Chi è Online

199 visite
Libri.itANDY WARHOL. POLAROIDS (IEP) - JumboDAVID BOWIE. THE MAN WHO FELL TO EARTHLE CORBUSIER (I) #BasicArtLMARIO TESTINO. UNDRESSED

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tutti filmati di Liberitutti

Totale: 2

Progetto Musicoterapia .:. Hospice di Cremona

Il video restituisce l'esperienza cremonese al XIV Congresso Nazionale della Società Italiana di Cure Palliative che si terrà a Perugia dal 13 al 16 novembreprossimo e vedrà, come elemento centrale, il rapporto fra "Arte e Cure Palliative".Presso l'Hospice di Cremona, si presta particolare attenzione all'Arteterapia, che è utilizzata come intervento complementare alle cure palliative ealla terapia del dolore, per attenuare lo stato d'ansia, la condizione depressiva, la percezione del dolore e la tendenza alla chiusura e all'isolamento,tanto frequenti nei malati terminali.Tra le varie esperienze d'arte e artigianato artistico svolte nell'Hospice, il video prende in considerazione la musica: da circa due anni, infatti, opera all'internodella struttura una musicoterapista che offre la possibilità di avvalersi di sedute di musicoterapia ai pazienti e i parenti che lo desiderano.
Dopo una breve illustrazione della struttura dell'Hospice, il video presenta un repertorio fotografico che ne documenta in parte la storia, accompagnato da branimusicali che hanno caratterizzato alcune sedute d'ascolto e dalla lettura di estratti dalla documentazione della musicoterapista, che costituisce il rendicontoqualitativo dei risultati della sua attività.Seguono alcune interviste a organizzatori, medici, infermieri e volontari che restituiscono l'esperienza professionale e umana della realtà in cui operano. Leinterviste sono state girate in un luogo diverso dall'Hospice, uno spazio decontestualizzato, dove il contenuto delle parole degli intervenuti possa acquistareanche un valore simbolico. La fotografia è stata giocata con decisi effetti chiaroscurali per porre l'accento sul concetto di doppio. Doppio che diviene duplicecome la natura degli operatori intervenuti: tecnici, che usano al meglio le loro conoscenze, ed esseri umani, che non possono non essere toccati dal dolore edalla sofferenza con i quali vengono quotidianamente in contatto.
Il video termina con una camera-car in cinema d'animazione sulla città di Cremona dove nascono, si aprono e scompaiono bolle di sapone che rappresentano la fragilitàdella vita, delle gioie, dei desideri e dei conflitti degli uomini per chiudersi, sulle ultime note della decima sinfonia di Mahler, con un tramonto sul fiume Po.
regia: Claudia Bertazzi
animazioni: Daniele Not, Claudia Bertazzi
montaggio: Matteo Sessa, Daniele Not, Claudia Bertazzi
riprese e fotografia animazioni: Daniele Not
riprese e fotografia dal vero: Matteo Sessa
produzione esecutiva e artistica: liberitutti
Visita il sito: www.sicp.it
Visita il sito: www.accdcr.org
Per informazione potete scrivere a: ufficiostampa@liberitutti.com

Betty Danon: arte come vita, vita come arte

Il video raccoglie alcuni frammenti e suggestioni della mostra antologica cremonese di Betty Danon edella lettura - performance di Daniela Coelli A.A.A. cercasi Alice, presentata in quella occasione.
Il 12 maggio scorso si è inaugurata presso la Galleria Daniela Rallo a Cremonala prima antologica di Betty Danon.
Poetessa visiva, artista concettuale, mail artista, Betty Danon ha tradotto in terminiesistenziali la sua ricerca, trasformandola in riflessione filosofica e pratica di vita.Trent'anni di lavoro ininterrotto su suono e segno nelle loro combinazionigrafiche, acustiche, concettuali, visuali e giocose; a partire dalla simbologiajunghiana ha ridotto cerchio e quadrato a elementi primari, punto e linea.
L'antologica arte come vita, vita come arte ha arricchito la manifestazioneorganizzata dal Comune di Cremona La città delle donne. Alice o della città immaginata dedicata alla figura di Alice nel paese delle meraviglie.
Alice, una delle principali protagoniste del lavoro di Betty Danon, nasce nel 1976quando l'artista, per far sorridere un'amica in difficoltà, come l'eroina di LewisCarroll oltrepassa la porta senza porta e si ritrova nel Paese dell'Arcobaleno,Rainbowland, un immenso ponte-pentagramma di aria, acqua e luce che raccogliei suoni di tutti.
Betty Danon ha esposto in Italia e all'estero in numerose mostre personali ecollettive, tra cui due mostre speciali della Biennale di Venezia (1978 e 1980).Il suo lavoro è documentato su numerose riviste d'arte contemporanea ed èpresente in molti archivi d'arte internazionali.Uscita volontariamente, negli anni '80, dai circuiti convenzionali dell'arte, ha dato neglianni successivi il meglio di sé, condividendo il suo lavoro con artisti di tutto il mondoattraverso la mail art e diffondendo lo spirito creativo del suo pensiero in preziosiatelier di iniziazione alla creatività, per un pubblico sia professionista che amatoriale.L'utilizzo del computer, alla fine degli anni '80, le ha permesso di dar vita ai suoipiù luminosi colpi d'ala nel campo della poesia visuale, con la creazione di decinedi libri, alcuni pubblicati in tiratura limitata, altri pezzi unici.I suoi lavori sono oggi al Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e
Rovereto (dove è custodito anche il suo archivio), presso The Museum of ModernArt di New York, nel dipartimento Rare Books - Ohio State University, negli ArchiviSackner e in musei e biblioteche di più di venticinque nazioni di tutto il mondo.
Regia: Claudia Bertazzi
Montaggio: Claudia Bertazzi, Matteo SessaRiprese e Fotografia: Matteo Sessa
Produzione Esecutiva e Artistica: Liberitutti
Visita il sito: www.galleriadanielarallo.com
Visita il sito: www.bettydanon.it
Visita il sito: www.gregorietti.it
Per informazione potete scrivere a: ufficiostampa@liberitutti.com