Arcoiris TV

Chi è Online

563 utenti
Libri.itMARIA SIBYLLA MERIAN. LA MAGIA DELLA CRISALIDESEBASTIO SALGADO. GOLD (IEP)GARDEN STYLEPERCH I FOTOGRAFI AMANO LE GIORNATE GRIGIELA GIUNGLA IN CASA

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Totale: 21471

EL BULTO


Dirección: Gabriel Retes
Intérpretes: Gabriel Retes, Lourdes Elizarrarás, Lucila Balzaretti, Gabriela Retes

México, 1971. Lauro es un periodista, padre de dos niños. Durante la manifestación estudiantil de San Cosme recibe un bastonazo de un policía que lo deja en coma. Despierta veinte años después, en 1991. Sus hijos, que lo han cuidado desde que son adolescentes, tienen la edad que tenía él cuando entró en coma.
Gabriel Retes representa con humorismo y ternura, con acidez y fineza, los conflictos entre dos generaciones que tienen distinta mentalidad. Inserir un joven "setentero" en una sociedad que está cerrando las puertas del siglo XX y está sepultando sus utopías, provoca grandes y pequeños dramas en la relación padre-hijos.

Cortesía del XIX Festival de Cine Latinoamericano de Trieste.

Visita el sitio: www.cinelatinotrieste.org

L'origine del Male - Storia di una controversa teoria sull'origine dell'AIDS

È possibile che la pandemia di AIDS sia stata causata
da vaccini antipolio accidentalmente contaminati con un virus delle scimmie
e utilizzati in Africa alla fine degli anni '50?

Un documentario teatrale scritto, diretto e interpretato da Christian Biasco
È possibile che la pandemia di AIDS sia stata causata da vaccini antipolio accidentalmente contaminati con un virus delle scimmie e utilizzati in Africa alla fine degli anni '50?
'L'origine del male' è il risultato di un lavoro di ricerca durato più di tre anni, che ha avuto come obiettivo la creazione di un "documentario teatrale" sulla teoria del vaccino orale antipolio e che ha debuttato nell'estate del 2004. Con il termine "documentario teatrale", si intende un racconto multimediale, basato scrupolosamente su fonti pubblicate, da presentare a teatro come se fosse uno spettacolo. L'idea di fondo è che il teatro può riappropriarsi del ruolo di comunicazione e di spazio di discussione, dove persone in carne e ossa si incontrano e si confrontano.
Lo spettacolo ripercorre la storia e l'evoluzione di un'idea, la teoria del vaccino antipolio, attraverso gli articoli, i dibattiti, i sostenitori e gli oppositori, gli argomenti e le critiche, gli attacchi e le censure, i misteri e i colpi di scena, cercando di offrire un quadro il più esaustivo possibile di questa controversia scientifica complessa e dai possibili gravi risvolti sociali e politici. Lo spettacolo diventa poi il pretesto per raccontare dell'Africa coloniale, dell'etica nella sperimentazione, della lotta alla poliomelite, del funzionamento della scienza moderna, ma soprattutto delle nostre responsabilità come cittadini che hanno il diritto e il dovere di informarsi e conoscere. L'AIDS è probabilmente la malattia più "mediatica" e mediatizzata, eppure quanto conosciamo di essa?
Il filmato è un 'donationware', se ti è stato utile e vuoi esprimere il tuo apprezzamento attraverso una piccola donazione lo puoi fare seguendo le indicazioni sul sito.
Per maggiori informazioni o per scaricare il filmato per iPod o Quicktime, vai al sito www.biasco.ch
Contatti: info@biasco.ch

Una danza haitiana per le vie dell'Avana - Cortometraggio

Riprese effettuate all'Avana il 7 gennaio 2004 in occasione delle celebrazioni per il bicentenario della rivoluzione Haitiana organizzate durante l'ottavo taller cientifico de antropologia social y cultural dal museo Casa de Africa della oficina del Historiador de la Ciudad.
Riprese video: Roberto Ravenna
Montaggio e produzione: Carlo Nobili
Suono: in presa diretta

Monongah - La Marcinelle Americana

Film documentario prodotto da FILEF sull'emigrazione del primo novecentoverso gli USA e sulla tragedia mineraria di Monongah.
"Monongah, la Marcinelle americana", ripercorre attraverso la storia dellafamiglia Basile, partita dall'Abruzzo, lo sradicamento e il difficiletravaso nella società americana, permettendo agli spettatori di rifletteresulle tante croci che ancora oggi aspettano un nome e un volto e sulle qualivi è scritto: "qui giace un eroe".... eroe del sogno americano che moltihanno vissuto nel buio delle miniere e in condizioni di sfruttamentoimpressionante. Ed è impossibile, vedendo questo film che narra tra l'altrol'epopea del viaggio dei nostri migranti attraverso l'oceano atlantico, nonritornare alle immagini quotidiane delle migliaia di nuovi immigrati morticento anni più tardi nel nostro mediterraneo alla ricerca del "sognoitaliano".
Silvano Console
Editrice Filef - 2006Cortesia di
FILEF - Federazione Italiana LavoratoriEmigranti e Famiglie

Visita il sito:
www.filef.org

DON LORENZO MILANI E LA SUA SCUOLA

Per gentile concessione della Casa Editrice EMI.

DON LORENZO MILANI E LA SUA SCUOLA
Il filmato con immagini, provocazioni e testimonianze inedite e con la viva voce del Priore e dei Ragazzi di Barbiana, è stata realizzata dalla Radio-Televisione della Svizzera Italiana nel 1979 nella serie "Viaggio nella lingua italiana - Scrittori non si nasce".
Il filmato è un documento storico originale e unico con testimonianze di Pier Paolo Pasolini, Eugenio Montale, Leonardo Sciascia e altri.
Visita il sito: www.marciadibarbiana.it
Acquista il video on-line su EMI

Pescado no tan sano

Documental emitido en Documentos TV de la 2, sobre la laxitud de los gobiernos europeos ante la inseguridad alimentaria del pescado, sobre todo del procedente del Mar Báltico y Noruega. Con recomendaciones acerca de cuanto pescado consumir al mes por su alta toxicidad.

027)- Intervista a Enrico Finessi - Leggere negli occhi

Enrico Finessi ha 27 anni, da quattordici combatte contro la sclerosi multipla ed è autore di due volumi "Raja" e "Tu vincerai". Li ha scritti per trovare risposte alle domande che accompagnano la sua malattia e affrontano temi impegnativi e assoluti: la vita, la morte, il dolore.
Quanto ricavato dalla vendita dei libri viene interamente devoluto alla ricerca per la cura della sclerosi multipla.
Intervista a cura di Annalisa Strada, Libertas
Visita il sito: www.liber.it
Visita il sito: www.scrittoribologna.com

Niente da nascondere

Le menzogne e la ricerca della verità sulla morte di Federico Aldrovandi.
Un'altro video prodotto dalla Feedback Video in collaborazione con Comitato "Verità per Aldo" sulle vicende legate alla morte diFederico Aldrovandi, morto tragicamente il 25 settembre 2005 a Ferrara.Il video contiene immagini crude e impressionanti, adatte esclusivamente a un pubblico adulto.

Visita: federicoaldrovandi.blog.kataweb.it

Claudio Naranjo: La educación es un crimen, una estafa

Congreso del Futuro. Chile Enero 2017
  • Lingua: SPAGNOLO | Licenza: Non commerciale - Non opere derivate - Licenza 3.0 | Condividi
  • Visualizzazioni: 26786
  • Fonte: FormadorQuechua | Durata: 21.12 min | Pubblicato il: 2017-01-19
  • Categoria: MONDO E SOCIETÀ
  • Scarica: MP3 | MP4 |

Il ritorno degli Aarch

Di Karim Metref e Michelangelo Servergnini.
A dopo gli anni bui dei gruppi Armati Islamici, che hanno seminato morte nel paese per yutti gli anni '90, il 2001 he segnato una delle pagine più nere della storia della Algeria. Il corpo nazionale della Gendarmeria interviene reprimendo nel sangue i cortei di protesta nella regione della Cabilia, provocando la morte di 123 manifestanti. La forza della disperazione spinge allora per le strade milioni di giovani decisi a rivendicare il loro diritto ad una vitta dignitosa nel loro Paese, al grido: "non potete uciderci, perchè siamo già morti". Da una stagioni tragica e funebre, poi definita "Primavera nera", inaspettatamente sorge un Movimento Cittadino, che si ispira ad una struttura politica arcaica degli antichi villaggi della Cabilia, l'Assamblea degli Aarch, ora interpretata in chave moderna e basata sul principio dell'orizzontalità. Attraverso il consenso e la participazione diretta alla vita pubblica viene così riabilitata la concertazione popolare nei quartieri e nei villaggi. La politica ritorna alla portata di tutti i cittadini. Il movimento intanto in questi due anni, nonostante la repressione del Governo algerino, ha saputo mobilire milioni di ppersone e coinvolgere la società civile algerina tutta. Il Potere "mafioso e assasino" non ha tregua...