Chi è Online

Chi è Online

499 utenti
Libri.itBASQUIAT (I) - 40PETER LINDBERGH. ON FASHION PHOTOGRAPHY (I/E) - 40MIGRANTISOCIETÀ SEGRETE E CULTI OSCURIMICK ROCK. THE RISE OF DAVID BOWIE, 1972–1973 (INT) - JU
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!






Tag: Marley

Totale: 3

Kymani Marley

Insieme a Stephen, Kymani Marley è il figlio del grande Bob la cui voce rispecchia la maggior somiglianza con quella del padre. è nato il 26 febbraio 1976, figlio di Bob e della campionessa giamaicana di ping pong Anita Belnavis. Dopo aver passato dei periodi della sua prima infanzia con il padre Bob e la moglie Rita, è emigrato nel 1985 con la madre a Miami. Oltre a praticare vari sports, durante la sua adolescenza ha preso lezioni di batteria, chitarra piano e tromba ed ha intrapreso l'attività di musicista legandosi al produttore/manager Clifton 'Specialist' Dillon. Il suo primo successo 'Dear dad', sul ritmo della paterna 'Crazy baldhead' è una lettera in cui Kymani testimonia al padre scomparso la mancanza che prova per lui. Oltre al roots questo giovane artista ama molto l'hip hop e si dedica alla contaminazione della forma musicale giamaicana con questo genere: Kymani collabora con Praz dei Fugees per la cover di 'Electric avenuè' di Eddy Grant e nel 1997 debutta su album con il disco di cover paterne 'Like father like son', seguito nel 1999 dal piu' moderno 'The Journey'. Nel 1998 esegue l'inno giamaicano davanti a quarantaseimila spettatori al Kingston National Stadium prima che inizi Giamaica-Brasile, partita di qualificazione per i mondiali di calcio del 1998. Oltre che promuovere 'The Journey' con un tour mondiale, appare spesso negli spettacoli dei Marley Youths insieme ai fratelli Damian, Stephen e Ziggy e collabora con loro al CD 'Chant down Babylon' in cui la voce del padre appare in una serie di combinations virtuali con altri artisti. è il roots piu' incontaminato che invece domina il suo terzo CD 'Many more roads' uscito alla fine del 2001: la qualità di questo album è premiata con una nomination al Grammy Award per il miglior disco reggae. Kymani è anche un attore ed ha interpretato insieme a Spragga Benz e Paul Campbell la gangster-story giamaicana 'Shottas' mentre è il protagonista di 'One love', un film che narra le vicende sentimentali di un Rasta e di una ragazza cattolica. Il CD 'Milestonè che segue nel 2004 è in realtà un assemblaggio dei brani migliori di 'The journey' e 'Many more roads'. Ha collaborato con vari artisti hip hop come Young Buck nel brano 'Puff Puff Pass", Afu-Ra in "Equality" contenuta in 'Body of the Life Forcè, 'A Little Deeper'. Ha raggiunto un buon successo con la cover di Eddy Grant "Electric Avenue" in collaborazione con Pras dei Fugees ed ha duettato con il nostro Al Borosie nella cover paterna 'Burning & looting' ed in 'Streets'. Il suo silenzio discografico è rotto dopo sette anni in questi giorni dal suo nuovissimo CD 'Radio'.

Visita: www.rototom.com

Wailin' Blues: The story of Bob Marley's Wailers

Con: John Masouri.Uno dei più importanti scrittori di musica reggae in Inghilterra. Ha recentemente pubblicato il libro "Wailing Wailers - The story of Bob Marley's Wailers"Special guest: Junior Marvin chitarrista dei WailersFully Fullwood (jam), Tony Chin - Soul Syndicate - con Peter Tosh nella banda "Word Sound & Power"L'ultimo libro di John Masouri "Wailing Blues - The Story of Bob Marley's Wailers è la biografia dei più celebrati artisti reggae in assoluto. Quest'opera racconta la storia dell'eredità musicale del gruppo decentra nei dettagli su come i discendenti di Marley hanno trasformato la figura di questo artista in una autentica icona culturale a spese dei membri della sua band. La storia dei Wailers è una litania di tradimenti ed avidità che in nessun altro scritto è stata descritta così dettagliatamente. I Wailers hanno suonato in tutti i suoi hits ed albums e cioè dischi che hanno venduto 250 milioni di copie in tutto il mondo ed hanno fissato il carattere di icona culturale e musicale del suo autore. Scritta in collaborazione di Aston 'Familyman' Barrett ed altri membri della band, questa storia dei Wailers rivela la verità dietro l'eredità Marley. Il libro di John Masouri descrive la storia dei fratelli Barrett da prima dell'unione con Bob Marley e dimostra l'influenza innegabile di Lee Perry sul trio composto da Bob Marley, Peter Tosh e Bunny Wailer. Include anche un racconto dettagliato dell'attentato subito da Bob Marley e del suo esilio a Londra ed esamina la genesi di capolavori che hanno cambiato la storia della musica come "Exodus", "Waiting In Vain", "No Woman No Cry" e "I Shot The Sheriff". Alla Reggae University John Masouri ci introdurrà al suo libro e suonerà alcune tracce inedite di Bob Marley con anche dei dubs dei Wailers molto interessanti. John Masouri è uno dei più famosi giornalisti reggae del mondo. Negli ultimi venti anni ha scritto un vasto numero di articoli sui maggiori artisti dallo ska al rocksteady fino alle stars della recente dancehall. E' famoso soprattutto per il suo lavoro alla rivista inglese di musica nera Echoes dove continua a scrivere di reggae ogni mese. E' anche uno dei collaboratori regolari di Mojo e Riddim e ha scritto articoli su Music Week, The Guardian, Observer, NME e riviste statunitensi come The Beat, francesi come Ragga, giapponesi e giamaicane. E' coautore del Guinness Book of Reggae e della Virgin Encyclopaedia of Reggae ed ha scritto i testi per numerosi servizi radio e documentari televisivi commissionati da BBC ("The Story of Jamaican Music" e "Blood and Fire"), Channel 4 e dal BBC World Service. Sta lavorando alla biografia ufficiale di Maxi Priest e ad altri vari progetti.

Visita: www.rototom.com

Da 'Rudeboy' a 'Shotta' - violenza ed alienazione nella espressione culturale Giamaicana

Special Guest: Ky-mani Marley (nel film "Shottas")
La campagna elettorale del 1980 in cui più di 800 giamaicani persero la vita in scontri a fuoco è costantemente considerata un noto indicatore della violenza endemica che si insinua nella società giamaicana. Spesso comunque i commentatori culturali giamaicani ignorano il fatto che dalla metà degli anni novanta ad oggi il tasso degli omicidi è più che raddoppiato e sta ancora crescendo giorno per giorno. Questa realtà è innegabilmente riflessa da espressioni culturali sull’isola come la musica o i films.
Marlene Calvin aprirà la sua conferenza con un breve sommario sulla storia della violenza in Giamaica per introdurre l’uditorio all’argomento della lezione. Farà poi un parallelo tra i films ‘The harder they come’ e ‘Shottas’ per dimostrare di come la violenza e le sue espressioni sono cambiate nel tempo. Marlene definirà anche i termini ‘rudeboy’ e ‘shotta’ per comparare le due ‘immagini’ prima di esplorare le varie influenze strumentali allo sviluppo della violenza in Giamaica e cioè il clientelismo del sistema politico, le influenze in questo contesto della cultura visiva statunitense offerta dai films western, il problema dei criminali giamaicani che vengono rispediti forzatamente nella loro patria dagli USA, etc…Saranno mostrati estratti dei due films già citati e ascolteremo anche alcuni brani musicali che supportano le sue tesi.Marlene Calvin è nata in Giamaica ad Hanover ed ha studiato inglese e storia dell’arte alla Heinrich Haine University a Dusseldorf dove vive dal 1989. Ha completato di recente la dissertazione ‘Diasporic Lives: Alienation and Violence as Themes in African American and Jamaican Cultural Texts’, in cui analizza in modo esaustivo alcuni films sulla realtà giamaicana.

Visita: www.rototom.com