Arcoiris TV

Chi è Online

205 utenti
Libri.itLA POESIA DELLA CARTACHRISTO & JEANNE-CLAUDE - ARTIST PROOF EDITIONLO STRUFFALLOCERO BLU FIORI E FOGLIE PRESSATI AD ARTELETTERE DA UN TEMPO LONTANO

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tutti i filmati inviati da Maurizio Dematteis

Totale: 11

Intervista a Lester Brown

Lester Brown, fondatore del WorldWatch Institute, nel corso della tourné di presentazione del suo ultimo libro, ha fatto tappa a Torino il 17 giungo, ospite della Fondazione Agnelli.La redazione della rivista Volontari per lo sviluppo lo ha intervistato sulla recente crisi alimentare mondiale, dettata anche dai problemi ambientali, e il ruolo delle ong.

Visita il sito: www.volontariperlosviluppo.it

La parlamentare afgana Malalai Jaya

Malalai Jaya, 30 anni, parlamentare afgana dal 2005, in seguito alla denuncia dei Signori della guerra viene espulsa dalla Camera. Ma questo non ferma la sua lotta politica contro talebani, Alleanza del nord e forze internazionali che hanno occupato il suo paese.

Visita il sito: www.volontariperlosviluppo.it

Il caso Bandazhevsky

Il professor Yuri Bandazhevsky, in visita in Italia per un ciclo di conferenze, parla degli effetti delle contaminazioni radioattive dell’incidente nucleare di Chernobyl. Medico anatomopatologo, classe 1957, a 33 anni era già professore all’Accademia di ingegneria bielorussa, nel ‘90 fonda l’Istituto medico universitario di Gomel, nelle zone più contaminate dal disastro di Chernobyl. Famoso per le ricerche sull’influenza delle piccole dosi di radiazioni sulla salute dell’uomo è autore di più di 240 lavori scientifici, fra cui trenta tesi di ricerca sulle conseguenze sanitarie di Chernobyl. Per la sua attività in ambito medico e anatomo-patologico, riceve diversi riconoscimenti, fra cui la medaglia d’oro Albert Schweitzer (per i suoi studi in radiopatologia), la Stella d’oro dell’Accademia di Medicina della Polonia ed il Premio Lenin, il più prestigioso nel suo paese per i giovani scienziati. Ma la sua brillante carriera dura poco. Le sue posizioni sono invise al regime bielorusso e quando, nel’99, denuncia il cattivo utilizzo di 10 miliardi di rubli, stanziati per la liquidazione delle conseguenze di Chernobyl, viene incarcerato in base del decreto presidenziale numero 21 per la “lotta al terrorismo” e condannato a otto anni da un tribunale militare, senza appello. Sconta sei anni nelle carceri bielorusse, da cui esce solo nel 2005, grazie a una forte pressione del Parlamento Europeo e un appello sottoscritto da Josè Maria Gil-Robles Delgado, Mario Soares, Michel Rocard, oltre che da migliaia di cittadini europei, mentre Amnesty International lo riconosce prigioniero di coscienza. E’ in Italia per la prima volta.

Visita il sito: www.volontariperlosviluppo.it

Vado al minimo, spreco meno vivo meglio

Ambiente, salute e risparmio. Ecco i tre punti attorno a cui ruota il Progetto Vado al minimo, che si basa sull’idea che sprecando meno sia possibile,con piccoli cambiamenti delle proprie abitudini quotidiane, anche vivere meglio. Vado al minimo nasce nell’aprile del 2007 con l’intento di:
- suggerire uno stile di vita più sostenibile;
- indicare piccole scelte e azioni quotidiane per un modo di pensare virtuoso;- coinvolgere un target allargato offrendo la possibilità di dare il proprio contributo.
Vado al minimo è anche un’associazione, costituita sempre nel 2007, della quale fanno parte: comuni ed altrienti locali, associazioni, cooperative ed enti no profit, aziende, mezzi di comunicazione, scuole
Visita il sito: www.vadoalminimo.org

Michel Odent presenta il suo libro sui parti in Italia

Sembra il titolo di una favola moderna: durante uno scambio di idee,
l'agricoltore e il ginecologo comprendono fino a che punto hanno
entrambi manipolato le leggi della Natura ed analizzano le
impressionanti similitudini fra l'industrializzazione dell'agricoltura
e quella del parto, ambedue sviluppatesi nel corso del ventesimo
secolo.
In entrambe le circostanze, ogni innovazione è stata sempre presentata
come la soluzione a lungo attesa di un vecchio problema. Ad esempio,
l'avvento di potenti insetticidi sintetici ha ridotto i costi e
incrementato la produttività agricola in maniera drastica e veloce. È
facile comprendere perché vengano usati in modo così abituale e
diffuso. Allo stesso modo,
l'avvento di una tecnica moderna e sicura di taglio cesareo ci ha
offerto nuove e serie ragioni per creare enormi reparti ospedalieri di
ostetricia, di modo che tutte le donne possano partorire avendo a
disposizione una sala operatoria e uno staff di medici specialisti.
Alle immediate reazioni entusiastiche hanno fatto eco le voci di un
ristretto numero di scettici, che hanno manifestato dubbi e paure
riguardo alle probabili ripercussioni a lungo termine derivanti da un
uso diffuso di pratiche o punti di vista nuovi e poco sperimentati.
Sebbene i ripetuti avvertimenti venissero apparentemente ignorati,
hanno tuttavia stimolato la crescita di atteggiamenti "alternativi" e
hanno costituito la base di "movimenti" organizzati, con la
partecipazione di un numero sempre crescente di consumatori.
Al volgere del secolo, la storia dell'agricoltura industriale ha
subìto un'improvvisa accelerazione: in seguito a una serie di
calamità, in particolare il morbo della mucca pazza e l'afta
epizootica, è avvenuta una presa di coscienza collettiva. Al
contrario, la nascita industriale non ha ancora raggiunto la stessa
fase storica.
Quale disastro dobbiamo aspettarci?
Da decenni Michel Odent influenza la storia della nascita e delle ricerche
sulla salute. Medico ostetrico celeberrimo, noto soprattutto per aver
introdotto il parto in acqua e le sale parto simili ad un ambiente
domestico, Odent ha al suo attivo una cinquantina di studi scientifici e
oltre dieci libri pubblicati in più di venti lingue.
Da molti anni gestisce a Londra il Primal Health Centre, studiando gli
aspetti relativi alla salute del bambino dalla gestazione al primo anno di
vita. Di recente ha creato un nuovo sito internet (www.wombecology.com)
dedicato all'ecologia della vita intrauterina.
Info: Il leone verde Edizioni
Via della Consolata 7
10122 TORINO
Italy
Tel/ Fax 0039 011 5211790
Visita il sito: www.leoneverde.it
Visita il sito: amolino@leoneverde.it

010)- Volontari per lo sviluppo Ottobre 2006

OMBRE SOVIETICHE. Ha presieduto in questi mesi il G8 e il Consiglio
d'Europa, ma la Russia di Putin è lontana dall'essere il paese
democratico che vuole apparire. La "nuova grande Russia" si sta
ricostruendo a spese dei diritti umani: sparizioni e detenzioni
arbitrarie sono tornate in voga, in un paese governato al 60% da
membri dell'ex Kgb. Come denunciano le ong russe, rischiando la vita.
Ma l'Europa finge di non sapere, in cambio di gas e petrolio (di
Silvia Pochettino)
LA CENERENTOLA DELL'ASIA. Il nostro reportage da Timor Est: oggi, dopo
4 mesi di violenti scontri tra etnie Lorosae e Loromou, che hanno
costretto 15 mila persone nei campi profughi, Timor si prepara alle
elezioni. Il nuovo governo dovrà fare i conti con i gravi problemi del
paese, dove il 40% della gente vive sotto la soglia di povertà e il
50% non ha accesso all'acqua potabile. Ma anche con le pesanti
ingerenze degli organismi internazionali e di un potente vicino:
l'Australia (testo e foto di Piergiorgio Pescali)
DACCI OGGI IL NOSTRO PANE. Dimezzare il numero di affamati entro il
2015: questo l'obiettivo fissato 10 anni fa al 1° Summit mondiale
sull'alimentazione. Ma oggi, a metà strada dalla scadenza, a soffrire
la fame sono ben 852 milioni di persone. E per spingere gli oltre 180
Stati firmatari ad adempiere gli obblighi sottoscritti nel '96, adesso
il Comitato italiano per la sovranità alimentare lancia un mese di
mobilitazioni, in vista dello Special Forum Fao che si svolge a Roma
in ottobre. Il nostro dossier di approfondimento (di Maurizio
Dematteis e Stefania Garini)
E ancora: IL DAVIDE NERO La lotta di Francois Traoré per i diritti dei
coltivatori di cotone in Burkina Faso (di Moussa Sawadogo), I BLOGGER
D'EGITTO Informazione imbavagliata nel paese del Nilo (di Valeria
Pecchioni), INCANTESIMI LETTERARI L'ultimo libro di César Aira,
scrittore argentino in odore di Nobel (di Gabriella Saba) LA MIA VITA
PER UN ALBERO l'ecologista messicano Arreaga Sanchez si batte per
salvare i boschi del Petatlan e, con loro, la vita degli indios (di
Monica Mazzoleni) e molto altro ancora?
Visita il sito: www.volontariperlosviluppo.it

Presentazione del Libro 'Chernobyl. Una storia nascosta'

Stefania Garini, della redazione di Volontari per lo sviluppo intervista Silvia Pochettino,autrice
del libro "Chernobyl. Una storia nascosta", Nuova iniziativa
editoriale 2006, pagg.173, Euro 5,9. I silenzi e le omissioni, i
bambini bielorussi in Italia.
In volume si può richiedere dalla sezione "l'U store" del sito del quortidiano L'Unità.
Visita il sito: www.volontariperlosviluppo.it

009)- Volontari per lo sviluppo Settembre 2006

IL MURO IMPOSSIBILE Un drammatico reportage tra i migranti africani in
attesa di "scavalcare la rete" ed entrare nell'enclave spagnola di
Melilla. Che viaggiano a piedi attraverso la savana e il deserto, e
restano nascosti per anni nelle foreste del Marocco. Braccati dai
militari, sottoposti a ogni tipo di violenza, molti non ce la fanno. E
allora ripartono alla volta della Mauritania per imbarcarsi con
destinazione Canarie, la "nuova porta" d'accesso all'Europa (di
Maurizio Dematteis da Melilla, foto di Simone Perolari)
DEAD MAN WALKING Povertà, disperazione, fanatismo e attaccamento alla
propria terra. Sono alcuni degli ingredienti che spingono un ragazzo a
diventare kamikaze. Anche se la decisione ultima rimane spesso un
mistero per gli stessi parenti. Un viaggio esclusivo, dai martiri di
Al Aqsa di Jenin ai familiari dei kamikaze di Al Arraqa, per
raccontare il dramma della società civile palestinese (di Gianluca
Iazzolino da Jenin, foto di Stefano Serra)
PANE E PC PER TUTTI Un dossier approfondito sul digital divide, in
cerca delle soluzioni che sembrano scatenare interessi tanto
commerciali che "nobili". C'è chi vede i paesi poveri come mercati
d'espansione per l'hardware prodotto e venduto dalle industrie del
Nord, e chi promuove le nuove tecnologie come un potenziale volano per
l'autosviluppo. Come le organizzazioni non governative, impegnate a
realizzare iniziative di sviluppo sostenibile in ambito tecnologico,
da affiancare ai tradizionali progetti di solidarietà (di Carlo
Gubitosa)
E inoltre: PROCESSO AL PASSATO In Romania si processano i crimini
commessi durante la dittatura comunista (di Mihaela Iordache da
Bucarest) COOPERAZIONE ARMATA Confusione crescente tra aiuti allo
sviluppo e missioni militari (di Maurizio Dematteis) CUSTODI DELL'EDEN
La Chiesa riflette sulla "questione ecologica" e a settembre lancia la
Giornata nazionale per la salvaguardia del creato (di Elisa Gallo) e
molto altro ancora?
Visita il sito: www.volontariperlosviluppo.it

008)- Volontari per lo sviluppo Aprile 2006

Sul numero VpS di maggio 2006, la rivista "di chi abita il mondo", incentrata su cooperazione e volontariato internazionale, troverete i seguenti argomenti:
IL CORAGGIO DELLA POLITICA Politiche di genere, capi di Stato donna, provvedimenti radicali contro la corruzione, raddoppio degli investimenti in scuola e sanità, diversificazione delle fonti energetiche...: alcuni Stati del Sud del mondo stanno dando una svolta radicale alla loro politica. E l'Europa ha tutto da imparare (di Simona Tratzi)
MONDI IN GABBIA Il nostro viaggio a 360° tra le carceri d'Italia, Messico, Burundi, Romania e Kosovo. Dietro le sbarre il mondo non è tutto uguale: il Sud è ancora più Sud, il Nord è un po' meno Nord. Aumenta a dismisura la popolazione carceraria ma la criminalità non accenna a diminuire. E di prigione si muore. Solo in Italia, dal 1998 al 2005, 1.191 i decessi noti. Intanto, c'è chi nell'istituzione penitenziaria trova un ottimo business (di Gianluca Iazzolino, foto di Simone Perolari)
PETROLIO SOCIALE Istruzione, cibo e salute. Grazie alla nazionalizzazione del colosso petrolifero venezuelano Pdva, e all'utilizzo "mirato" di parte dei suoi introiti, il discusso presidente Chavez insiste in missioni sociali gratuite per tutta la popolazione. Così anche gli abitanti dei barrios, da sempre privi dei fondamentali diritti, si sentono cittadini a pieno titolo (di Giulia M. Foresti da Caracas, foto di Davide Casali)
MOLDOVA: LABORATORIO WELFARE Un piccolo paese, il più povero d'Europa, lancia un esperimento sociale innovativo: mettere in rete il Ministero, le amministrazioni e le oltre 400 ong locali e straniere che lavorano nel paese. Per gestire bene la transizione dal modello statalista sovietico a un "privato sociale" (di Maurizio Dematteis da Chisinau)
E molto altro ancora...
AUTORE:
Logovideo
Visita il sito:
www.questaeunacitta.it

007)- Volontari per lo sviluppo Aprile 2006

I SILENZI DI CHERNOBYL A vent'anni dal disastro nucleare che ha riversato nell'ambiente materiale radioattivo pari a 200 volte la bomba di Hiroshima, un rapporto dell'Onu dichiara meno di 50 morti per l'incidente. Intanto i rapporti dell'Oms e dei ricercatori locali, che parlano di migliaia di vittime, vengono censurati. La guerra di cifre continua. Con un'unica certezza: si sono falsificati i dati fin dai primi giorni dopo il disastro, quando 40 protocolli segreti del Pcus imponevano di nascondere tutte le conseguenze sanitarie. La nostra inchiesta (di Silvia Pochettino, foto di Igor Kostin)
DIVERSAMENTE OLIMPICI La nazionale italiana di sci alpino ha schierato uno squadrone di 10 atleti in occasione delle Paralimpiadi di Torino 2006. Dalle categorie standing, sitting e visually impaired, gli azzurri che si allenano tra difficoltà economiche e uno sforzo fisico non indifferente si sono affermati per i loro successi sportivi. VpS è andato a conoscerli, a "riflettori spenti" (di Federica Cravero e Maurizio Dematteis)
ROM COME NOI Aggressivi, senza etica del lavoro, poco inclini a curare l'igiene personale, pronti a delinquere. Questo lo stereotipo del rom per i cittadini europei. Ma oggi un progetto dell'Ue lancia il "Decennio dell'inclusione" in nove paesi dell'est, con l'obiettivo di ridurre il divario socio-economico fra le comunità rom e il resto della società (di Mihaela Iordache da Bucarest)
E ancora: DIECI RICHIESTE AL NUOVO GOVERNO Un documento rivolto al nuovo governo per dare dignità alla cooperazione italiana (di Sergio Marelli) IL NEMICO "RITROVATO" Un master in diritti umani ha fatto di Malta un luogo d'incontro di giovani provenienti da paesi "nemici" del Mediterraneo (di Bartolomeo Conti) ADELANTE PRESIDENTA Il ritratto della neo presidentessa del Cile Michelle Bachelet (di Ximena Villanueva da Santiago) e molto altro ancora...
E molto altro ancora. www.volontariperlosviluppo.it