Arcoiris TV

Chi è Online

511 utenti
Libri.itRESTA CON MEFORCHE, ROGHI E GHIGLIOTTINETHE GOLDEN AGE OF DC COMICS - #BibliothecaUniversalisBUONANOTTE CIPOLLINAFREYDAL. MEDIEVAL GAMES. THE BOOK OF TOURNAMENTS OF EMPEROR MAXIMILIAN I

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: Festival

Totale: 191

EL BULTO


Dirección: Gabriel Retes
Intérpretes: Gabriel Retes, Lourdes Elizarrarás, Lucila Balzaretti, Gabriela Retes

México, 1971. Lauro es un periodista, padre de dos niños. Durante la manifestación estudiantil de San Cosme recibe un bastonazo de un policía que lo deja en coma. Despierta veinte años después, en 1991. Sus hijos, que lo han cuidado desde que son adolescentes, tienen la edad que tenía él cuando entró en coma.
Gabriel Retes representa con humorismo y ternura, con acidez y fineza, los conflictos entre dos generaciones que tienen distinta mentalidad. Inserir un joven "setentero" en una sociedad que está cerrando las puertas del siglo XX y está sepultando sus utopías, provoca grandes y pequeños dramas en la relación padre-hijos.

Cortesía del XIX Festival de Cine Latinoamericano de Trieste.

Visita el sitio: www.cinelatinotrieste.org

Presentazione del Brinc@ Festival 2010

Brinc@ Festival 2010, i più grandi eventi della nuova musica 'made in' Sardegna.8 delle migliori band del panorama musicale sardo in Tour a MarzoGuarda l' edizione 2009 del festival

Visita: www.progettobrinca.com

Santo de la Guitarra: La historia fantástica de Agustín Barrios Mangoré

Il primo documentario realizzato sulla vita e l'opera di uno dei più grandi compositori ed interpreti della chitarra classica di tutti i tempi, il paraguaiano Agustín Barrios Mangoré (1885-1944).Il documentario narra la storia di Agustín Barrios attraverso i racconti di alcuni anziani che lo conobbero personalmente e dei principali biografi dell'artista araguaiano. Attraverso ogni racconto, ci andiamo addentrando in un mondo fantastico di "chitarre perse e maestri dimenticati". Ognuno dei personaggi apporta un pezzo in più al grande puzzle della fantastica storia dell'artista paraguaiano. Regia: Carlos Salcedo CenturiónSceneggiatura: Carlos Salcedo CenturiónFotografia (colore e b/n): Carlos Salcedo Centurión, AgustoNettoMontaggio: Augusto Netto SisaMusica: musica originale di Agustín Barrios Mangoré, SilaGodoy e Felipe SosaSuono: José Bogado e Carlos MolinaInterpreti: Carlos Payes, Sila Godoy, Roberto Bracamonte,Ronoel Simôes, Rico Stover, Felipe SosaProduttore: Carlos Salcedo Centurión, Odalis Lepel, ManuelTornato FrutosProduzione: Centro de Proyectos Barrios MangoréAnno di produzione: 2010Durata: 120 min.

Visita: www.cinelatinotrieste.org

NUEVO MUNDO


Dirección: Gabriel Retes
Intérpretes: Aaron Hernán, Tito Junco, Bruno Rey, Juan Angel Martínez, Ignacio Retes, Jorge Humberto Robles, Jorge Santoyo, Carlos Chávez, Abel Woolrich.

La película gira entorno a un sacerdote jesuita, Pedro (Aaron Hernán), quien frente a la oleada de agitación indígena (tan fuerte que se alza contra el nombre del virreinato) toma el comando de la situación y encuentra una precaria solución al conflicto. Nuevo Mundo nace como una alegoría de los métodos utilizados por los conquistadores españoles en México.

Cortesía del XIX Festival de Cine Latinoamericano de Trieste.

Visita el sitio: www.cinelatinotrieste.org

Newen Mapuche

La lotta delle comunità indigene del sud del Cile per recuperare le loro terre e i costi che hanno dovuto sostenere a causa delle politiche repressive dello Stato cileno mediante l'applicazione della legge antiterrorismo ai suoi leader. Dopo l'assassinio del giovane mapuche Alex Lemún, la cineasta Elena Varela intraprende un viaggio di ricerca con l'obiettivo di raccontare la storia degli ultimi dieci anni di resistenza di questo Popolo. Ricostruisce diversi antecedenti storici, conosce da vicino i capi, i prigionieri e i clandestini che raccontano le ragioni della propria lotta. Lo Stato cileno pone in essere varie strategie per circoscrivere e fermare questo movimento sociale ed Elena va registrando questo processo senza sapere di essere inquisita. Il 7 Maggio 2008 viene arrestata da agenti dell'intelligence, condannata a quindici anni di carcere e le viene requisito tutto il materiale filmico. La documentarista racconta questa storia a partire dalla propria esperienza di persecuzione politica.

Regia: Elena Varela
Sceneggiatura: Elena Varela
Fotografia: Andrés Urrutia
Montaggio: Elena Varela e Marcelo
Musica: Patricia Wang
Produttore: Elena Varela
Produzione: Ojofilm Ltda
Anno di produzione: 2011
Durata: 126 min

____________________________________________________

La fuerza de la gente de la tierra
____________________________________________________

El documental relata la lucha de las comunidades indígenas, Mapuche al sur de Chile por recuperar sus tierras y los costos que han tenido que enfrentar frente a las políticas de represión del Estado chileno, a través de la aplicación de la ley antiterrorista a sus lideres. En este contexto y ante el asesinato del joven mapuche Alex Lemun, la cineasta Elena Varela emprende un viaje de investigación con el fin de contar la historia de los 10 últimos años de resistencia de este Pueblo. Recopila distintos antecedentes, conoce de cerca sus líderes, presos y clandestinos, quienes relatan las razones de su lucha. El Estado chileno implementa distintas estrategias para detener este movimiento social y Elena va registrando este proceso, pero NO advierte que estaba siendo investigada y perseguida por agentes de inteligencia del Estado.
____________________________________________________

Visita: www.cinelatinotrieste.org

My Nerd Pride - Brinc@ Sardinian Festival

Domenica 30 Novembre 2008 Estragon, BolognaLa F. A. S. I. (Federazione delle Associazioni Sarde in Italia), il Coordinamento Giovani F. A. S. I., in collaborazione con L'Associazione Culturale "Che Torni Babele", e con Radio indipendèntzia presentano il progetto "Brinca", per la promozione della musica prodotta in Sardegna. Il progetto ha come obiettivo quello di dare visibilità agli artisti sardi, in primis ai musicisti. E' pensato pertanto per le band/singoli della Sardegna che producono musica originale con la finalità di creare una rete tra i gruppi, organizzare tour, festival o singole date in Italia e all'estero e di arrivare a creare un vero e proprio veicolo promozionale che dia voce e supporto ai gruppi desiderosi di trovare visibilità fuori dall'Isola.

Visita: www.myspace.com

BIENVENIDO WELCOME


Dirección: Gabriel Retes
Música: Angel Romero
Intérpretes: Lourdes Elizarrarás, Luis Felipe Tovar, Jesse Borrego Fernando Arau, Juan Carlos Retes

Cine en el cine, una dramática historia en un contexto tragicómico. Un grupo de cineastas filma una singular situación: María, una pintora y José, su marido, un apasionado por los libros antiguos, viven la pesadilla del Sida, contraído por una infidelidad del hombre. El equipo que filma termina por verse envuelto en una situación que los lleva a comportarse ilegalmente para finalizar la película.

Cortesía del XIX Festival de Cine Latinoamericano de Trieste

Visita el sitio: www.cinelatinotrieste.org

Nosotros los del Bauen

Ubicato nel cuore della città di Buenos Aires, l’hotel Bauen fu costruito sotto la dittatura militare per accogliere i turisti della Coppa del Mondo di Calcio del 1978. Per 25 anni i suoi impiegati hanno servito la crema della società argentina e hanno accolto turisti arrivati da ogni parte del mondo. Da Marzo del 2003 lavorano in forma autogestita, si dividono compiti e salari votando in assemblea generale tutte le decisioni che li riguardano. Elena, Osvaldo, Santiago, Marcelo, sono alcuni dei lavoratori della cooperativa. Oggi lottano contro gli ex padroni, desiderosi di ritornare in possesso dell’edificio per i loro interessi personali. Diritto al lavoro contro il diritto alla proprietà: chi avrà la meglio? A partire da questa sollecitazione, il film cerca di entrare nel cuore dell’autogestione e riferire sull’Argentina di oggi.Paese Francia, ArgentinaRegia Didier Zyserman e Jérémie ReichenbachSoggetto Didier Zyserman e Jérémie ReichenbachFotografia Jérémie ReichenbachMontaggio Chantal PiquetProduttore Philippe DjivasProduzione Dynamo ProductionAnno di produzione 2010
Visita il sito:
www.cinelatinotrieste.org

Visita: www.cinelatinotrieste.org

Salmonopoly, fiebre de salmón

John Friedriksen è uno degli uomini più ricchi del mondo e la sua multinazionale, Marine Harvest, è la produttrice di salmoni più grande del mondo. In Norvegia, sua patria, ha formato un’alleanza con l’organizzazione ambientale WWF. Marine HarvEst intende essere un’impresa “verde” e sostenibile. Il sud del Cile è un paradiso per gli investitori. Qui John Friedriksen mostra la sua faccia cattiva e brutale: paga solamente il 10% degli stipendi che dovrebbe pagare in Europa. Nelle sue gabbie che contengono milioni di salmoni, muoiono lavoratori, soprattutto i palombari, per mancanza di sicurezza.Marine Harvest ha prodotto un disastro ecologico: tonnellate di antibiotici, pesticidi, insetticidi e tranquillanti hanno contaminato l’oceano e distrutto la flora e la fauna. I pescatori artigianali non hanno più nulla da pescare. E, cosa ancor peggiore, il 90% dei pesci pescati nella costa del Cile vanno alle fabbriche di farina nelle quali vengono trasformati in cibo per i salmoni. Per produrre un chilo di carne di salmone bisogna uccidere 5 chili di altri pesci. L’industria del salmone in Cile non è sostenibile, è un incubo ecologico. Il documentario investigativo segue per un anno i passi del “gran lupo” John Friedriksen.Paese GermaniaRegia Wilfried Huismann e Arno SchumannSoggetto Wilfried Huismann e Arno SchumannSceneggiaturaFotografia Michael DreyerMontaggio Elke SchlooMusica André FeldhausProduttore Arno SchumannProduzione Anaconda International Film, BremenAnno di produzione 2010
Visita il sito:
www.cinelatinotrieste.org

Visita: www.cinelatinotrieste.org

Anche Milano Film Festival dice: Niente scuse

Strana Milano. Il 23 settembre, mentre da Cadorna a Linate si svolgeva la dispendiosa fiction della prova antiterrorismo, Milano Film Festival celebrava il suo impegno contro la povertà ospitando -in collaborazione con la Tavola della Pace - l'incontro-dibattito 'No excuse' al teatro Strehler. Con la presenza di Eveline Herfkens, coordinatrice della campagna "No Excuse 2015" presso l'Onu, con Emma Thompson in collegamento da Londra e con un videomessaggio di Kofi Annan, l'incontro è stato coordinato da Giovanna Botteri e vi hanno partecipato Penati e la Dioli della Provincia, e Antonio Campo dall'Orto di Mtv. Alla lotta alla povertà, il festival milanese ha anche dedicato la rassegna 'Motion&Picture against poverty'