Arcoiris TV

Chi è Online

436 utenti
Libri.itTHE SARTORIALIST. INDIAROCKY: THE COMPLETE FILMS - edizione limitataGREAT ESCAPES ITALY (IEP) - edizione aggiornataVIENNA. PORTRAIT OF A CITYROY STUART. THE LEG SHOW PHOTOS: EMBRACE YOUR FANTASIES, GETTING OFF

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: university

Totale: 6

Evoluzione nella Dancehall: Innovazione al Microfono

Dancehall ora è una parola a se' stante. Nessuno può spiegare la Dancehall, nessuno. Devi solo venire e sperimentarla'Queste sono le parole di Ricky Trooper, selecter del celebrato sound system Kilamanjaro.Anche se "dancehall a yard" e cioè la genuina dancehall in Giamaica è diversa dalla "dancehall abroad" e cioè la dancehall internazionale, le vibrazioni della dancehall non saranno quest'anno solo nella tenda dancehall del Rototom, ma anche in questa session dove gli specialisti del settore incontrano idocenti universitari che sono o sono stati loro stessi selecters, autori, giornalisti e soprattutto fans.Il punto di vista del microfono sarà formito in questa lezione dal dj giamaicano/inglese Dr.William "Lezlee Lyrix"Henry, dalla dr. Donna P. Hope Marquis, della niversity of the West Indies, da Lone Ranger,Foundation deejay and Studio One veteran, e da Carlton Livingston,Foundation dancehall singer.

Visita: www.rototom.com

Taking Reggae To The World - 50 Years Of Island Records

Pensando alla più longeva etichetta indipendente di maggior successo, la Island Records, il marchio caratteristico del suo logo e cioè l'onnipresente albero di palma appare immediatamente ai nostri occhi. Sicuramente tutti voi avrete molti albums nella vostra collezione con il logo della Island. E ogni volta che si menziona il fondatore della Island Chris Blackwell probabilmente il nome di Bob Marley, il re del reggae, è associato a lui. Non ci sono dubbi sul talento di Marley, ne sull'eccellenza di Coxsone Dodd, Lee "Scratch"Perry e Leslie Kong come produttori dei primi lavori dei Wailers, ma sicuramente se non fosse stato per il supporto concreto di Chris Blackwell, il sound di Marley non avrebbe senz'altro raggiunto questa fama a livello internazionale.Partecipano alla conferenza:CHRIS BLACKWELLThe founder of Island Records.BUNNY WAILERCompagno di Bob e Peter nei Wailers nonchè inteprete di una straordinaria avventura solista iniziata nel 1976 con l'album 'Blackheart man'

Visita: www.rototom.com

Maria Rita D'Orsogna e le conseguenze dell'estrazione del petrolio

La dott.ssa Maria Rita D’Orsogna, ricercatrice presso la California State University di Los Angeles illustra i problemi e le conseguenze ambientali e sociali dell’estrazione e della lavorazione del petrolio in Italia.Vai alla mappa sull' attivita estrattiva del nostro italico sottosuoloGuarda l'intervento di Stefano MontanariGuarda l'intervento di Antonietta Gatti

Visita: www.stefanomontanari.net

Rastafari: Unità e diversità di una filosofia Globale

Conferenza e estratti dal suo documentario "Rastafari: Death to Black and White Downpressors". Professore all'Istituto di Antropologia Sociale e Culturale (Ethnology) all'Università di Vienna, giornalista, Werner Zips ha realizzato documentari su Jamaica, Cuba e Ghana.Special Guest: Sydney Salmon.Artista, membro delle Twelve Tribes of Israel, vive a Shashamane - Etiopia. Collabora con l'organizzazione umanitaria "The Shashamane Settlement Community Development Foundation" che ha già realizzato e sviluppato scuole di primo e secondo grado e un ospedale. Ha partecipato ad "Africa Unite", il mega-evento ad Addis Abeba per celebrare il 60° compleanno di Bob Marley (2005)

Visita: www.rototom.com

Nuovi stili nella DanceHall

Con: Assassin, Wayne Marshall, Bugle, Teflon, Sugar Minott, Pressure, Don Corleon Per la prima volta il Rototom Sunsplash dedica una intera notte degli spettacoli sul Main Stage alla dancehall. In questa 'dancehall night' del 7 luglio, vari artisti si esibiranno utilizzando il ritmo di una stessa band con lo scopo di far muovere il più possibile i corpi del loro pubblico nello stile giamaicano (l'unica eccezione è Mr. Vegas che avrà la sua Thugz Band invece della Strong House Band che accompagnerà tutti gli altri artisti). Per la prima volta il nostro festival ha voluto nella line-up in esclusiva per l'europa giovani deejays come Wayne Marshall, Assassin, Bugle, Teflon ed il trio Voicemail, artisti che non sono molto noti ancora in europa nonostante abbiano già fatto grandi cose in Giamaica.All'incontro della Reggae University di oggi discuteremo lo stato di forma della attuale scena giamaicana ma allo scopo di capire dove la dancehall sta andando dobbiamo sapere da dove viene e quindi il leggendario cantante Sugar Minott parlerà delle sue esperienze di artista dancehall negli anni '70 ed '80 per darci una maggiore comprensione di quei tempi gloriosi e degli sviluppi che hanno poi portato la dancehall ai giorni nostri. Artisti come Assassin e Wayne Marshall ci parleranno del momento in cui sono cresciuti come artisti e cioè il passaggio tra gli ultimi anni del passato decennio ed i primi di quello attuale, mentre Bugle e Teflon ci faranno capire quale sarà il futuro della dancehall. Pressure non è un rappresentante della scena hardcore e ci parlerà quindi dei fluidi legami tra la dancehall e le istanze del moderno roots reggae. Pressure ci parlerà anche del sorgere di una scena dancehall nelle sue Isole Vergini e di cosa significa emergere in Giamaica come artista 'straniero'. La prospettiva dei produttori ci sarà resa nota da due grandi produttori della dancehall attuale come Don Corleon e Daseca che sono tra i responsabili della direzione che la dancehall ha imboccato negli ultimi anni.

Visita: www.rototom.com

Da 'Rudeboy' a 'Shotta' - violenza ed alienazione nella espressione culturale Giamaicana

Special Guest: Ky-mani Marley (nel film "Shottas")
La campagna elettorale del 1980 in cui più di 800 giamaicani persero la vita in scontri a fuoco è costantemente considerata un noto indicatore della violenza endemica che si insinua nella società giamaicana. Spesso comunque i commentatori culturali giamaicani ignorano il fatto che dalla metà degli anni novanta ad oggi il tasso degli omicidi è più che raddoppiato e sta ancora crescendo giorno per giorno. Questa realtà è innegabilmente riflessa da espressioni culturali sull’isola come la musica o i films.
Marlene Calvin aprirà la sua conferenza con un breve sommario sulla storia della violenza in Giamaica per introdurre l’uditorio all’argomento della lezione. Farà poi un parallelo tra i films ‘The harder they come’ e ‘Shottas’ per dimostrare di come la violenza e le sue espressioni sono cambiate nel tempo. Marlene definirà anche i termini ‘rudeboy’ e ‘shotta’ per comparare le due ‘immagini’ prima di esplorare le varie influenze strumentali allo sviluppo della violenza in Giamaica e cioè il clientelismo del sistema politico, le influenze in questo contesto della cultura visiva statunitense offerta dai films western, il problema dei criminali giamaicani che vengono rispediti forzatamente nella loro patria dagli USA, etc…Saranno mostrati estratti dei due films già citati e ascolteremo anche alcuni brani musicali che supportano le sue tesi.Marlene Calvin è nata in Giamaica ad Hanover ed ha studiato inglese e storia dell’arte alla Heinrich Haine University a Dusseldorf dove vive dal 1989. Ha completato di recente la dissertazione ‘Diasporic Lives: Alienation and Violence as Themes in African American and Jamaican Cultural Texts’, in cui analizza in modo esaustivo alcuni films sulla realtà giamaicana.

Visita: www.rototom.com