Arcoiris TV

Chi è Online

190 utenti
Libri.itFREYDAL. MEDIEVAL GAMES. THE BOOK OF TOURNAMENTS OF EMPEROR MAXIMILIAN ILAURENT BENAMALFRED HITCHCOCK: THE COMPLETE FILMSN.200 STUDIO MUMBAI (2012-2019)MERLINO, SALCICCIA E TARTINA

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Totale: 21357

"MI WE PEÑEÑ" Susana Sáez y Los Peñis. Canción mapuche de Cecil González

"MI WE PEÑEÑ" Susana Sáez y Los Peñis. Canción mapuche de Cecil González en curso
Música mapuche. Canción ganadora Festival de la Patagonia 1998.

Intérpretes: Susana Angélica Sáez y los Peñis

Letra: Cecil González

Cuando llegues niño mío cuanta dicha nos darás.
Cuando acaben los días del crudo invierno
y su fruto sagrado nos dé el pewén,
ahí nacerás mi niño y me harás dichosa,
serás el más hermoso mi we peñeñ.
Millaway te pondremos como tu abuelo,
serás sano y robusto como aliwén,
tendrás fiesta de bautizo,
y de regalo tu kawellu,
borrega y waca también.
Estribillo: Mi pichiche, mi we peñeñ traerás bello amanecer,
mi pueblo en ti va a renacer pichiche,
we peñeñ. Crecerás orgulloso de ser pewenche,
tu tierra noble y bella siempre amarás,
honrarás a tu raza y antepasados,
nuestra lengua y costumbres conservarás.
Los árboles, cultivos, los animales,
como tu propia vida protegerás,
serás un hombre digno y respetado
Ngenechén desde arriba te guiará.
Estribillo: Mi pichiche mi we peñeñ...

GLOSARIO:

We peñeñ : Bebé pewenche.

Pewén: Araucaria

Aliwén: Árbol de gran tamaño

Kawellu: Caballo

Waca: Vaca

Pichiche: Niñito

Pewenche: Gente del pewén. (piñón)

Ngenechén: "Dios".

Publicada por: Nuestras Raíces

"Mijita" de Sergio Castilla - documentales unidad popular la mujer trabajadora en los 70

Documental sobre las condiciones que vive la mujer en las poblaciones más marginales de Santiago. Se recogen diversos testimonios en donde dan cuenta de sus carencias y esfuerzos para vivir con dignidad.

Director. Guionista. Este cineasta chileno vive la cercanía con el cine desde que nace, porque su padre -un español que emigra a Chile tras la Guerra Civil-- es dueño de tres salas cinematográficas en Santiago, y cuando fallece, la madre prolonga la tradición, conservando la propiedad de una de ellas...

Estudia inicialmente en la Escuela de Derecho de la Universidad de Chile, pero la abandona a poco andar para trasladarse a la Escuela de Periodismo. El período es de gran efervescencia política en el país: la Revolución Cubana, el debate ideológico que ésta ha abierto entre los jóvenes, y las perspectivas de cambios sociales que se han abierto en Chile, conmocionan a la juventud de la época, y Castilla se incorpora al movimiento universitario de la izquierda revolucionaria....

Publicadada por: Stan Devan

"Neutralità attiva", un possibile approccio per una politica di pace, disarmo e diplomazia popolare - Gian Paolo Calchi Novati

Roma 10 settembre 2016, Casa internazionale delle donne.
Questo video contiene l'ultima conferenza di Gian Paolo Calchi Novati, il grande africanista che ha formato quasi tutti i ricercatori italiani. La conferenza sulla neutralità attiva riprende un tema che da Gandhi e Mandela ha cercato di introdurre un messaggio di pace, ma di attiva coerenza política ed etica. Nella conferenza intervengono figure di riferimento della sinistra non tradizionale italiana, come Lidia Menapace e Roberto Savio.

"No nos queremos morir, mamá": víctimas de una agresión invisible en Chile que no perdona a nadie

Para los habitantes de Quintero y Puchuncaví, en Chile, la crisis medioambiental que sufre su país está lejos de ser una vaga amenaza o un motivo de debate político. La industria de la zona les ha llevado hasta la misma puerta de sus casas toda una legión de asesinos silenciosos: plomo, aluminio, arsénico... No se ven, pero ahí están, cobrándose un doloroso peaje en enfermedades, familias desbaratadas y gastos médicos en nombre de un supuesto desarrollo del que ellos no se beneficiarán.

Publicado por: RT en Español

"Nos están matando", el grito de los líderes sociales en Colombia

Durante un año, dos cineastas estadounidenses y un productor colombiano siguieron los pasos de dos defensores de derechos humanos amenazados de muerte en el Norte del Cauca: Feliciano Valencia, líder indígena nasa, y Héctor Marino Carabalí, líder afrodescendiente.

Directores: Emily Wright / Tom Laffay
Productor: Daniel Bustos Echeverry

"Oltre l'uomo e oltre Dio" di EMANUELE SEVERINO

In questo video, i connazionali sono chiamati in causa per RESPONSABILIZZARSI nei miei confronti. Ognuno dovrà rispondere per se stesso, perché risultate terribilmente FUORI-LEGGE verso di me.Urge correggere l’indifferenza dell’intera Società italiana, della realtà UNICA, che io, per un madornale errore medico neuro-psichiatrico, peraltro doloso, sia stato condannato di fatto, ignominiosamente, alla MORTE CIVILE (come lo fu Cristo alla MORTE di CROCE) da oltre 15 anni, e mi trovi ancora seppellito in Manicomio familiare di mq 16, perdippiù, privato dei diritti sanciti nei Princìpi fondamentali della nostra Costituzione e nella “Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo”. A me potete dire solo che sono pazzo; mentre io Vi ho indicato il SENTIERO del GIORNO, per continuare a vivere nella Gioia della Gloria di essere “Figli di Dio”. Ho la FEDE in CRISTO senza il dubbio, e solo mio tramite l’ITALIA e il mondo intero si potranno SALVARE, senza versare una sola goccia di sangue.Praticamente, l’utente che visiona questo video, mi dovrà risarcire di Euro 50 milioni, godendo però della franchigia di Euro 3.000.000,00 per essere cor-responsabile essere io nello status di MORTE CIVILE.

Visita: inenascio.splinder.com

"Orazione Civile per la resistenza, La rossa primavera" Intervento di Adelmo Cervi

12 settembre, Festa Democratica di Modena, Spazio Ricostituente.

Intervento di Adelmo Cervi durante la performance di Daniele Biacchessi e i Gang

Adelmo Cervi, figlio di Aldo Cervi (nato nel 1909), ucciso il 28 dicembre del 1943 insieme ai suoi 6 fratelli nel poligono di tiro di Reggio Emilia ad opera dei Fascisti, porta avanti la memoria della sua famiglia con l'impegno politico e culturale a favore della Costituzione italiana.

Guarda la versione integrale della serata.

Visita: www.danielebiacchessi.it

"Orazione Civile per la resistenza, La rossa primavera" di Daniele Biacchessi e i Gang

12 settembre, Festa Democratica di Modena, Spazio Ricostituente

Uno dei testi più intensi e attuali di Daniele Biacchessi, giornalista e scrittore, tra i principali autori e interpreti di opere di Teatro Civile Daniele Biacchessi racconta la Resistenza dal vivo attraverso il teatro civile, la musica, le immagini, la poesia, l'emozione. La sua Orazione Civile è frutto di uno studio durato dieci anni su documentazione di archivio, documentazione giudiziaria e storica, libri, materiale multimediale. Si snoda attraverso il racconto dei luoghi dove sono stati uccisi i partigiani e dove si conserva ancora oggi la loro memoria attraverso lapidi e monumenti, musei, istituti storici. Sono narrate le testimonianze degli antifascisti torturati dal reparto Speciale di Polizia di Pietro Koch a Villa Triste e dalla Legione Muti e dalla X MAS in via Rovello. Le altre tappe della narrazione sono Fosse Ardeatine, Sant'Anna di Stazzema, Benedicta, Fondotoce, La Storta, Montesole, Marzabotto, Fivizzano, Fucecchio, Vinca, Monzuno, via Tasso a Roma e molte altre ancora.

Sul palco anche Adelmo Cervi (figlio di Aldo Cervi) che ha portato avanti la memoria della sua famiglia con l'impegno politico e culturale a favore della Costituzione italiana.

In un momento difficile per la vita politica come quello che stiamo attraversando, ha commentato Daniele Biacchessi, è per noi indispensabile tener viva la memoria dei momenti in cui la nostra democrazia è nata, a prezzo di lotte, lacerazioni e sofferenze, in nome di valori che non devono essere perduti e nemmeno essere messi in discussione.

Guarda l'intervento di Adelmo Cervi

Visita: www.danielebiacchessi.it

"Saverio Tommasi non ci fermerai". Firmato con due svastiche

Saverio Tommasi torna alla stazione Borgonuovo di Prato, dove un mese prima aveva cancellato dai muri, insieme al giornalista Marco Bazzichi, svastiche e scritte razziste, facendone un video: Sporche SvasticheSaverio Tommasi è tornato alla stazione Borgonuovo perché stavolta è comparsa una nuova scritta: "Saverio Tommasi non ci fermerai", e due svastiche come firma.

Visita: www.saveriotommasi.it

"Scuola Diaz, vergogna di Stato" Intervista a Checchino Antonini

Copyleft Festival 2009, Arezzo. Intervista a Checchino Antonini giornalista di Liberazione e curatore del libro "Scuola Diaz, vergogna di Stato" (Edizioni Alegre).

Visita: www.copyleftfestival.net