Chi è Online

121 utenti
Libri.itLIBRARY OF ESOTERICA. TAROT (GB) - VACHRISTO & JEANNE-CLAUDE - edizione aggiornataLA GIUNGLA IN CASATUTANKHAMON. IL VIAGGIO NELLMICK ROCK. THE RISE OF DAVID BOWIE, 1972–1973 (INT) - JU
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!






In-Provideo

ArcoirisTV
5.0/5 (106 voti)
Condividi Segnala errore

Codice da incorporare

Dimensioni video

Scheda da incorporare

In-Provideo è un documentario biografico su Antonello Neri, pianista e compositore aquilano attivo dagli anni '70 ad oggi. La ricostruzione del suo lavoro e della sua vita avviene sia attraverso materiale di repertorio che grazie ai racconti dell’artista e quelli di molti suoi colleghi musicisti, attori, fotografi, mimi. Tra questi vi sono personalità illustri come Ennio Morricone Giorgio Battistelli, Giovanni Piazza, Luca Lombardi, Rossella Or e Simone Carella. Vengono raccontate la formazione di Antonello, la sua collaborazione col Gruppo di Improvvisazione Nuova Consonanza, le esperienze interdisciplinari del teatro “Beat 72” e del “Teatro degli artisti”, e le sua ricerca più recente. Partendo dalla figura di Antonello Neri si approfondisce e si rivive, nel corso del film, un periodo di vivissimo fermento culturale in Italia. A legare i diversi momenti del racconto è una inedita improvvisazione dell'artista al pianoforte eseguita appositamente per il film. Da qui anche il titolo: Provideo in latino significa provvedere, vedere in lontananza.” Improvvisare vuol dire dunque vicinanza, attaccamento alle cose”.

diretto da Federico Neri
fotografia: Martina Cocco
producer: Federico Neri
montaggio: Giuseppe Boccassini
suono: David Matteucci
con: Antonello Neri, Ennio Morricone, Giorgio Battistelli, Luca Lombardi e altri

18 commenti


Per pubblicare il tuo commento, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Riceverai una email con la richiesta di conferma.


24 Giugno 2020
18:29

Questo documentario su Antonello Neri mi ha molto colpito. E' documentario-documento molto chiaro su motivazioni e "costruzione" della sua musica e su come questa assume, ad un certo punto, vita propria e indipendente, appropriandosi della capacità biologica di auto organizzazione che ha tutto ciò che vive. Bello grazie

Oscar Pamio

23 Giugno 2020
18:49

Molto bello. Grazie per averci donato questo fermento creativo che ha cambiato il modo dell'arte in tutte le sue forme

Publia

20 Giugno 2020
14:46

Un omaggio tenero e profondo di un figlio ad un padre, artista geniale, uomo spigoloso..Bravo Federico! Daniela Panzieri

Dana

19 Giugno 2020
19:08

Importante, autentica testimonianza ...per non dimenticare un evento che ha sconvolto luoghi e persone. Un lavoro eccezionale!!!!!!

Marilida

18 Giugno 2020
15:14

"La musica è un viaggio nell'aldilà dove si parla dell'aldiqua"...un genio...bellissimo

gianfranco

18 Giugno 2020
14:04

Un grazie di cuore per questo bel documentario...intenso, ironico,poetico, emozionante

Miriam

18 Giugno 2020
12:21

...rivisto adesso, con un lungo tempo che ci distanzia è ancora più bello...mi ha colpito di più...nei suoi particolari! Bravissimo Federico!

Serena

18 Giugno 2020
11:33

Uno straordinario ritratto di un artista geniale complesso e sorprendente. Grazie

Francesca

18 Giugno 2020
09:19

Un documentario rigoroso e al tempo stesso onirico. Non manca la descrizione puntuale di un'epoca ruggente...piena di arte e di idee, direi che è un film politico-poetico. Bravi!!!

Giorgi

17 Giugno 2020
20:43

Antonello è stato un maestro. Non professionalmente, la musica la vivo solo da ascoltatore, e insegnarmi uno strumento sarebbe stata un'impresa ardua per chiunque, ma lo è stato nel senso più profondo e sincero del termine. Ho avuto la fortuna di conoscerlo, e di frequentarlo per un periodo abbastanza lungo da lasciare un ricordo più che significativo. I racconti, le suonate al pianoforte, le chiacchiere su tutto e su niente, Ricordo l'enfasi e la passione che muoveva non solo la sua musica, ma anche i suoi pensieri, e il suo modo di stare e di relazionarsi col mondo. Ricordo Federico, in quel periodo un bambino di pochi anni. Vorrei solamente ritrovare una vecchia foto in bianco e nero, che gli feci mentre lui, fierissimo, mi mostrava una musicassetta che aveva appena imparato ad estrarre dal registratore.

gabriele