Arcoiris TV

Chi è Online

340 visite
Libri.itANDO. COMPLETE WORKS 1975TODAYNASA ARCHIVESCONTEMPORARY CONCRETE BUILDINGS (IEP)JAMES BALDWIN. THE FIRE NEXT TIMEN.197 BRUTHER (2012-2018)

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: palestina

Totale: 23

Todos Somos Palestina

#Libre #freepalestine
#Not1More #NiUnaMas
#WeArePalestine
#TodosSomosPalestina
#FuerzaPalestina
Publicado por: Por Los Caminos del CHE

La Terra delle Arance Tristi. -Teatro al csoa Cartella

Vogliamo raccontarvi una storia, con la semplicità di come se fossimo nel salotto di una delle vostre case, o di come se fossimo tutti seduti attorno al fuoco... ad ascoltare chi ha da narrare...
L'iniziativa fa parte dell'edizione 2014 della rassegna "I popoli che resistono", l'ormai consueta iniziativa del Centro di documentazione INVICTAPALESTINA. che ha portato nel mese di agosto musica, teatro, dibattiti, mostre, nelle città di Diamante, Lamezia, Serra San Bruno, Taverna, Reggio Calabria.

The rights of music in this video belong to their respectful owners. NO COPYRIGHT INFRINGEMENT INTENDED. ONLY FOR FAIR USE. NO PROFIT. If any musician, band member or record label is offended by me posting any their material, please notify me and it will be removed immediately

Un nuevo ícono palestino, Ahed Tamimi, un mensaje de resistencia

Ahed Tamimi es libre, pero no se ha olvidado de los otros 5.000 palestinos que siguen detenidos.
AJ+ habló con ella sobre la vida en una cárcel israelí.

"Antes vivíamos en paz, cristianos, judíos, musulmanes, nuestra lucha es contra el sionismo, no contra los judíos. Los sionistas impiden que haya paz.

Mi mensaje como Ahed es aislar, boicotear y perseguir a Israel como criminal de guerra y unir la lucha nacional y el movimiento de liberación social.

Tenemos que luchar por una sociedad que tenga igualdad social y justicia entre los hombres y las mujeres, entre los jóvenes y los ancianos, tenemos que conectar esas dos cosas.

Si es sólo libertad de la ocupación, habrá destrucción en Palestina. Tenemos que estar conscientes de que el activismo nacional tiene que alinearse con el activismo social"

Janna Jihad: entrevista al congresista más joven de Chile cuyas raíces familiares son palestinas

Transcribo las palabras del congresista: "Somos un grupo de congresistas de derecha y de izquierda, que queremos traer a Palestina, un mensaje de esperanza, que admiramos su valentía, y queremos contarle al mundo y a Chile que Israel es un estado criminal y que la comunidad internacional, tiene el deber de contener y ayudar para que exista paz en Palestina. Este año exigimos que el Ministerio de relaciones Exteriores solicitara la liberación de A. Tamimi y otros presos políticos y hemos promovido la campaña BDS. y queremos que sea ley en nuestro país, para no financiar el apartheid en Palestina, prohibir la comercialización de productos de origen israelí que fueran elaborados con recursos robados y a costa del sufrimiento de un pueblo entero.....cont "En todo el mundo hay injusticias, pero lo que ocurre aquí es responsabilidad de la comunidad internacional; y que cambie va a depender de que la sociedad Civil, los gobiernos, todos colaboremos, boicoteando al estado criminal de Israel y demos paso a la construcción de una paz justa para que todos los seres humanos podamos vivir en paz en el mundo. .....cont. "Que mantengamos la valentía y que no perdamos el rumbo para alcanzar la paz, no se trata de odiar a nadie, se trata de amar la vida"... Jorge Brito- congresista chileno...

En Chile la comunidad de origen palestina es de alrededor de 500 mil habitantes.

Il coraggio della nonviolenza

All'inizio di gennaio nella zona E1 ad est di Gerusalemme oltre 200 palestinesi organizzati dai Comitati Popolari di resistenza nonviolenta hanno fondato un nuovo villaggio formato da tende e l'hanno chiamato Bab Al Shams che significa “Porta del Sole”. Con la costruzione di Bab Al Shams la resistenza popolare nonviolenta ha fatto un passo in più. Ogni giorno, all'interno della Cisgiordania,i palestinesi devono resistere contro l'occupazione militare e contro il muro: la repressione, l'occupazione illegale di terre, la costruzione di insediamenti da parte di coloni I comitati popolari palestinesi insieme ad attivisti internazionali da anni resistono all'occupazione con la nonviolenza e con coraggio. Di questo hanno parlato Abdallah Abu Rahme, Coordinatore dei Comitati popolari per la resistenza nonviolenta palestinese insieme a Luisa Morgantini, dell'associazione AssopacePalestina e già Vicepresidente del Parlamento europeo. L'incontro è stato organizzato insieme alla Lista Civica Doria del Comune di Genova e sono intervenuti l'Assessore alla legalità e diritti Elena Fiorini e il Consigliere Comunale Enrico Pignone capolista della Lista Civica Doria.I filmati girati in Palestina sono stati forniti dai Comitati Popolari di resistenza nonviole

Visita il sito: www.assopacepalestina.org

palestina 2010

palestina 2010

Visita il sito: www.youtube.com

Un piazza per Vik

NADiRinforma: videodocumento relativo alla cerimonia tenutosi a Casalecchio di Reno (Bo) il 17 settembre '11 a dedicare la piazzetta antistante la Casa per la Pace a Vittorio Arrigoni, volontario per la Pace ucciso a Gaza il 15 aprile 2011. L’Amministrazione Comunale di Casalecchio di Reno, insieme al Comitato cittadino per la pace e ai Giovani Amministratori per la Pace e con il coordinamento di Casalecchio delle Culture hanno promosso e supportato l'iniziativa che ha coinvolto tanti cittadini animati da un forte sentimento di gratitudine nei confronti di quel giovane giornalista che ha dimostrato quanto la passione per la giustizia e la verità non siano parole, ma una scelta di vita.Alla cerimonia hanno partecipato: il Sindaco di Casalecchio di Reno Simone Gamberini, la Senatrice della Repubblica Rita Ghedini, il Presidente dell’Associazione Percorsi di Pace Giovanni Paganelli, il Consigliere Comunale e membro di Giovani Amministratori per la Pace Mattia Baglieri e Chiara Segrado, Coordinatrice di Save the Children Italia per l’area Medio Oriente e Nord Africa.

Visita il sito: www.mediconadir.it

NADiRinforma incontra Luisa Morgantini

Bologna, 7 luglio '11, abbiamo potuto scambiare due chiacchiere con Luisa Morgantini (Coordinamento Naz. Donne per la Pace, cofondatrice Donne in nero, ex Vicepresidente del Parlamento Europeo) a proposito della situazione palestinese. I Governi Europei non hanno il coraggio di ammettere che Israele vive costantemente nell'illegalità, il problema vero della Palestina, non è tanto la situazione interna, quanto la Comunità Internazionale che continua ad avere la lingua biforcuta circa l'assurda situazione Israelo-Palestinese: da una parte parla di 2 Popoli/2 Stati, dall'altra non fa nulla concretamente per far sì che i Palestinesi abbiano davvero un loro Stato. Del resto il sistema mediatico occidentale fornisce un'immagine falsa della Palestina: i palestinesi non sono coloro che urlano col volto coperto dalla kefia, ma sono un popolo che fa resistenza non violenta giorno dopo giorno ed Israele in realtà ha molta più paura del coraggio della non violenza che non degli spari. Bisognerebbe distruggere gli stereotipi proposti dal sistema mediatico.Intervista a cura di Angelo Boccato

Visita il sito: www.mediconadir.it

Hitham Kayali e Prosper Palestine

NADiRinforma incontra Hitham Kayali, in rappresentanza della chiamata internazionale "Prosper Palestine" destinata a sostenere il popolo palestinese nella costruzione dello Stato Palestinese nel quale potrà vivere in pace e in sicurezza insieme al vicino popolo israeliano. Prosper Palestine punta al coinvolgimento internazionale volgendolo ad un riequilibrio dei legami economici con i territori insediati.Intervista a cura di Angelo Boccato

Visita il sito: www.mediconadir.it

Visita il sito: www.prosperpalestine.org

Intervista a Robert Fisk- Internazionale a Ferrara 2010

NADiRinforma incontra Robert Fisk: il 2 ottobre 2010, nel corso del festival di Internazionale a Ferrara, Angelo Boccato intervista Robert Fisk, corrispondente dal Medio Oriente del quotidiano britannico The Independent (in precedenza per il Times), autore di libri come Cronache mediorientali (il Saggiatore 2006) e Il martirio di una nazione (Il Saggiatore 2010) che ha avuto modo di intervistare per tre volte Osama Bin Laden e di descrivere in prima persona avvenimenti come la guerra civile libanese, l’invasione israeliana del Libano, il conflitto iracheno- iraniano, l’invasione sovietica dell’Afghanistan e così via, fino agli eventi odierni. Le dinamiche che investono i paesi mediorientali devono essere analizzate e intese oltrepassando le semplificazioni, ma facendo in modo di porsi anche nella prospettiva di coloro che le vivono e le soffrono in prima persona, andando oltre le cronache mediorientali generalmente piatte realizzate dal giornalismo occidentale; tutto ciò avviene ponendosi tra possibili sviluppi futuri, guardando al passato e al presente, senza poter purtroppo evincere speranze positive per l’avvenire di una delle aree più travagliate del globo.

Visita il sito: www.saggiatore.it

Visita il sito: www.mediconadir.it