Chi è Online

Chi è Online

349 utenti
Libri.itCINEMA DEGLI ANNI MARILYNHOLLYWOOD IN THE 30SPEDRO ALMODÓVAR. GLI ARCHIVIMICHAEL MANN
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!






In-Provideo

ArcoirisTV
4.9/5 (142 voti)
Condividi Segnala errore

Codice da incorporare

Dimensioni video

Scheda da incorporare

In-Provideo è un documentario biografico su Antonello Neri, pianista e compositore aquilano attivo dagli anni '70 ad oggi. La ricostruzione del suo lavoro e della sua vita avviene sia attraverso materiale di repertorio che grazie ai racconti dell’artista e quelli di molti suoi colleghi musicisti, attori, fotografi, mimi. Tra questi vi sono personalità illustri come Ennio Morricone Giorgio Battistelli, Giovanni Piazza, Luca Lombardi, Rossella Or e Simone Carella. Vengono raccontate la formazione di Antonello, la sua collaborazione col Gruppo di Improvvisazione Nuova Consonanza, le esperienze interdisciplinari del teatro “Beat 72” e del “Teatro degli artisti”, e le sua ricerca più recente. Partendo dalla figura di Antonello Neri si approfondisce e si rivive, nel corso del film, un periodo di vivissimo fermento culturale in Italia. A legare i diversi momenti del racconto è una inedita improvvisazione dell'artista al pianoforte eseguita appositamente per il film. Da qui anche il titolo: Provideo in latino significa provvedere, vedere in lontananza.” Improvvisare vuol dire dunque vicinanza, attaccamento alle cose”.

diretto da Federico Neri
fotografia: Martina Cocco
producer: Federico Neri
montaggio: Giuseppe Boccassini
suono: David Matteucci
con: Antonello Neri, Ennio Morricone, Giorgio Battistelli, Luca Lombardi e altri

18 commenti


Per pubblicare il tuo commento, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Riceverai una email con la richiesta di conferma.


24 Giugno 2020
18:29

Questo documentario su Antonello Neri mi ha molto colpito. E' documentario-documento molto chiaro su motivazioni e "costruzione" della sua musica e su come questa assume, ad un certo punto, vita propria e indipendente, appropriandosi della capacità biologica di auto organizzazione che ha tutto ciò che vive. Bello grazie

Oscar Pamio

23 Giugno 2020
18:49

Molto bello. Grazie per averci donato questo fermento creativo che ha cambiato il modo dell'arte in tutte le sue forme

Publia

20 Giugno 2020
14:46

Un omaggio tenero e profondo di un figlio ad un padre, artista geniale, uomo spigoloso..Bravo Federico! Daniela Panzieri

Dana

19 Giugno 2020
19:08

Importante, autentica testimonianza ...per non dimenticare un evento che ha sconvolto luoghi e persone. Un lavoro eccezionale!!!!!!

Marilida

18 Giugno 2020
15:14

"La musica è un viaggio nell'aldilà dove si parla dell'aldiqua"...un genio...bellissimo

gianfranco

18 Giugno 2020
14:04

Un grazie di cuore per questo bel documentario...intenso, ironico,poetico, emozionante

Miriam

18 Giugno 2020
12:21

...rivisto adesso, con un lungo tempo che ci distanzia è ancora più bello...mi ha colpito di più...nei suoi particolari! Bravissimo Federico!

Serena

18 Giugno 2020
11:33

Uno straordinario ritratto di un artista geniale complesso e sorprendente. Grazie

Francesca

18 Giugno 2020
09:19

Un documentario rigoroso e al tempo stesso onirico. Non manca la descrizione puntuale di un'epoca ruggente...piena di arte e di idee, direi che è un film politico-poetico. Bravi!!!

Giorgi

17 Giugno 2020
20:43

Antonello è stato un maestro. Non professionalmente, la musica la vivo solo da ascoltatore, e insegnarmi uno strumento sarebbe stata un'impresa ardua per chiunque, ma lo è stato nel senso più profondo e sincero del termine. Ho avuto la fortuna di conoscerlo, e di frequentarlo per un periodo abbastanza lungo da lasciare un ricordo più che significativo. I racconti, le suonate al pianoforte, le chiacchiere su tutto e su niente, Ricordo l'enfasi e la passione che muoveva non solo la sua musica, ma anche i suoi pensieri, e il suo modo di stare e di relazionarsi col mondo. Ricordo Federico, in quel periodo un bambino di pochi anni. Vorrei solamente ritrovare una vecchia foto in bianco e nero, che gli feci mentre lui, fierissimo, mi mostrava una musicassetta che aveva appena imparato ad estrarre dal registratore.

gabriele