Emergency

abbi il coraggio di pensare (Quintus Horatius Flaccus) - traduzioni

atrévete a pensar (Quintus Horatius Flaccus) - traduzioni

Fondazione Logos
Arcoiris TV

Chi è Online

219 visite
Libri.itLA ZANZARASAARINEN (I) #BasicArtALBERT WATSON. KAOS - edizione limitataNEW YORK. PORTRAIT OF A CITYBOTERO (I) #BasicArt

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Categoria: MONDO E SOCIETÀ

Totale: 911

Suad Amiry: "Golda ha dormito qui"

NADiRinforma incontra Suad Amury nel corso della presentazione del suo ultimo libro: "Golda ha dormito qui",
"Mi han detto che la tua casa è dove sei tu. Ci ho provato ma non sempre ci riesco"
"Di cosa è fatta la bellezza di una casa, se non della vita di chi la abita? Ma quando accade che un intero popolo si trovi all'improvviso espropriato delle sue dimore, la domanda che passa, amara, di bocca in bocca è soltanto una: che fine fa quella bellezza, e che fine fa l'anima di chi in quelle case, in quei palazzi, in quei giardini, ci ha vissuto, ci ha pianto e ci ha gioito, per una vita intera?"
Una storia che ha inizio nel 1948, quando gli inglesi, partendo da Israele, lasciarono due popoli in lotta: l'uno con tutto, l'altro con niente.
Suad Amiry, palestinese, racconta quella perdita inestimabile, quella dei muri con dentro le anime, la memoria, i gesti, gli affetti e, con profonda grazia e humour dissacrante, si confronta con un tema universale e potente com'è quello della casa, che finisce per coincidere con la nostra stessa identità, con la nostra stessa, comune, storia.
L'iniziativa, organizzata l'8 luglio '14 dalla Libreria Coop Ambasciatori in collaborazione con Assopace Palestina Bologna, ha previsto la presenza di Luisa Morgantini e Moni Ovadia

Intervista a cura di Luisa Barbieri
Riprese e montaggio Paolo Mongiorgi

Visita il sito: www.mediconadir.it

Operazione "Bordo protettivo": ne parliamo con Moni Ovadia

NADiRinforma incontra Moni Ovadia ad affrontare l'escalation di violenza che ancora una volta sta coinvolgendo Israele e Palestina e che, attraverso l'operazione militare avviatasi la notte dell'8 luglio '14 chiamata Bordo protettivo, ha permesso all'aviazione israeliana di colpire un'enorme numero di obiettivi nei territori palestinesi.
Ovadia, senza mezzi termini, definisce il governo israeliano ultrareazionario e razzista, ideologicamente orientato a negare ai palestinesi profilo, dignità e identità; d'altro canto esprime disappunto e incomprensione verso coloro, identificati come palestinesi, che proseguono a lanciare inutili e dannosi razzi verso i civili israeliani senza pensare che ogni lancio altro non fa che rinforzare le motivazioni del governo israeliano.
Secondo Ovadia nel cuore di Israele hanno preso forma gruppi animati da odio sconsiderato sostenuto da una forte ideologia fascista, il problema, secondo lui, è che questa classe politica israeliana non si sposterà mai da questa posizione, forse una soluzione potrebbe cercarsi e trovarsi all'interno della società civile israeliana a bloccare definitivamente la colonizzazione

Intervista a cura di Luisa Barbieri
Riprese e montaggio Paolo Mongiorgi

Visita il sito: www.mediconadir.it

Operazione "Bordo protettivo": ne parliamo con Luisa Morgantini

NADiRinforma incontra Luisa Morgantini cercando di capire l'ennesima operazione militare avviata nel corso della notte dell'8 luglio '14, sostenuta dai raid dell'aviazione israeliana su Gaza nel corso dell'operazione militare chiamata Bordo protettivo.
La condanna del segretario generale dell'ONU Ban Ki-moon è stata immediata: "Questi attacchi indiscriminati contro aree in cui vivono i civili devono fermarsi" supportata dalla grande preoccupazione per una possibile escalation della violenza
Israele giustifica l'operazione militare come una risposta al lancio dei razzi effettuato da Hamas.
Secondo la Morgantini la responsabilità della situazione è da attribuirsi in prima istanza alla Comuntà internazionale incapace di fare rispettare ad Israele alcuna risoluzione delle Nazioni Unite.
Israele pare uno stato al di sopra dei sospetti, come della legge, e si trova nella posizione di sentirsi autorizzato a colpire impunemente, nella fattispecie i Palestinesi costretti a vivere in situazioni drammatiche.
Oggi Israele la si può considerare una società malata in quanto affonda le radici della sua sopravvivenza nella colonizzazione e nella militarizzazione ed in onore del rispetto umano va fermato
Intervista a cura di Luisa Barbieri
Riprese e montaggio Paolo Mongiorgi

Visita il sito: www.mediconadir.it

La parabola di " the matrix" (Cesena, 2012)

Si tratta di 4 incontri su l'interpretazione del film "the matrix" tenute da Rocco BRUNO, nell'arco di febbraio, marzo e maggio del 2012, Info:

Official website - http://www.thematrixrw.webs.com/
Blog in italiano - http://matrixunaparabolamoderna.blogspot.it/
Blog in inglese - http://themodernparableofthematrix.blogspot.it/

Death to the Death Penalty

Amnesty International's Death Penalty Campaign

Intervista al regista Paolo Benvenuti

Il cinema secondo Paolo Benvenuti in un'intervista registrata a Trento nell'ottobre 2012.www.camstudio.it

Il coraggio della nonviolenza

All'inizio di gennaio nella zona E1 ad est di Gerusalemme oltre 200 palestinesi organizzati dai Comitati Popolari di resistenza nonviolenta hanno fondato un nuovo villaggio formato da tende e l'hanno chiamato Bab Al Shams che significa "Porta del Sole". Con la costruzione di Bab Al Shams la resistenza popolare nonviolenta ha fatto un passo in più. Ogni giorno, all'interno della Cisgiordania,i palestinesi devono resistere contro l'occupazione militare e contro il muro: la repressione, l'occupazione illegale di terre, la costruzione di insediamenti da parte di coloni I comitati popolari palestinesi insieme ad attivisti internazionali da anni resistono all'occupazione con la nonviolenza e con coraggio. Di questo hanno parlato Abdallah Abu Rahme, Coordinatore dei Comitati popolari per la resistenza nonviolenta palestinese insieme a Luisa Morgantini, dell'associazione AssopacePalestina e già Vicepresidente del Parlamento europeo. L'incontro è stato organizzato insieme alla Lista Civica Doria del Comune di Genova e sono intervenuti l'Assessore alla legalità e diritti Elena Fiorini e il Consigliere Comunale Enrico Pignone capolista della Lista Civica Doria.I filmati girati in Palestina sono stati forniti dai Comitati Popolari di resistenza nonviole

Visita il sito: www.assopacepalestina.org

I veggenti del terzo millennio

Su una piazza di Bruxelles un noto personaggio belga, Dave Guillame, ha condotto un curioso esperimento di "chiaroveggenza".

Visita il sito: www.luogocomune.net

Accade in Abruzzo

Una fattoria in mezzo alle montagne d'Abruzzo, un allevatore, le sue pecore, un buon latte e un buon formaggio: un angolo di mondo in cui Davide, in modo del tutto casuale, sta per entrare.

Chile, Los Héroes están fatigados

Dirección: Marco Enríquez-OminamiEsta película sobre el compromiso político pone de manifiesto treinta años de historia contemporánea, al eregir el retrato de una nación bajo vigilancia, y abordar las veleidades y el cinismo de los caminos políticos. Al indicar las relaciones de fuerza y señalar las contradicciones de la joven democracia chilena, el realizador pretende ilustrar las vías a la deriva en el ejercicio del poder.