Arcoiris TV

Chi è Online

391 utenti
Libri.itALFRED HITCHCOCK: THE COMPLETE FILMSN.198 JOHNSTON MARKLEE (2005-2019)BAUHAUSMDELS. A TRIBUTE TO PIONEERING WOMEN ARTISTSN.30/49/50/72/100/101/144 ENRIC MIRALLES 1983 - 2009LEWIS W. HINE. AMERICA AT WORK

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: asian

Totale: 4

linx my artist intervista asian dub fondation al gusto dopa al sole 2011

linx my artist intervista asian dub fondation al gusto dopa al sole 2011cut n capture alex caroppiintervista roby policarpolinx my artist crew

Visita: linx my artist

Tra passato e presente: un momento nel tempo con Armando Gasiani

NADiRinforma incontra il partigiano Armando Gasiani (classe 1927), ex deportato nel campo di concentramento di Mauthausen . Il desiderio di confrontarsi con Armando nasce da quel sottile sentimento di paura che sta emergendo a seguire l'approvazione del Decreto Legge sulla sicurezza. Il dubbio: si stanno forse riesumando le leggi razziste, come se non ci fosse bastato quello che abbiamo subito 60-70 anni fa ? Armando e uomini come lui possono, attraverso le loro testimonianze, farci comprendere un po' meglio... per tranquillizzarci ? per allertarci ? Chi meglio di coloro che hanno vissuto sulla loro pelle la persecuzione e gli orrori dei regimi totalitari può aiutarci spiegandoci che cosa significa respirare aria di regime, aria di razzismo ?Il collegamento all'attuale Decreto Sicurezza è d'obbligo visto che nei confronti degli immigrati, vissuti come diversi, secondo l'accezione spaventevole del termine, si mostra piuttosto duro. Sarà questo l'atteggiamento giusto per fronteggiare l'ondata migratoria in essere ?“noi cercammo la libertà per tutti, ma oggi pianino, pianino... ce la stanno togliendo, la Libertà è cara e la si può difendere solo con la presenza, con la partecipazione” dice Gasiani Quella Libertà di cui godiamo e che uomini come lui ci hanno regalato va difesa ad oltranza e il primo passo verso la salvaguardia è il ricordo, è quella memoria storica che ha il potere di porci nella posizione di vedere oltre

Visita: www.mediconadir.it

Rassegna Corti Tumaga 2007 - Flying Havana

Una bottiglia. Un cerchio che si chiude. Tutto quello che ha un inizio, ha anche una fine...Flying Havana ha parteicipato alla rassegna corti del Tumaga Festival di Isola Vicentina.info: www.myspace.com/tumagafest

Visita: www.myspace.com

Asian Dub Foundation

In quel paradigma della complessita' del rapporto tra le culture del mondo che e' la citta' di Londra c'e' chi da anni considera la spinta creativa degli ultimi anni da parte di indiani e bengalesi come l'equivalente di inizio millennio di cio' che i caraibici e piu' precisamente i giamaicani avevano fatto a partire dagli anni sessanta innestando in modo vitale i loro caratteri nella cultura che li 'dominava' andando cosi' a creare qualcosa di completamente nuovo. Alla luce di queste considerazioni ascoltando la musica dei 'guerrieri MIDI del 21esimo secolo' Asian Dub Foundation (la efficace definizione e' proprio loro) non posso fare a meno di pensare alla poesia dub-reggae dell'artista di origine giamaicana Linton Kwesi Johnson e dell'impatto che la forza della sua arte militante ebbe su centinaia di migliaia di giovani europei quasi trent'anni fa introducendoli a chi rivendicava la fierezza di una cultura ed uno stile a loro fino ad allora completamente sconosciuti. Se la voce di Linton Kwesi Johnson era accompagnata dalla forza del roots reggae e dal dub nella fusione musicale di Asian Dub Foundation possiamo trovare echi di musica popolare indiana ma anche di punk, drum & bass, dub reggae, hip hop e dancehall. Il gruppo ha mosso i primi passi nel 1993 all'interno di una struttura significativamente chiamata Community Music dove il bassista Dr. Das teneva ad alcuni giovani un corso di tecnologia musicale: proprio dall'interazione del docente con i suoi allievi e' nata l'idea di formare dapprima un sound system ed in seguito una vera e propria band. Il loro primo album 'Facts and fiction' 'e uscito nel 1995 e ha suscitato la curiosita' di pochi attenti acquirenti in un panorama musicale in cui il brit-pop dominava il campo e non era ancora il momento per le suggestioni 'asian' ad essere di moda. La vera svolta e' arrivata nel 1998 con il secondo favoloso 'Rafi's revenge' (pubblicato dapprima solamente in Francia sotto il titolo di 'R.A.F.I.' nel 1997). Il popolare gruppo pop Primal Scream ha giocato in quel periodo un ruolo importante nella crescita di Asian Dub Foundation utilizzandoli come act di apertura dei loro concerti nel 1997 e condividendo con la band anglo-asiatica la campagna per la liberazione di Satpal Ram, un ragazzo indiano arrestato per un omicidio che era chiaramente un gesto di legittima difesa da una brutale aggressione razziale. L'impegno sociale non e' mai venuto a mancare ed a quel periodo risale anche la fondazione di ADF Education, un organismo che promuove l'insegnamento della tecnologia applicata alla musica ai giovani: questi interscambi saranno anche molto utili al gruppo perche' permetteranno negli anni futuri alcuni allargamenti della line-up proprio con l'innesto di alcuni studenti dei progetti. Dopo l'affermazione a livello mondiale seguita a 'Rafi's revenge' nel 2000 e' uscito il terzo CD e gia' nel titolo 'Community music' e' evidente la continuita' della band con le proprie origini e gli scopi iniziali: l'utilizzo di brillanti arrangiamenti di fiati e archi mette in evidenza l'abilita' di musicisti troppo spesso chiamati in causa per l'aspetto 'politico' della loro arte e considerati da molti dei 'jungle-punks' musicalmente illetterati. Nel marzo 2001 Asian Dub Foundation compongono una esclusiva colonna sonora per una speciale proiezione del film 'La Haine' di Mathieu Kassowitz che avviene nell'ambito del festival 'Only connect' a Londra: la loro musica e' l'ideale contrappunto alla tensione espressa dal film girato nelle esplosive periferie parigine e anche questa operazione mette in evidenza l'abilita' della band a dare voce ad un clima di frustrazione e disillusione molto comune in questi tempi. La progressione della band continua e nel 2002 esce il loro quarto CD 'Enemy of my enemy', prodotto dal famoso dub-master britannico Adrian Sherwood. In questo ottimo lavoro brillano le collaborazioni con Sinead O'Connor per '1000 mirrors' e con l'MC giamaicano Ghetto Priest per 'Fortress europe'. In 'Tank' uscito nel 2005 Asian Dub Foundation proseguono dal lavoro di 'Enemy of my enemy' affiancando in quasi tutti i brani Ghetto Priest ai loro due vocalists e lavorando in modo piu' focalizzato sugli elementi ormai classici del loro suono e delle loro melodie.

Visita: www.rototom.com