Chi è Online

Chi è Online

512 utenti
Libri.itPETER LINDBERGH. ON FASHION PHOTOGRAPHY (INT) - edizione 2020DIAN HANSON’S BUTT BOOK (INT) - #BibliothecaUniversalisLA BELLA E LA BESTIALTHE WALT DISNEY FILM ARCHIVES (GB) - 40
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!






Categoria: TELEVISIONI E MEZZI DI INFORMAZIONE

Totale: 1110

Daniele Biacchessi - Il paese della vergogna

Questo libro parte da un dato di fatto, incontrovertibile. In Italia la verità storica non segue mai lo stesso binario della verità giudiziaria. I
colpevoli di stragi come Piazza Fontana, Piazza della Loggia a Brescia, treno Italicus, stazione di Bologna, Rapido 904, e si potrebbe continuare
l'elenco, sono tutti sostanzialmente liberi. E' l'Italia spiazzante delle verità negate, raccontate da Biacchessi attraverso scene esemplari, flash
su personaggi diversi tra loro ma uniti da un solo nome: ingiustizia. Sono Fausto e Iaio, i giovani militanti di sinistra ammazzati a Milano pochi
giorni dopo il sequestro Moro; sono Angelo Casile, Gianni Aricò, Franco Scordo, Luigi Lo Celso, Annalise Borth, i cinque anarchici del Sud che
sapevano qualcosa di troppo e per questo sono morti in uno "strano" incidente stradale; Piero Bruno, ucciso dalla polizia una sera di novembre
del 1975, a 18 anni. E poi i delitti di mafia, da Peppino Impastato a Libero Grassi, da Giorgio Ambrosoli a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.
Un collage di fatti e storie, carichi di emozioni. Un libro fatto di verità e passione.
Il paese della vergogna di Chiarelettere Editore raccoglie, in una versione riveduta e ampliata alcuni testi di teatro narrativo civile scritti da Daniele Biacchessi: La
storia e la memoria
, Fausto e Iaio, Storie d'Italia e Quel giorno a Cinisi.
Reading presso la Feltrinelli di piazza Piemonte, Milano
Daniele Biacchessi (voce narrante), Michele Fusiello (sassofono), Gaetano Liguori (pianoforte)
Realizzato da Arcoiris Milano

Trenta anni di solitudine

Nel 1975, scacciata dall'invasione dell'esercito marocchino che occupa il loro territorio, la popolazione saharawi (nomadi abitanti del deserto del Sahara) sono dovuti fuggire e hanno trovato riparo in Algeria, in 5 campi profughi alle porte di Tindouf. D'allora vivono ancora lì, profughi e dimenticati dalla comunità internazionale che non fa abbastanza per far rispettare i diritti di un popolo che non ha ricchezze da sacrificare sull'altare della politica.
Questo video, dell'associazione Africa70 che si occupa di loro, mostra la precarietà delle condizioni di vita di questa gente.
Visita il sito: www.peacereporter.net

ETNA - PARCO MONTE CERAULO di Mascalucia

Visitiamo uno dei pochi parchi urbani del versante sud dell'Etna, nel comune di Mascalucia (Catania). Un vero e proprio bosco dalle caratteristiche particolari. Ideale per escursioni giornaliere con pranzo al sacco.

“La civiltà, un male curabile” (1° parte)

NADiRinforma: 31/10/08, Cappella Farnese Bologna. Si propone la presentazione dell'ultimo libro del prof. Claudio Naranjo “La civiltà: un male curabile”, ed. Franco Angeli. La civiltà è sorta in risposta a una situazione traumatica collettiva che ebbe luogo quando il riscaldamento della terra e altri fattori minacciarono la sopravvivenza dell’umanità, durante il tardo neolitico. La sua principale caratteristica è stata il dominio del maschile, e dalla sua struttura patriarcale è emersa una “mente patriarcale” in cui dobbiamo riconoscere la radice della complessa e multiforme problematica che ora è diventata minacciosamente cruciale. Conseguentemente, è dalla trasformazione della mente patriarcale che dipenderà il superamento della nostra “crisi di obsolescenza”, e perciò niente può essere tanto indicato quanto una trasformazione radicale del sistema educativo La conferenza è inserita all'interno dell'Iniziativa "SEGNALI DI PACE" 2008SOGGETTI PROMOTORI:Comune di Bologna - QUARTIERE NAVILE: Commissione consiliare "Pace e Partecipazione";Biblioteca Lame; Biblioteca Corticella; Biblioteca "Casa di Khaoula ";Biblioteca per l'infanzia "Il Mondo Incantato";Aula Didattica Ambientale "Parco Grosso"; Ludoteca "Vicolo Balocchi";Centro pratica psicomotoria "Giochisalticapriole"Guarda la seconda parte

Visita: www.claudionaranjo.net

Video mesaggio di Luca de Biase

Luca de Biase parla dei biglietti falsi.
Visita il suo sito: blog.debiase.com

Jacopo Fo Censura totale N°004 - Assassini!

Censura Totale - videolettere per aggirare la censura
--Assassini!
Balle colossali per coprire crimini spietati.
Ogni anno nel mondo ci sono dieci milioni di morti, più di quanti ne venivano uccisi durante la seconda guerra mondiale. E questo massacro ha avuto meno copertura mediatica di quanta ne abbia ottenuto un rapporto orale tra una stagista e un presidente nord americano.
E che dire dei campi di concentramento alleati nei quali morirono più di un milione di prigionieri tedeschi?
Che pensare quando, leggendo un testo universitario di economia, si scopre che per ogni euro depositato in banca questa presta dieci euro?
Un piccolo vademecum della grande menzogna.
Link di approfondimento:
www.cacaoonline.it
Settore:"Tutto quello che gli altri non ti raccontano"

Figli (e nonni) della televisione

Riflessioni sulla televisione contemporanea secondochi la tv l'ha vista nascere - di Stephan GrecoIncollaborazione con - Francesca Bonomi e MaddalenaMonge, per il montaggio e le ricerche
 - Elisa Mandelli e Katia Motta per le riprese
Produzione "Laboratorio cortometraggi Sulè"
Un viaggio esplorativo nella percezione di come il linguaggio televisivosia cambiato, dalla nascita della Tv fino ad oggi.
Interviste a nonni telespettatori, tra genuini luoghi comuni ed una lucidaanalisi critica, supportati dagli interventi meta-televisivi piùsignificativi degli ultimi anni.
Una sorta di grido d'allarme, per provare a risvegliare l'attenzione dellenuove generazioni sui rischi di una televisione annulla-coscienze, edun'incitamento a riappropriarsi del mezzo comunicativo più importante dellastoria.

 Visita il sito:
www.esterni.org

ERRATA CORRIGE il giornale a teatro

Perché il giornale a teatro?Perché riprendere oggi in mano la provocazione di Cesare Zavattini, che voleva portare il giornale in teatro?
"Memoria del presente" indaga il quotidiano, i tempi della nostra storia. Cerca di rendere visibile quello che oggi è nascosto, di dare forma mitica e leggendaria a quello che si presentain forma frammentaria e parziale.
Abbiamo scoperto che uno delle realtà nascoste e invisibili, di cui meno si sa, è proprio il giornalismo, le logiche dell’informazione.
Così il giornale è diventato un oggetto da interrogare, mettere a fuoco, discutere e contestare. Abbiamo scelto di farlo attraverso una riflessione collettiva, un rito pubblico, portando il giornale,il quotidiano, in teatro. Insieme col pubblico guarderemo il giornale, scoprendo che, per una notizia che trova spazio e centralità, altre dieci rimangono sommerse, invisibili,impigliate in una griglia da imparare a conoscere. Rifletteremo sul nostro rapporto con l’informazione.
"Errata Corrige" è un evento che, ogni volta, troverà forme diverse di presentazione,con notizie e ospiti di volta in volta differenti.Non teatro in senso stretto, anche se pulsante di spunti narrativi drammatici e comici, e neanche pura conferenza o riflessione, "Errata Corrige"ogni sera nascerà dentro il presente del quotidiano e la relazione col pubblico e coi giornalisti ospiti. Un evento dove l’attualità diviene grande materia teatrale.
A cura di: Gianluigi Gherzi, Angelo Miotto, Matteo Scanni
REGIA: Gianluigi Gherzi
CON: Giuseppe Buonofiglio, Gigi Gherzi, Angelo Miotto,Matteo Scanni,Swewa Schneider.
SELEZIONE MUSICHE: Francesco Picceo.Un ringraziamento particolare ad Elena Lolli e a Silvia Baldini.
Produzione: Arcoiris Piacenza
Visita il sito: www.latanadelsatyro.blogspot.com
Visita il sito: www.ec.ilcannocchiale.it

Visita: www.ec.ilcannocchiale.it

Tendenze digitali al Cebit 2005

Una passeggiata di un minuto e mezzo nella fiera dell'innovazione ad Hannover. Con due parole di commento da Luca De Biase
Visita il sito: blog.debiase.com

Jacopo Fo Censura totale N°001 - Napoli brucia?

Censura Totale - videolettere per aggirare la censura
-- Napoli brucia?
L'assurdo tentativo dell'amministrazione di nascondere la gravità della situazione criminale della città, e di mettere in atto misure concrete di intervento.
Una città dove vengono commessi quasi il doppio degli omicidi del Canada si ha paura di prendere iniziative concrete per non impressionare sfavorevolmente i tutisti. E il sindaco Rosa Russo Jervolino ha l'arguzia di dichiarare pubblicamente che tra Napoli e Genova o Milano non c'è una gran differenza.
E' possibile fare qualche cosa per smuovere questa situazione?
Link di approfondimento:
Hanno ammazzato Emilio Albanese
Alcune proposte concrete per combattere la criminalità
Archivio
Visita il sito: www.atlantide.tv