Chi è Online

156 visite
Libri.itWINSOR MCCAY. THE AIRSHIP ADVENTURES OF LITTLE NEMO - pocket sizeEGON SCHIELE. THE COMPLETE PAINTINGS 1909–1918N.191 GO HASEGAWAALBERT WATSON. KAOS - edizione limitataKEIICHI TAHARA. ARCHITECTURE FIN-DE-SIÈCLE

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: africa

Totale: 84

AFRICA UNITE - BABILONIA E POESIA TOUR 2013 official HD


www.africaunite.com BABILONIA E POESIA TOUR 2013
Regia: Alex Caroppi e Luca Bragagnolo
Produzione esecutiva: Francesca Musso

SALTO NEL TEMPO PER GLI AFRICA UNITE. "BABILONIA E POESIA TOUR 2013", CON LA STESSA FORMAZIONE, GLI STESSI TECNICI E GLI STESSI STRUMENTI MUSICALI DEL 1993.

A 20 anni esatti dal tour "Babilonia e poesia", quarto disco degli Africa Unite che li ha portati in tour per oltre cento date tra Italia, Olanda e Inghilterra, Madaski, Bunna e la formazione originale datata 1993, sono pronti per tornare a calcare i palchi della Penisola con una tournée che prenderà il via ad aprile.

"L'idea di realizzare Babilonia e Poesia 2013 è nata a cena, da un'idea mia e di Max Casacci" - racconta Madaski.

La formazione originale dell'epoca, Bunna, Madaski, Max Casacci, Papa Nico, Paolo Parpaglione, Gianluca "Cato" Senatore e Drummy Sir Gio, suonerà in una decina di concerti esclusivi utilizzando gli stessi strumenti di allora, conservati in perfetto stato, e facendosi accompagnare dagli stessi tecnici di quel tour che ha fatto storia e che ora anche i più giovani potranno vedere.

"Penso che gran parte del nostro pubblico, quella più giovane in particolare, possa gustarsi un repertorio quasi inedito, diverso e sicuramente poco suonato dalla formazione contemporanea. Il nostro entusiasmo è enorme, spero l'interesse di chi ci ascolterà possa esserlo altrettanto", racconta Madaski.

Per questa occasione, ognuno "abbandonerà" per qualche settimana la sua band attuale e si occuperà di ricreare quel feeling che ha caratterizzato per diversi anni il suono degli Africa Unite:

"Il feeling tra tutti noi non si è mai interrotto, in questi anni abbiamo sempre collaborato, insomma ci conosciamo molto meglio ora di vent'anni fa. Quello di 'Babilonia e poesia' era un periodo molto interessante per la musica italiana, stava nascendo lo ''zoccolo duro'' torinese, si iniziava a collaborare con le varie realtà della nostra provincia che di lì a poco avrebbero letteralmente conquistato la scena del panorama nazionale", racconta Madaski.

Le miracle de Tanguieta

Le Jour du Seigneur Edition , ParisParution : mars 2013Au milieu de nulle part, à quinze heures de route au Nord de Cotonou, au Bénin, se trouve l'hôpital le plus extraordinaire du monde, l'hôpital Saint-Jean-de-Dieu de Tanguiéta. Ce lieu se présente comme un miracle pour le voyageur de passage mais surtout pour les populations affluentes des frontières proches : Niger, Nigéria, Burkina et Togo. On y traite bien sûr les maladies les plus graves, mais surtout on y opère à tour de bras : trois blocs opératoires tournent en permanence. Dans un endroit si reculé, sans eau ni électricité, c'est une performance inimaginable, un véritable tour de force. Seuls les hôpitaux de guerre de l'Armée américaine ou les infrastructures lourdes de l'ONU peuvent mettre en place de tels centres chirurgicaux dans un milieu si hostile.Depuis quarante ans, Frère Florent, hospitalier de Saint Jean de Dieu, porte cet hôpital improbable à bout de bras. Son secret est d'avoir tout de suite intégré le concept de développement durable en impliquant à 100% le personnel africain, médical ou non. Ici les enfants handicapés repartent debout, les césariennes deviennent possibles et les tumeurs sont traitées. Autant de destins brisés qui peuvent à nouveau se remettre sur le chemin et espérer continuer. Un lieu d'amour, d'espoir et de foi.

Visita il sito: www.saintjeandedieu.com

Tour senza frontiere: Sandro Joyeux live a Reggio Calabria!

Dai fatti di Rosarno del 2010 la consapevolezza di quei lavoratori, africani e non solo, è cresciuta, come dimostrato nelle tante iniziative da loro promosse, che hanno permesso di svelare le diverse "Rosarno" tenute nascoste e sparse su tutto il territorio nazionale. Questi luoghi di sfruttamento ed emarginazione sono stati oggetto di un tour che ha visto viaggiare il cantante e musicista francese Sandro Joyeux tra Foggia e Potenza, tra Castel Volturno e Saluzzo, in tutte quelle cittadine tristemente note ai migranti nelle loro peregrinazioni su e giù per la penisola, seguendo le varie stagioni di raccolta. La musica di Sandro è un vero ponte tra l'Europa e l'Africa.

Bajo Aguán: Grito por la Tierra

"Bajo Aguán: Grito por la Tierra" è una nuova produzione audiovisiva di ALBA SUD e la Rel-UITA sul conflitto per la terra che si vive nel Bajo Aguán, Honduras, provocato dall'espansione delle grandi piantagioni di palma africana, dove i settori contadini organizzati lottano per difendere il loro diritto alla terra.Il Bajo Aguán soffre da vari anni un conflitto provocato dalla mancanza d'accesso alla terra e l'espansione delle piantagioni di palma africana, prodotto che ha visto una grande crescita della domanda internazionale. Dopo il colpo di Stato del 2009 contro il presidente Manuel Zelaya, il conflitto si è acutizzato e si è estesa la repressione contro il movimento contadino, in uno stato di totale impunità. Negli ultimi 3 anni sono stati assassinati 54 contadini organizzati nella più totale impunità.

Visita il sito: www.rel-uita.org

Visita il sito: www.albasud.org

Visita il sito: www.albasud.org

SHOUSHA CAMP - profughi nel deserto tunisino

Shousha è un campo profughi gestitto dall'UNHCR (UNITED NATIONS HIGH COMMISSIONER FOR REFUGEES).
Allestito in Tunisia al confine libico nel febbraio 2011 durante la guerra in Libia, accoglie migliaia di persone che vivono in una città-tendopoli in condizioni critiche e spesso senza prospettive future.
Il reportage è stato pubblicato da fainotizia.it-radio radicale e linkato da altre testate giornalistiche nazionali.
Diverse le reazioni, tra cui quella di Luara Boldrini, portavoce dell'Alto Commissariato per i Rifugiati.
A seguito di una interrogazione parlamentare di alcuni esponenti politici radicali, il Governo Italiano ha risposto a tutte le questioni sollevate nel reportage.
Realizzato da Enrico Montalbano, Laura Verduci e Judith Gleitze.

SPOT AFRICA UNITE OFFICIAL

Venerdi 18 Novembre, Trezzo d'Adda, buona musica e tanti ospiti!

Visita il sito: www.youtube.com

Il Noppaw alla Farnesina: Barbara Bregato

NADiRinforma: mercoledì 25 Maggio 2011Sala delle Conferenze internazionali, Piazzale della Farnesina 1, Roma Barbara Bregato Vice Direttore Generale per gli Affari Generali ed Amministrativi della Cooperazione Italiana

Visita il sito: www.noppaw.org

Visita il sito: www.mediconadir.it

Il Noppaw alla Farnesina: Nafissatou Ndiaye

NADiRinforma: mercoledì 25 Maggio 2011Sala delle Conferenze internazionali, Piazzale della Farnesina 1, Roma Nafissatou Ndiaye rappresentante Ministre du Genre et des Relations avec les associations féminines africaines et étrangères - Senegal

Visita il sito: www.noppaw.org

Visita il sito: www.mediconadir.it

Il Noppaw alla Farnesina: Clarissa Burt

NADiRinforma: mercoledì 25 Maggio 2011Sala delle Conferenze internazionali, Piazzale della Farnesina 1, Roma Clarissa Burt attrice e giornalista

Visita il sito: www.noppaw.org

Visita il sito: www.mediconadir.it

Il Noppaw alla Farnesina: Eugenio Melandri

NADiRinforma: mercoledì 25 Maggio 2011Sala delle Conferenze internazionali, Piazzale della Farnesina 1, Roma Eugenio Melandri Eugenio Melandri, Coordinatore ChiAma l'Africa

Visita il sito: www.noppaw.org

Visita il sito: www.mediconadir.it