171 utenti


Libri.itLA CACCIAEGYPT, PEOPLE, GODS & PHARAOHS (GB)LE RICETTE DI NONNA IRMALA VITA SEGRETA DEI GATTILEONHART FUCHS. THE NEW HERBAL
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!








Cerca

Inserisci parole chiave

Risultati della ricerca

Hai cercato: +Giovani+femministe | Risultati: 234

Carbon sequestration: il nuovo ruolo dell’agricoltura

Con Dwayne Beck, Mauro Grandi, Francesco Mastrandrea

A cura dei Giovani di Confagricoltura.

Come unire miglioramento della fertilità dei suoli e minori emissioni di CO2, biodiversità e produttività delle aziende agricole?
In uno scenario in cui l’economia e la politica spingono sempre di più verso la sostenibilità, fino a creare nuovi mercati che quantifichino l’impatto per l’atmosfera dei diversi modelli di produzione agro-alimentari, la risposta può venire da vecchie e nuove conoscenze agronomiche.
Ricerca accademica, sperimentazione in campo e coraggio imprenditoriale devono andare di pari passo per raccogliere la sfida, con un occhio alle esperienze locali e l’altro agli studi internazionali

Visita: www.foodsciencefestival.it

Giovani tra storia, grande guerra e letteratura

Sessione Medie - Premio Macerata Racconta Giovani

Incontro con Mariapaola Pesce e Gabriele Pino

Visita: www.macerataracconta.it

Sessione Wlementari - Premio Macerata Racconta Giovani 2022

Lectio magistralis di Zygmunt Bauman

Il rapporto fra genitori e figli visto da Zygmunt Bauman, il celebre sociologo e filosofo polacco, nel corso della sua lectio magistralis tenuta il 22 maggio 2015 a Gorizia in occasione della XI edizione di èStoria – Festival internazionale della storia, dedicata al tema “Giovani” (www.estoria.it). “Incertezza. E insicurezza. Mai nella storia dell’umanità è successo che una generazione fosse costretta a lottare per salvaguardare un tipo e un tenore di vita tarato su quello dei propri genitori, piuttosto che battere nuove strade seguendo un’idea di progresso. È invece questo il destino dei giovani di oggi, intrappolati in una crisi che impedisce loro non solo di immaginare un futuro ma addirittura li rende incapaci di affrontare con le proprie forze una qualsiasi difficoltà, per quanto prevedibile.” (Pietro Spirito su “Il Piccolo” del 23 maggio 2015 http://ilpiccolo.gelocal.it/tempo-lib... )

Massimo Fini: i giovani imperatori di Roma

èStoria 2015, “Giovani”, ospita Massimo Fini, che in una conversazione col giornalista Giovanni Tomasin parla del rapporto fra gioventù e politica nella Roma antica. L’accesso al potere in giovane età conferì una speciale aurea a molti sovrani: da Ottaviano a Romolo Augustolo, passando per Caligola, Nerone, Eliogabalo e altri, questi giovani imperatori si distinsero, tra fama e infamia, entrando nella storia. Massimo Fini, scrittore e giornalista, è autore di due fortunate biografie storiche: Catilina. Ritratto di un uomo in rivolta (Mondadori, 1996) e Nerone. Duemila anni di calunnie (Marsilio, 2013). Con Marsilio ha pubblicato anche il suo ultimo libro, Una vita. Un libro per tutti. O per nessuno (2015). Giovanni Tomasin è un giornalista professionista e scrive abitualmente per Il Piccolo di Trieste. Per lo stesso quotidiano è autore del blog Wanderer (http://wanderer-ilpiccolo.blogautore.... ), diario di viaggi in Germania, mentre il suo blog personale è Terra e Mare (https://giovannitomasin.wordpress.com/ ).

Storia dell’infanzia

La lectio magistralis di Colin Heywood tenuta il 22 maggio a Gorizia, in occasione del festival èStoria 2015, dedicato al tema “Giovani”. Cos’ha significato essere giovani nei secoli? Com’è stata vissuta e percepita l’infanzia nella storia? Perché è importante studiare la storia dei giovani? Heywood ripercorre la storia dei bambini nei mutevoli contesti sociali e culturali, invitando a concentrare la nostra attenzione su un tema fino a pochi decenni fa del tutto trascurato dagli storici. Un’analisi che ci porta a guardare il mondo dalla prospettiva, mai scontata, dei più giovani. Colin Heywood è professore emerito di Storia Francese Moderna all'Università di Nottingham. È specializzato nella ricerca sulla storia dell'infanzia e dell'adolescenza; tra le sue pubblicazioni, History of Childhood (Polity, 2001).

Roberto Saviano riceve Premio FriulAdria Il romanzo della storia

Roberto Saviano, ospite a Gorizia di èStoria 2015 – XI Festival internazionale della Storia, riceve il premio Il romanzo della storia. Consegna il premio Chiara Mio, presidente di Banca Popolare Friuladria – Crédit Agricole. Nelle precedenti edizioni il riconoscimento, conferito agli studiosi più attenti alla dimensione narrativa dell’esperienza storiografica, era stato assegnato a Max Hastings, Ian Kershaw, Corrado Augias, Daniel Goldhagen, Edward Luttwak e Luciano Canfora. Con l'occasione, Roberto Saviano ha tenuto per il numerosissimo pubblico presente alla Tenda Erodoto un intervento dal titolo “Leggere per resistere al male”: storia, letteratura e attualità come spunti di riflessione, fonti di arricchimento e stimoli per migliorare la quotidianità. Questa la motivazione espressa dal presidente dell'Associazione èStoria, Adriano Ossola: "La decisione di offrire il Premio a Roberto Saviano nasce dalla profonda ammirazione per la sua capacità di affrontare il presente in termini critici, studiando le radici dei problemi con precisione e rigore e trasformandolo in storia vera e propria. Per aver quindi indagato la natura antropologica del fenomeno camorristico col distacco di uno storico, senza timori e senza nascondersi dietro la maschera dell'ipocrisia, ci sentiamo in dovere di attribuire un riconoscimento prestigioso. La sua analisi di un fenomeno sociale la cui natura penetra a fondo nella storia d'Italia, e che tutt'oggi fa sentire le sue nefaste conseguenze su una parte importante del paese, ha permesso a milioni di lettori di comprendere una minaccia che a molti potrebbe parere circoscritta, e che invece mette a repentaglio la più profonda essenza della nostra democrazia. Quest'anno abbiamo deciso di dedicare èStoria ai "Giovani", al loro passato ma soprattutto al loro futuro. Il suo coraggioso esempio di giovane cronista animato da una grande passione per l'indagine storiografica ci pare pertanto quanto mai appropriato al fine di coniugare passato, presente e futuro in un messaggio rivolto alle nuove generazioni, che saranno protagoniste del festival".

Giovani giornalisti alla scoperta dell’Europa

L’Europa cambia le cose vicino a noi partendo dalle più piccole. La coesione territoriale rappresenta un elemento fondante dello spirito europeo, teso ad uno sviluppo armonioso fra i paesi e all’uguaglianza delle opportunità all’interno delle società nazionali e regionali. Gli studenti di alcuni istituti superiori del capoluogo analizzeranno i servizi videogiornalistici creati dai loro compagni nell’ambito del progetto “Giovani Giornalisti per l’Europa 2”, finanziato dalla Regione Umbria con risorse del Fondo Sociale Europeo, per identificare i corretti elementi della notizia e i benefici tangibili che tale fondo porta nelle vite delle persone all’interno del territorio regionale. Uno spin-off di qualità introdotto da professionisti che provengono dal mondo accademico, del giornalismo, delle Istituzioni, per parlare di Europa e misurarsi con quiz per premiare le conoscenze acquisite. Partecipano i seguenti istituti di istruzione del capoluogo: Liceo Statale “Pieralli”, Liceo Statale “Galileo Galilei”, IIS Giordano “Bruno”, ITTS "Alessandro Volta" Moderatore: Luca Garosi, caporedattore Rainews24 e coordinatore scientifico del progetto “Giovani Giornalisti per l’Europa 2” Speaker: Paolo Reboani, Direttore “Risorse, Programmazione, Cultura e Turismo”, Regione Umbria Antonio Parenti, Direttore “Rappresentanza in Italia della Commissione Europea” Claudia Mazzola, Direttrice “Ufficio Studi RAI” Marco Mazzoni, docente di “Sociologia dei processi culturali e comunicativi”, Università degli Studi di Perugia Maria Rosaria Fraticelli, responsabile comunicazione FSE, Regione Umbria A cura della Regione Umbria.

Premio Macerata Racconta Giovani - Ottava edizione - 2020

Premiazione degli elaborati delle classi 4 e 5 delle scuole primarie e delle classi 2 della scuole secondarie di primo grado di Macerata

Visita: www.macerataracconta.it