Chi è Online

172 visite
Libri.itCHRISTO AND JEANNE-CLAUDE. THE FLOATING PIERS - edizione limitata75 YEARS OF DC COMICS. THE ART OF MODERN MYTHMAKINGDAVID LACHAPELLE. GOOD NEWS. PART IIHAND LETTERING A-Z. GUIDA CREATIVA PER ALFABETI ARTISTICIELLEN VON UNWERTH. HEIMAT

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: Iran

Totale: 55

Iran, cinema e società in fermento

Attore e montatoreBabak Karimi
Regia e produzione a cura di Pasquale Favretto
Fotografia e montaggio di Giacomo Urban

Trans Global Underground & Fanfara Tirana live - Paleariza 2013

I Trans Global Underground e la Fanfara Tirana hanno chiuso con uno stupendo concerto l'edizione 2013 del Paleariza.

DECISIONI IRREVOCABILI

Nessuno, può disinteressarsi della gravissima situazione siriana che potrebbe degenerare in una guerra generale scatenata dall'imperialismo USA.

VI PREGO...

VI PREGO...La finta democrazia dello stato di Israele sta preparando una guerra contro l'Iran giocando con un fuoco che può estendersi in tutto il pianeta. L'Italia presa dai suoi tanti problemi rischia di estraniarsi, complice una informazione delinquenziale.

Israele ama l'Iran

Conferenza di un giovane israeliano che racconta la propria esperienza nel tendere la mano verso il popolo iraniano

Visita il sito: www.luogocomune.net

L'ULTIMATUM

Un fatto gravissimo taciuto da mezzi di informazione: L'ultimatum della Cina agli Usa per possibili interventi in Pakistan, dopo la vera o presunta uccisione di Bin Laden. Barak Obama "Premio nobel per la pace" è sempre più orientato verso azioni di guerra.

Intervista a Robert Fisk- Internazionale a Ferrara 2010

NADiRinforma incontra Robert Fisk: il 2 ottobre 2010, nel corso del festival di Internazionale a Ferrara, Angelo Boccato intervista Robert Fisk, corrispondente dal Medio Oriente del quotidiano britannico The Independent (in precedenza per il Times), autore di libri come Cronache mediorientali (il Saggiatore 2006) e Il martirio di una nazione (Il Saggiatore 2010) che ha avuto modo di intervistare per tre volte Osama Bin Laden e di descrivere in prima persona avvenimenti come la guerra civile libanese, l'invasione israeliana del Libano, il conflitto iracheno- iraniano, l'invasione sovietica dell'Afghanistan e così via, fino agli eventi odierni. Le dinamiche che investono i paesi mediorientali devono essere analizzate e intese oltrepassando le semplificazioni, ma facendo in modo di porsi anche nella prospettiva di coloro che le vivono e le soffrono in prima persona, andando oltre le cronache mediorientali generalmente piatte realizzate dal giornalismo occidentale; tutto ciò avviene ponendosi tra possibili sviluppi futuri, guardando al passato e al presente, senza poter purtroppo evincere speranze positive per l'avvenire di una delle aree più travagliate del globo.

Visita il sito: www.saggiatore.it

Visita il sito: www.mediconadir.it

MANIKANDAN PUNNAKKAL

Manikandan Punnakkal è un artista della tradizione dei dipinti murali del Kerala, lo stato piu' meridionale dell'India che ha la fortuna di custodire un ricco patrimonio artistico e culturale. I dipinti murali riflettono la poliedricità della spiritualità indiana fatta di miti e filosofie che si sono intrecciate nel tempo. I dipinti di Manikandan Punnakkal esprimono attraverso uno stile pittorico classico, codificato nei secoli, la sua visione dell'essere, raccontando con colori caldi un mondo fluido dove i miti del passato prendono vita e danzano davanti ai nostri occhi.Testi e Interviste: Sara AndreisRgia, Montaggio e RipreseVideo: dali, alex Caroppi, Luca Virano.

L'ICONA

Pur di gettare odio sull'Iran, una battaglia sacrosanta contro la pena di morte e per la difesa della donna viene strumentalizzata dagli Stati uniti creando l'icona Sakineh. Altri casi identici a quello di Sakineh vengono invece taciuti: danneggerebbero gli Usa.

AVVISO DI GUERRA

AVVISO DI GUERRAL'informazione non mette abbastanza in guardia i popoli sui pericoli che corrono. Nelle sue "Riflessioni" che ha pubblicato e anche in un drammatico discorso, Fidel Castro non ha mancato di rilevare quanto la situazione sia pericolosa per l'intero pianeta.