173 utenti


Libri.itSOLVEIG. UNA VICHINGA NELLA TERRA DEGLI IROCHESICHI HA RUBATO LE UOVA DI MIMOSA?IL BRUTTO ANATROCOSOLA PESTE SCARLATTATUTTI UGUALI IN FAMIGLIA!
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!












Cerca

Inserisci parole chiave

Risultati della ricerca

Hai cercato: +roberto+Mancini | Risultati: 360

Fin de siècle 2.0 - Piero Guccione e gli arancini di Montalbano - prof. Roberto Cresti

Piero Guccione e gli arancini di Montalbano
Quando, nel 1979, Piero Guccione (1935-2018) decise di far ritorno da Roma, dove era già divenuto un pittore di successo, nella nativa Scicli, in provincia di Ragusa, Andrea Camilleri (1925-2019) non aveva ancora creato il personaggio del Commissario Montalbano. Siciliani entrambi, Guccione e Camilleri, hanno riportato le rispettive arti nello stesso quadrante dell’isola da cui provenivano, quello Sud-orientale, rivolto, come diceva Pirandello, verso il «mare africano». La solitudine che si avverte nelle indagini di ... continua

Visita: www.fondazioneclaudiovenanzi.it

Fin de siècle 2.0 - Città dipinte: Aldo Rossi e il postmoderno - prof. Roberto Cresti

Città dipinte: Aldo Rossi e il postmoderno
Uno straordinario alleggerimento di forme pervade tutta l’opera di Aldo Rossi (1931-1997), la cui architettura, anche una volta realizzata, pare volersi attenere alla immaterialità di una immagine. Non esiste stile che Rossi non abbia svuotato del suo peso, neppure l’architettura di regime degli anni Trenta in Urss, verso la quale si sentiva attratto. Egli ha creato così un teatro di forme che, come il suo Teatro del mondo, realizzato a Venezia nel 1979, ‘galleggiano’ sulla superficie terrestre come pensieri ... continua

Visita: www.fondazioneclaudiovenanzi.it

Roberto Alajmo - Mediterraneo culture club

Questo incontro si è svolto durante la I edizione di "RADICI. Il festival dell’identità (coltivata, negata, ritrovata)". in dialogo con Giuseppe Culicchia Come scrisse Goethe nel suo Viaggio in Italia, «la Sicilia è la chiave di tutto». Già parte della Magna Grecia, porta d’accesso all’Europa e collegamento tra questa e il mondo arabo, l’isola che isola non è ha una storia unica fatta di conquiste, contaminazioni e migrazioni, che molto dice sulle nostre radici.

Fin de siècle 2.0 - Nuovi selvaggi, transavanguardie e graffitisti - prof. Roberto Cresti

Nuovi selvaggi, transavanguardie e graffitisti
Uscita dalla II guerra mondiale senza più una identità culturale, la Germania ha cominciato, negli anni Settanta, a riprendere una forte iniziativa in ambito artisti-co. Ne sono scaturite tendenze accomunate da un ritorno all’Espressionismo, che si trova nei cosiddetti Nuovi selvaggi (Neuen Wilden) (fra i molti: Marcus Lüpertz, Arnulf R. Penck, Georg Baselitz e Alselm Kiefer), e che ha un riscontro nel Nuovo cinema tedesco (Werner Herzog, Rainer W. Fassbinder, Wim Wender). Anche in Italia si è avuta, fra gli anni ... continua

Visita: www.fondazioneclaudiovenanzi.it

Roberto Vittori - Come cambia il modo di andare nello Spazio

L'astronauta italiano Roberto Vittori racconta a Focus Live 2023 come stanno cambiando le missioni umane nello Spazio.

Visita: www.focus.it

Fin de siècle 2.0 - Da Gaber a Luporini: la Milano del 'Signor G' - prof. Roberto Cresti

Da Gaber a Luporini: la Milano del ‘Signor G.’
In una città, Milano, ormai, negli anni Sessanta-Settanta, fuori dalla mitologia del boom economico, e percorsa da profonde crisi sociali e di identità culturale, Giorgio Gaber (1939-2003) ha avviato una riforma della musica leggera come ricerca di un ‘senso della vita’ libertario e individuale, ma attento ai valori collettivi. Lo spettacolo Il signor G. (1970), ha segnato il rafforzarsi della collaborazione con Sandro Luporini (1932), che si è estesa, per tutti gli anni Settanta, a altri spettacoli di ... continua

Visita: www.fondazioneclaudiovenanzi.it

Fin de siècle 2.0 - Cosmi metafisici, grandi bellezze e anacronismi - Prof. Roberto Cresti

Cosmi metafisici, grandi bellezze e anacronismi
La pittura metafisica di Giorgio de Chirico e di Alberto Savinio ha avuto molti seguaci nell’intero XX secolo. Fabrizio Clerici (1913-1993) ne è stato un interprete di eccezionale qualità immaginativa, in un dialogo fra tradizione dell’arte italiana e fantascienza. Anche Riccardo Tommasi Ferroni (1934-2000), un disegno del quale è stato scambiato per un’opera di Leonardo, ha interpretato in pittura valori analoghi, anticipando la visione di Roma del film di Paolo Sorrentino, La grande bellezza (2013). In un ... continua

Visita: www.fondazioneclaudiovenanzi.it

Dialoghi sinodali - Mons. Roberto Repole - Arcivescovo di Torino

Dialoghi sinodali con Mons. Roberto REPOLE - Arcivescovo di Torino, insieme a Daniele Rocchetti, Responsabile Vita cristiana ACLI Lombardia APS e Paolo Vavassori, ACLI Bergamo APS Nuovo ciclo di incontri 2024 sul sinodo promossi dalle ACLI lombarde e Molte Fedi Sotto Lo Stesso Cielo

Visita: www.moltefedi.it

Congreso futuro 2024 - Roberto Navarro

Abogado. Doctor en Derecho cum laude por la Universidade da Coruña. Sus áreas de investigación son los dispositivos de limitación del poder punitivo del Estado y las relaciones del derecho penal con la inteligencia artificial. Es profesor en la Escuela de Derecho de la Universidad Católica del Maule. Participa como investigador en proyectos de investigación relacionados con la inteligencia artificial, financiados por la Unión Europea y los gobiernos de Chile y España. Es investigador responsable del proyecto Fondecyt Nº 11230216, “Aplicación del derecho ... continua

Visita: 2024.congresofuturo.cl

Roberto Tottoli e Domenico Quirico - Pluralità religiose e dinamiche di oggi

L'incontro si è svolto durante la VI edizione del "Festival del Classico".
Pluralità religiose e dinamiche di oggi. Dalle conquiste arabe al mondo islamico
con Roberto Tottoli // Università L’Orientale di Napoli e Domenico Quirico // giornalista “La Stampa”
modera Roberta Aluffi // Università di Torino
Un focus sulle prime conquiste arabe e le dinamiche del mondo islamico delle origini, caratterizzato, soprattutto nel Vicino Oriente, da pluralismo religioso e mobilità. Tra successive frammentazioni politiche, formalizzazione della legge religiosa, ... continua