491 utenti


Libri.itAI WEIWEI (INT) - 40VELÁZQUEZ. THE COMPLETE WORKSMASTERPIECES OF FANTASY ART (INT) - XLTAIJISCHAPIRO. GODFATHER (INT) - 40
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!






Cerca

Inserisci parole chiave

Risultati della ricerca

Hai cercato: +Una+giornata+con+il+comitato | Risultati: 683

Essere una Idol in Giappone: La vita di Yuriko Tiger

Sapete cos'è un "IDOL"? E una "COSPLAYER"?
Io, prima di incontrare Eleonora Guglielmi, in arte "Yuriko Tiger", ne sapevo veramente poco, ma è bastato passare qualche giorno a Tokyo insieme a lei per scoprire un mondo!
Yuriko è la cosplayer internazionale più famosa in Giappone e ha accettato di portarmi a fare un giro nel quartiere di Akihabara, il paradiso per gli amanti di anime, manga e videogames.
Mi ha raccontato che qui in Giappone, lei ha esaudito il suo sogno: diventare una "Idol" e lavorare professionalmente come Cosplayers. Alla fine della giornata l'ho seguita in uno dei suo fan meeting ed è proprio li che ho conosciuto meglio Eleonora e non Yuriko.
Ognuno di noi indossa una maschera nella quotidianità, c'è chi lo fa volontariamente come Yuriko e chi nemmeno se ne accorge, ma come dice Eleonora: "l'importante è essere felice anche senza un travestimento".

La matematica è un’opinione?

La domanda è provocatoria, ma neanche così tanto: se infatti teoremi, equazioni e dimostrazioni sono forse ciò che di più oggettivo riusciamo a concepire, quando si racconta un fenomeno scegliendo certi numeri invece di altri (anche se tutti corretti) si finisce per raccontare storie anche molto diverse tra loro. È quello che abbiamo visto accadere durante questa pandemia, in cui i numeri sono tornati da prima pagina e in prima serata. Ma è qualcosa che si osserva anche in politica, specie in una democrazia rappresentativa come la nostra, dove il gioco delle proporzioni può cambiare la vita di un intero paese.

Ne parliamo con Piergiorgio Odifreddi, matematico e scrittore altresì membro del nostro Comitato Scientifico e Gianluca Dotti, giornalista scientifico e fisico.

Visita: festival.bergamoscienza.it

Un dibattito su giornalismo e diritti umani

Il Comitato Interministeriale per i Diritti Umani ha nel corso degli anni notato una generale mancanza di attenzione e di conoscenza tecnica sul tema dei diritti umani. Tali mancanze sono emerse di recente in tutta la loro ampiezza, ad esempio, in occasione delle celebrazioni per i 70 anni della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani dello scorso 10 dicembre. Al riguardo si è pensato, d’intesa con l’Associazione “Ossigeno per l’Informazione”, che si potrebbe usare il volano del Piano d’Azione Nazionale Quinquennale 2016-2021 su Impresa e Diritti Umani per favorire, su base volontaria, la formazione in questa materia del personale delle imprese che operano nel campo dei media. In effetti, tanto i giornali quanto le televisioni o le radio sono "imprese" e come tali rientrano nel campo d’azione del Piano Nazionale, nel quale, durante la revisione dello scorso anno, è stata introdotta proprio una misura ad hoc a tal fine. Naturalmente la formazione deve intendersi toccare tutti i principali aspetti dei diritti umani, a cominciare dai documenti fondanti, quali la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

Con: Angelica Bonfanti (Università degli Studi di Milano), Laura Guercio (Università di Perugia), Fabrizio Petri (Ministero degli Affari Esteri), Alberto Spampinato (fondatore Ossigeno per l’Informazione)

Speciale Didacta Italia 2021: Anna Paola Concia: l'emancipazione attraverso le STEM

Anna Paola Concia, ex parlamentare e ora Coordinatrice del comitato organizzativo di Fiera Didacta Italia, ci racconta come è stato possibile trasporre la Didacta Italia in digitale e propone strumenti didattici per ridurre il "gender gap" nell'istruzione.

Visita: www.direfareinsegnare.education

Chi dovrebbe parlare di scienza in TV?

È purtroppo servita una pandemia virale per riportare i temi scientifici al centro del dibattito politico e mediatico italiano: non si è mai discusso tanto di scienza sui media quanto durante l’anno appena trascorso. Ma come se ne è parlato e soprattutto chi (e come) dovrebbe parlare di scienza in TV?

Per il primo appuntamento live streaming del 2021 abbiamo invitato Edoardo Boncinelli, noto biologo, genetista e Presidente Onorario del nostro comitato scientifico, che discuterà di questa tematica più che mai attuale e delle problematiche connesse insieme ad Agnese Collino, supervisore scientifico della Fondazione Umberto Veronesi.

Visita: festival.bergamoscienza.it

Quizmas Science Show 2020

Come da tradizione, prima delle feste natalizie, abbiamo affidato ai ragazzi del Comitato Giovani l’evento conclusivo dell’anno che per l’occasione ci regaleranno una sfida, aperta a tutti, a colpi di domande su fatti e scoperte scientifiche tra le più curiose ed interessanti del 2020: il Quizmas Science Show!

(E)Leggere la scienza - La malinconia del mammut

Prima di noi una quantità sterminata di altri viventi abitava il nostro pianeta, ma ora non ci sono più. Sulla Terra, infatti, nulla è per sempre. È stato calcolato che nella storia della vita si sia estinto più del 99% delle specie che hanno abitato il nostro pianeta; eppure oggi la “de-estinzione” è teoricamente possibile grazie a tecniche di clonazione che hanno portato, tra vari esperimenti su diverse specie animali del passato, all’ambizioso tentativo di riportare in vita, grazie al Dna conservato nei ghiacci artici, il nostro animale preistorico preferito: il mammut.

Nella prima puntata della nuova rubrica “(E)Leggere la scienza” abbiamo invitato, il biofisico e giornalista scientifico Massimo Sandal, autore del libro che dà il titolo all’evento, per farci raccontare, in compagnia di Nicola Quadri Segretario del Comitato Scientifico di BergamoScienza, la grande storia delle estinzioni e i modi in cui stiamo provando a riportare in vita specie scomparse da anni o addirittura secoli.

Di arte e di scienza - Napoli

“Di arte e di scienza. L’Universo tra creatività e conoscenza” conclude la giornata di premiazione del progetto Art&Science Across Italy al Teatro Diana di Napoli il 6 aprile 2017.

Con: Philippe Daverio e Fernando Ferroni
Letture di: Edoardo Leo
Musiche di: Umberto Petrin

Scegliere il linguaggio dell’arte per parlare di scienza. È questa l’idea vincente di Art&Science across Italy, progetto europeo per la diffusione della cultura scientifica nelle scuole superiori italiane organizzato dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e dal CERN e che ha coinvolto oltre 3000 studenti di tutta Italia. L’iniziativa, partita nel 2017, si conclude il 6 aprile a Napoli, città da cui era partita, con la cerimonia di premiazione degli studenti che hanno realizzato le migliori opere artistiche ispirate alla scienza, selezionate da una giuria internazionale, tra le 400 realizzate in 40 scuole superiori di Firenze, Milano, Napoli, Padova e Venezia. I vincitori sono stati premiati con un master estivo al CERN di Ginevra mentre le migliori 50 opere sono state esposte al Museo Archeologico Nazionale di Napoli nella mostra “I colori del bosone di Higgs”.

Se questo è un uomo

Una breve nota su "Se questo è un uomo" di Primo Levi.
Giornata della Memoria.

Visita: www.patreon.com

Dagmawi Yimer: L'inferno libico che ho dovuto attraversare

Questo intervento si è tenuto l'8 ottobre 2011 all'interno del TEDxReggioEmilia. Una giornata di 19 mini-lectio magistralis sul tema "Italia da esportazione", ovvero una serie di buoni motivi (e persone) per cui vale ancora la pena vivere nel nostro Paese. Una manifestazione curata da Riccardo Staglianò e organizzata da WW Lab (Laura Credidio, Alessandro Schiatti e Paolo Tegoni).

Dagmawi Yimer, regista nato in uno dei quartieri più poveri di Addis Abeba, nel 2005 parte per l'Italia e il suo viaggio da Kirkos a Lampedusa si rivelerà drammatico. Un viaggio raccontato nel documentario "Come un uomo sulla terra" che testimonia "L'inferno libico che ho dovuto attraversare per arrivare in Italia".