Chi è Online

224 utenti
Libri.itATTI DELLA GLORIOSA COMPAGNIA DEI MARTIRIIMPOSSIBILEIL BACIOTHE POLAROID BOOK (IEP) - #BibliothecaUniversalisCHRISTO & JEANNE-CLAUDE - edizione aggiornata
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!






Tag: lisa

Totale: 6

M. D'amico, M. Clara - La laicità

Scuola di cultura politica 2010-2011.Aspetti essenziali della cultura e dell'agenda politica della sinistra. 2° modulo: La democrazia e la sua crisi.Intervento di Marilisa Damico e Massimo Clara: La laicità.Milano 20 novembre 2010

Visita: www.scuoladiculturapolitica.it

Etica laica e nuove frontiere della scienza

Incontro con Umberto Veronesi e Gustavo Zagrebelsky.Coordina Marilisa D’Amico. Milano 25 maggio 2009

Visita: www.casadellacultura.it

Intervista a Lisa Clark - candidata al parlamento europeo

Impegnata da sempre a fianco delle popolazioni nei territori sconvolti dalle guerre, ha vissuto a Sarajevo per lunghi periodi dal 1993 fino alla fine della guerra, promuovendo reti di collegamento e solidarietà nella città e tra le persone separate dai fronti. Successivamente ha vissuto in altre aree della Bosnia e nel Kosovo. Lisa ha partecipato a missioni di pace, di osservazione dei diritti umani ed elettorali in Palestina, Albania, Chiapas e coordinato la missione della società civile per le prime elezioni democratiche del Congo, nonché accompagnato missioni istituzionali in Eritrea, Etiopia,Somalia, Kenya. Lisa fa parte dell´associazione “Beati i Costruttori di Pace” che ha rappresentato all´interno di molti coordinamenti italiani, dalla Rete di Lilliput alla Rete Italiana per il Disarmo alla Tavola della Pace. Negli ultimi tempi si è molto impegnata a coordinare la Campagna “Un futuro senza atomiche” che ha consegnato al Parlamento italiano le firme per una proposta di legge d´iniziativa popolare che dichiara l´Italia “paese libero da armi nucleari”. A livello internazionale, Lisa è la rappresentante italiana di Mayors for Peace (l´associazione degli enti locali per il disarmo nucleare presieduta dal Sindaco di Hiroshima), di PNND (la rete dei parlamentari per il disarmo nucleare), ed è membro del Consiglio Globale di Abolition 2000, la rete di oltre 2000 associazioni mondiali che, alle Nazioni Unite ed in altre sedi internazionali, rappresenta la voce di coloro che si impegnano per il disarmo e per una cultura di pace.

Visita: www.lisaclark.eu

111)- Intervista a Elisabetta Pasquali - Leggere negli occhi

Elisabetta Pasquali ha studiato giornalismo a Urbino, poi è stata giornalista pubblicista per varie testate nazionali, dove si occupava di musica leggere e attualità. E' stata anche segretaria di produzione e responsabile casting per diversi programmi di Rai 2 e Telemontecarlo. Ha scritto sceneggiature, ma il romanzo che guida la nostra conversazione, 'Il gusto del picchio', è il suo esordio letterario. Un esordio impressionante per intensità, dove si parla di malattia mentale in maniera profonda e appassionante. Un esordio dunque raro, per una autrice briosa e dalla piacevolissima conversazione.Intervista a cura di Franco Foschi, pediatra e scrittore Bolognese

Visita: www.scrittoribologna.com

Cominciamo da qui cominciamo da noi

Il Comitato reggiano incontra Lisa Clark
coordinatrice nazionale Comitato ''Un Futuro Senza Atomiche''
presso la sala ''Europa'' dell'auditorium della Cisl
La messa al bando di tutte le armi nucleari è un'aspirazione condivisa da tutta l'umanità.
Per questo lanciamo una raccolta firme per una legge di iniziativa popolare,affinchè si dichiari l'Italia ''Paese libero da armi nucleari''
e cammineremo anche noi verso un futuro senza atomiche, come Austria, enella buona compagnia di tutti gli stati dell'America centro-meridionale, dell'Africa, del Pacifico, del sud-est asiatico
Visita il sito: www.unfuturosenzatomiche.org

Un futuro senza atomiche

La messa al bando di tutte le armi nucleari è un'aspirazione condivisa da tutta l'umanità.
Per questo lanciamo una raccolta firme per una legge di iniziativa popolare,affinchè si dichiari l'Italia ''Paese libero da armi nucleari''
e cammineremo anche noi verso un futuro senza atomiche, come Austria, enella buona compagnia di tutti gli stati dell'America centro-meridionale, dell'Africa, del Pacifico, del sud-est asiatico
50.000 il numero minimo di firme da raccogliere per far discutere il testo in Parlamento
1975 anno di ratifica da parte dell'Italia del Trattato di Non Proliferazione Nucleare
90 le testate nucleari di tipo B-61 presenti nel suolo italianonei siti di Ghedi e di Aviano
53 leorganizzazioni(reti, associazioni, media) che promuovono l'iniziativa di legge popolare
Visita il sito: www.unfuturosenzatomiche.org