Arcoiris TV

Chi è Online

164 visite
Libri.itANDO. COMPLETE WORKS 1975–TODAYSNEAKER FREAKER. THE ULTIMATE SNEAKER BOOK!CONTEMPORARY CONCRETE BUILDINGS (IEP)ARTE BOTANICALO STRUFFALLOCERO BLU

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tutti i filmati inviati da NADiRinforma

Totale: 261

Figli di boss: storie di mafia e di riscatto

NADiRinforma Il 30 novembre 2010 presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Bologna si tiene l'incontro "Figli di boss: storie di mafia e di riscatto" con:
Fabrizio Valletti, gesuita, del centro "Alberto Hurtado" di Scampia, Napoli
Vincenzo Carrozza, medico, autore di "Figli di Boss" e "Fiori Recisi"
introdotto da: Antonio Monachetti, referente di LIBERA Bologna.

La presentazione del libro "Figli di boss", edito da Pontari Editore, è a cura del Centro Studi "G. Donati", in collaborazione con la Facoltà di Scienze della Formazione, Ass. Medica N.A.Di.R., Centro Poggeschi, EMI, LIBERA con il contributo dell'’Alma Mater Studiorum - Università di Bologna. "Ho avuto la gioia di seguire Vincenzo Carrozza per tanti anni(...) Chi cade nella rete della malavita, infatti, o ne resta avviluppato e schiacciato. Con tutte le tristi conseguenze per sé e per la propria famiglia. Ed anche questo triste aspetto è qui lucidamente narrato..."(Mons. G.M. Bregantini)

Visita il sito: www.centrostudidonati.org

“La civiltà, un male curabile” (2°parte)

NADiRinforma: dopo la presentazione del libro “La civiltà: un male curabile”, ed. Franco Angeli, il prof. Naranjo risponde alle domande del pubblico arricchendo così la presentazione attraverso le sollecitazioni della gente.Guarda la prima parte

Visita il sito: www.claudionaranjo.net

“Vite in vendita” Incontro con Giovanna Falli

NADiRinforma incontra Giovanna Falli, la protagonista dell'autobiografia curata dal figlio, Marco Cinque, “Vite in vendita”.Una chiacchierata che ci ha fatto capire "la forza delle donne" ... dove sta e cosa è capace di fare. Una chiacchierata che ha il sapore della speranza ... quella vera, quella che nasce dal buio della disperazione. Giovanna è una donna ostinata che non sa arrendersi, nemmeno dinanzi ad un destino che pareva volerla relegare ai margini; a quel destino ha risposto trasformando le dolorose e, per certi versi, assurde vicende che l'hanno caratterizzata, in altrettanti insegnamenti vitali, quegli stessi che oggi ci dona.

Visita il sito: www.mediconadir.it

La ragazza del secolo scorso - presentazione del libro di Rossana Rossanda


N.A.Di.R. informa:Presentazione, organizzata da Unibocultura, del libro "La ragazza del secolo scorso" di Rossana Rossanda, figura centrale dellacultura e ideologia comunista italiana ed europea. Come la stessa Rossanda spiega
all'interno dell'incontro, a stimolare questo lavoro critico e descrittivo è stata la sua insofferenzadavanti allo sproloquio che nel mondo contemporaneo sta interessando il comunismo.In questo tentativo di recuperare coscienza storica ed analisi critica del fenomeno, l'autrice si è trovata
a dover descrivere se stessa e a ripercorrere tappe biografiche fondamentali della sua esistenza:l'incontro con l'ideologia comunista nel periodo della guerra,la militanza ventennale nel P.C.I. da cui fu espulsa nel 1969a seguito delle critiche che vi rivolgeva per il modo in cui esso si relazionòai movimenti degli anni sessanta e settanta,per poi concludere con la storia del Manifesto e questa contemporaneità "precaria" dove ancora cerca di richiamare le persone a quel
suo principio vitale di "cambiare il mondo".
In una affascinante radiografia di un secolo di storia italiana e mondiale, letta dal punto di vista diquell'ideologia che la Rossanda definisce "il sale del novecento", l'autrice è accompagnata daGianni Riotta, eminente giornalista cresciuto nel Manifesto diretto dalla Rossanda, Angelo Guglielmi,figura celebre del mondo Rai, e il saggista Franco Moretti. Ha moderato l'incontrola professoressa Vita Fortunati.
Visita il sito: www.mediconadir.it

NADiRinforma incontra p. Alex Zanotelli

Il 5 novembre 2008 presso la Casa dei Comboniani a Bologna abbiamo scambiato due chiacchiere con p. Alex Zanotelli partendo dalla spinosa questione “acqua libera di essere privatizzata” in quanto il Parlamento ha votato, il 5 Agosto del 2008 l'articolo 23 bis del decreto legge numero 112 con il quale scatta la privatizzazione dell'acqua. La follia collettiva sapientemente indotta e condotta che nutre un sistema globale completamente staccato dall'essere umano dove ci sta portando ? ... e se provassimo a leggere il Vangelo ? Un libro scritto più di 2000 anni fa stranamente ed inspiegabilmente attuale ... ascoltiamo p. Alex ... e se ci venisse in mente qualche idea orientata alla salvaguardia di noi stessi e del pianeta ove viviamo ?!

Visita il sito: www.mediconadir.it

120)- Intervista a Maurizio Ferrara - Leggere negli occhi

"Maurizio Ferrara, dopo una avventurosa vita in giro per il mondo, da 15 anni si è stabilito a Parigi, ed è uno dei più apprezzati traduttori italiani dal francese, vantando già una settantina di libri. E' anche scrittore in proprio, avendo pubblicato il romanzo La scala per il cielo (Passigli, 2000) e la raccolta di racconti Septembre est le mois des uragans (in Francia, 2004). La guida di questa intervista sarà il suo nuovo romanzo, Passione 1820, appena uscito per l'editore Sironi, che condivide con l'autore di questa conversazione. Si chiude qui, cari amici di Arcoiris, la bella esperienza di "Leggere negli occhi". Sono passati 5 anni e 120 interviste, per le quali avete sempre mostrato interesse e dimostrato a me calore e condivisione. Continua la bella e meritoria azione di cultura e libertà che Arcoiris vi propone: continuate a frequentarla con assiduità, e contribuite a farla crescere - lo merita. Franco FoschiIntervista a cura di Franco Foschi, pediatra e scrittore Bolognese

Visita il sito: www.scrittoribologna.com

Eduardo Galeano presenta il libro “Specchi”

NADiRinforma propone la presentazione del nuovo libro del grande scrittore uruguaiano Eduardo Galeano “Espejos. Una historia casi universal” la cui traduzione in italiano dal titolo “Specchi” (Ed. Sperling & Kupfer) uscirà nell'ottobre prossimo venturo.Sono 600 le storie che costruiscono il libro, quasi una situazione surrealistica che, come dice Galeano, intendono raccontare la storia non raccontata, la storia nascosta dell'umanità vista con gli occhi e il cuore dei “nessuno”, di coloro che, pur avendo fatto la storia, mai sono stati e mai saranno celebrati. É un punto di vista molto importante quello che ci propone l'autore, in quanto le situazioni e quindi la storia dipende da chi la racconta, dal suo punto di vista ... non esiste una sola visione della realtà!La realtà non può essere unica, la sua diversità è la sua ricchezza ed insieme l'anima dell'umanità.Tra le tante coinvolgenti storie raccontate sicuramente “L'Eroe” rappresenta la sintesi delle intenzioni del libro in questione: “Come sarebbe stata la guerra di Troia narrata dal punto di vista di un soldato anonimo ? ... avrebbe presentito quel soldato ciò che Euripide avrebbe poi confermato ? Che Elena non andò mai a Troia, che solo la sua ombra andò là ...che cosa ricordò ? Forse l'odore. L'odore del dolore, e solo quello” ... le guerre, tutte le guerre hanno odore: “E' una nausea che ti abbandonerà mai più.”Registrazione c/o Librerie Feltrinelli International – Bologna

Visita il sito: www.mediconadir.it

Fiom. Viaggio nella base dei metalmeccanici

NADiRinforma propone la visione del documentario

FIOM. Viaggio nella base dei metalmeccanici
di Giuliano Bugani e Daniele Marzeddu

Il film nasce da un progetto di Giuliano Bugani in seguito all'Accordo sulle Rappresentanze Sindacali firmato da CGIL, CISL, UIL e dalla Confindustria il 28 giugno 2011, e, contro il quale, la base FIOM sciopera per la prima volta nella sua storia contro il Segretario Generale della CGIL, Susanna Camusso. Il documentario attraversa città di tutta Italia nelle voci e nelle immagini di lavoratrici e lavoratori FIOM e RSU di fabbrica, portando alla luce il disagio e la rabbia degli iscritti sulle conseguenze dell'Accordo del 28 giugno 2011. Simbolica la figura di Giorgio Cremaschi, storico sindacalista e leader della FIOM, che fa da filo conduttore tra le tematiche delle lavoratrici e dei lavoratori intervistati.

CREDITS
Soggetto e sceneggiatura GIULIANO BUGANI.
Fotografia e montaggio DANIELE MARZEDDU.
Interviste in manifestazione GIOVANNA ALBANO.
Supervisione al montaggio MARCO SORRENTINO.
Suono CORRADINO "DINDO" CORRADO.
Musiche ASSALTI FRONTALI / GIANNI PACI e DARIO BALDINI.
Fotografo di scena ETTORE SALVIATO.
Autoprodotto da GIULIANO BUGANI e DANIELE MARZEDDU

Visita il sito: www.mediconadir.it

Bologna un anno dopo - una rete tesa al riaprirsi alle associazioni, movimenti e società civile

N.A.Di.R. informa: "Bologna un anno dopo" una rete tesa al riaprirsi alle associazioni, ai movimenti, alla società civile. L'evento si è svolto in Cappella Farnese - Palazzo D'Accursio lunedì 4 luglio 2005.
Hanno partecipato quali relatori una ventina di rappresentanti di movimenti ed associazioni di Bologna che desiderano aprire un canale di comunicazione costruttivo, moderato ed organizzato con le Istituzioni cittadine. Malgrado qualche disagio sapientemente utilizzato e manipolato dal sistema mediatico, la città non vuole disconoscere la sua Amministrazione e il suo Sindaco ed a tal fine si organizza ed, in sintonia con ciò che da sempre la caratterizza, agisce e non permette a niente e a nessuno di creare intoppi comunicativi.
Visita il sito: www.mediconadir.it

Lo sgabellino in Piazza Maggiore

NADiRinforma assiste ad una manifestazione tanto singolare quanto espressione dei tempi che stiamo vivendo, una sorta di Speakers' Corner nostrano, un angolo dedicato alla pubblica partecipazione che da Hyde Park si è trasferito in Piazza Maggiore a Bologna. Ogni giovedì e ogni sabato dalle 11:00 del mattino Ferdinando Pozzati Piva, armato solamene di uno sgabellino, arringa un assembramento di passanti, li coinvolge in una sorta di assemblea improvvisata e al contempo organizzata. Il suo linguaggio forbito, il piglio sicuro e il berretto di lana calcato in testa lo caratterizzano. Il suo obiettivo è quello di stimolare un dibattito pubblico partendo dalla consolidata cognizione del mal vivere che ci opprime, un mal vivere che, pare, tutti noi stiamo subendo senza replicare, senza avere la consapevolezza di potere-sapere reagire. Ferdinando è convinto che solo risvegliando le coscienze, solo educando la gente al delicato processo del percepirsi parte attiva si possa ambire il cambiamento. La sua “rivoluzione” è ragionata, non violenta, non borghese: “ Le rivoluzioni si fanno in piazza. Le rivoluzioni si fanno quando la propria classe dirigente è incapace di governo e di riforme e diventa manifestamente indegna. Si fanno per sostituire gli uomini quando non esiste nessun altro strumento utile, quando la via istituzionale è impraticabile.Il sistema elettorale non c'entra, con qualsiasi legge elettorale si vada al voto, il voto non esiste più. Da quando i partiti sono strutture di vertice (forse da sempre in Italia) col voto non selezioniamo nessuna classe dirigente, possiamo solo mettere una croce sopra nomi decisi al vertice e sopra la nostra democrazia...” (si rimanda al manifesto redatto da Ferdinando) Al di là di ciò che davvero tale esperimento riuscirà a sortire, una cosa è certa: rappresenta un esempio concreto di libertà di opinione in quanto qualsiasi persona può salire sullo sgabellino e parlare di ciò che vuole, coinvolgendo chi lo ascolta. Ognuno di noi potrà essere l'oratore e al contempo l'uditore in un “gioco delle parti” di cui forse il nostro Paese, la nostra Democrazia ha davvero bisogno!

Visita il sito: www.mediconadir.it