Chi è Online

210 visite
Libri.itLA VENERE ANATOMICAANDY WARHOL. POLAROIDS (IEP) - JumboTREE HOUSES. FAIRY TALE CASTLES IN THE AIR (IEP)IL LIBRO DEI MIRACOLI (IE)ROBERT CRUMB. SKETCHBOOK. VOL. 2: SEPT. 1968–JAN. 1975

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: Politkovskaja

Totale: 6

Premio Ilaria Alpi 2012: Giorgio Fornoni

Giorgio Fornoni propone il documentario "Giornalisti in prima linea" , un lavoro in finale nella categoria Doc - Rai riservata ai filmati inediti, che vuole mostrare le minacce alla libertà di stampa in Russia, uno dei Paesi nel quale i giornalisti sono tra i più martoriati, tanto che si contano più di 200 assassinii tra il 1993 e il 2009. Il caso più eclatante è quello di Anna Politkovskaja, giornalista della Novaya Gazeta che per anni ha denunciato i crimini delle truppe federali in Cecenia fino all'agguato del 7 ottobre del 2006, che ha posto fine alla sua vita.Intervista a cura di Simona Cesarini Riprese Valeria Valli

Visita il sito: www.ilariaalpi.it

Visita il sito: www.mediconadir.it

117)- Intervista a Andrea Riscassi - Leggere negli occhi

Andrea Riscassi, nato nel 1967 è un giornalista della Rai di Milano, dove si occupa di politica e di cronaca. Ha iniziato, giovanissimo, prima a «Società» poi al «Corriere della Sera» per approdare in televisione nel 1991 dove ha seguito le guerre balcaniche e le rivoluzioni democratiche nei paesi ex sovietici e moltissime campagne elettorali, in Italia come all'estero.
Parliamo con lui di "Anna è viva", appena uscito per le edizioni Sonda, dove si parla di Anna Politkovskaja, e senza paura si utilizzano parole come speranza, giustizia, impegno civile, società. Parliamo anche di 'Un albero per Anna', appello pubblico dal quale è nata l'associazione "Annaviva", che si occupa di diritti umani e di democrazia nell'ex spazio sovietico. Grazie al suo impegno nel ricordare la grande giornalista russa, Riscassi ha ricevuto la medaglia d'oro della Provincia di Milano, Premio Riconoscenza 2008.

Visita il sito: www.scrittoribologna.com

Omaggio a Anna Politkovskaja

Anna Politkovskaja: concerto per voce solitaria propone un viaggio nell'assurdità umana. Partendo dalle riflessioni della giornalista russa, Ferdinando Maddaloni presenta il suo documentario, alternandolo con frammenti dell'omonimo spettacolo teatrale, di cui è attore insieme a Carmen Femiano e al cantautore Nicola Dragotto. Allo spettacolo è legato il progetto di beneficenza Una videoteca per Beslan: tutti gli artisti prestano gratuitamente la propria opera per raccogliere fondi con cui realizzare a Beslan, in Ossezia dl nord, una videoteca per i bambini superstiti di una grande tragedia.

Visita il sito: www.myspace.com

Anna Politkovskaja. Concerto per voce solitaria

Un cortometraggio di Ferdinando Maddaloni dedicato alla giornalista russa assassinata il 7 ottobre 2006 a Mosca.Partendo dalle riflessioni della giornalista russa Anna Politkovskaja, che nell'agosto 2008 avrebbe compiuto 50 anni, lo spettacolo rappresenta una sorta di viaggio collettivo sui binari dell'ironia attraverso le stazioni dell'assurdità umana.Tutti gli artisti si esibiranno gratuitamente: allo spettacolo è legato infatti il progetto di beneficenza "Una videoteca per Beslan". I contributi raccolti serviranno a regalare ad una scuola di Beslan (Ossezia del Nord), una videoteca per ragazzi, con la speranza di far tornare il sorriso sul volto dei piccoli superstiti di una grande tragedia.Mercoledì 24 settembre 2008 - ore 18.00 LA FELTRINELLI - Via Manzoni, 12 - Milano

Visita il sito: www.myspace.com

Giornata per Anna Politkovskaja - pomeriggio

7 ottobre 2006: è morta una giornalista vera.
Si chiamava Anna Politkovskaja.

Le hanno sparato prima al cuore e poi alla testa all'ingresso di casa sua alla periferia di Mosca.Figlia di diplomatici ucraini, Anna per vent'anni ha seguito con passione e coraggio il conflitto ceceno.Impegnata nella denuncia delle violazioni commesse dal governo di Mosca, nel 2001 ha vinto il Global Award di Amnesty International
per il giornalismo in difesa dei diritti umani e un anno dopo accetta il ruolo di negoziatrice durante l'assedio del teatro Dubrovka di Mosca.
Anna era già stata arrestata, minacciata di rapimento ed aveva subito un tentativo di avvelenamento.
Ma la sua idea di giornalismo era alta: cercava di raccontare con onestà quello che vedeva, scriveva pensando che i diritti umanisiano un valore assoluto, da difendere sempre, anche in Cecenia, da lei stessa definita "un inferno sulla terra".

Interventi:
Avv. Carmela Lavorato - Associazione Giuristi Democratici, coautrice di un report sul femminicidio
Majnat Abdullaeva - giornalista in cecena del Programma scrittori in esilio del PEN
Giuliano Prandini - coordinatore per l'area della Federazione Russa di Amnesty International
Modera:
Sara Sartori - Radio Città Fujiko
Visita il sito:www.donneinnero.it

Giornata per Anna Politkovskaja - mattina

7 ottobre 2006: è morta una giornalista vera.
Si chiamava Anna Politkovskaja.

Le hanno sparato prima al cuore e poi alla testa all'ingresso di casa sua alla periferia di Mosca.Figlia di diplomatici ucraini, Anna per vent'anni ha seguito con passione e coraggio il conflitto ceceno.Impegnata nella denuncia delle violazioni commesse dal governo di Mosca, nel 2001 ha vinto il Global Award di Amnesty International
per il giornalismo in difesa dei diritti umani e un anno dopo accetta il ruolo di negoziatrice durante l'assedio del teatro Dubrovka di Mosca.
Anna era già stata arrestata, minacciata di rapimento ed aveva subito un tentativo di avvelenamento.
Ma la sua idea di giornalismo era alta: cercava di raccontare con onestà quello che vedeva, scriveva pensando che i diritti umanisiano un valore assoluto, da difendere sempre, anche in Cecenia, da lei stessa definita "un inferno sulla terra".

Interventi:
Patricia Tough - Donne in nero di Bologna
Maria Virgilio - Assessora Scuola, Formazione e Politiche delle differenze, Bologna
Elena Dundovich - docente Storia delle organizzazione internazionali, Firenze
Roberta Frediani - traduttrice di Le fidanzate di Allah, di Julija Juzik
Modera:
Lucia Manassi - Città del Capo Radio Metropolitana
Letture:
Sara Nanni da testi di Anna Politkovskaja
Musiche:
Duo Moka
Visita il sito:www.donneinnero.it