistare il video scrivete a: info@mazzantimedia.it

062) - Jacchia - Israele, tutto il potere a Baruch Spinoza!

A 350 anni dalla sua maledizione, la sorprendente attualità di un portoghese ebreo olandese che aveva spiegato come vanno le cose tra Dio, la guerra, la democrazia.
Visita il sito: www.diario.it

076) - Beppe Cremagnani - L'inchiesta continua

Falso, esagerato, tendenzioso, atto a turbare l'ordine pubblico (Art. 656 del Codice penale)
Questo l'articolo in base al quale Enrico Deaglio e Beppe Cremagnani sono indagati dalla procura della Repubblica di Roma per il DVD Uccidete la democrazia. Si tratta di un vecchio articolo, inutilizzato da almeno trenta anni: precedente illustre quello di Tina Merlin, dell'Unità, che nel 1960 fece un reportage sulla pericolosità della diga del Vajont.
La frase incriminata: Questo film parla delle elezioni politiche italiane dell'aprile 2006, finite sul filo di lana. Non sono state regolari. Se lo fossero state il centrosinistra avrebbe vinto con ampio margine.
Dati sulle ELEZIONI POLITICHE 2006 in PUGLIA
Puglia - non valide, bianche e nulle (43 Kb)
Visita il sito: www.diario.it
Visita il sito:
www.uccidetelademocrazia.com

IV° Concorso Internazionale di Canto Lirico

IV° Concorso Internazionale di Canto Lirico
ANSELMO COLZANI
Il concorso è legato al Laboratorio Lirico del Teatro Consorziale di Budrio e alla ricerca del cast per la messa in scena di opere liriche e concerti.
Lo scopo è quello di portare in scena artisti con buone qualità artistiche che non si siano ancora messi in evidenza nel panorama musicale internazionale.
Riprese effetuate presso il Teatro Consorziale di Budrio
Con il pratrocinio della Regione Emilia Romagna e della Provincia di Bologna
Riprese video realizzate in collaborazione con www.universotv.it

02)- Lezione Dottorale - Gli universali della natura umana di Noam Chomsky

Lettura della LEZIONE DOTTORALE "Gli Universali della Natura Umana" di Noam Chomsky
Chomsky ha iniziato il suo percorso intellettuale come studioso del linguaggio: il suo celebre modello di grammatica generativa ha avuto ripercussioni non solo nel campo della linguistica, ma anche nella psicologia, nella cibernetica, la filosofia del linguaggio.
Registrazione effetuata presso l'Aula Absidale di Santa Lucia
Guarda il .pdf con la traduzione in italiano della Lezione Dottorale

Torino, 21 di marzo: la giornata nazionale della memoria

35.000 persone al corteo dell'XI giornata dedicata alla memoria e all'impegno in ricordo delle vittime delle mafie organizzata da Libera. A sfilare nel centro di Torino, oltre a centinaia di familiari delle vittime e alle autorità, migliaia di studenti e normali cittadini. Il corteo è partito da piazza Vittorio Veneto ed è arrivato in piazza S. Carlo, dove le delegazioni degli studenti hanno eretto, portando un mattone per ogni scuola, il cosiddetto "muro della memoria".
Durante il percorso della manifestazione sono stati scanditi i nomi delle vittime delle mafie. Centinaia di bandiere colorate, ognuna recante il nome di una vittima, hanno sventolato sotto una pioggia intensa. In testa al corteo i familiari delle vittime e numerosissimi sindaci con la fascia tricolore e il gonfalone della propria città. Anche delegati delle forze dell'ordine hanno preso parte attiva al corteo. Tra i numerosi familiari presenti, i parenti di Peppino Impastato, Francesco Fortugno, Giancarlo Siani, Silvia Ruotolo, Boris Giuliano, Carlo Alberto Dalla Chiesa e tanti altri.
Dal palco di piazza S. Carlo gli interventi delle autorità.
Visita il sito: www.libera.it
Visita il sito: www.gruppoabele.org
Visita il sito: www.acmos.net

Risolto il mistero del WTC7

Pochi giorni fa il NIST, l'Istituto Nazionale per gli Standard della Tecnologia, che era stato incaricato dal governo americano di analizzare i motivi del crollo del famoso "edificio 7" (il terzo grattacielo crollato a Manhattan l'11 di settembre) ha dato il suo responso ufficiale. Per la prima volta nella storia, un edificio in acciaio sarebbe crollato a causa di un semplice incendio. Anzi, la completa distruzione dell'edificio - un grattacielo di 47 piani - sarebbe stata causata dal cedimento di una sola colonna, che avrebbe innescato la sequenza devastatrice. Purtroppo la spiegazione, oltre ad essere poco credibile da un punto di vista tecnico, lascia senza risposta troppe domande rispetto all'accaduto. In questo articolo, scritto in forma ironica, potete trovare le più importanti.Massimo Mazzucco

Visita il sito: www.luogocomune.net