Arcoiris TV

Chi è Online

205 utenti
Libri.itPERCH I FOTOGRAFI AMANO LE GIORNATE GRIGIEHELMUT NEWTON. SUMO. 20TH ANNIVERSARY EDITION (IEP) - XLN.197 BRUTHER (2012-2018)FIORI DROY STUART. THE LEG SHOW PHOTOS: EMBRACE YOUR FANTASIES, GETTING OFF

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: Auschwitz

Totale: 3

Erri De Luca ricorda Izet Sarajlić

A Treiso il 25 aprile 2010 Erri De Luca insieme ai suoi amici Gianmaria Testa e Gabriele Mirabassi ha ricordato il poeta Izet Sarajlić attraverso una “Classifica del fuoco”, descrivendo la sua resistenza entro Sarajevo assediata e cantando una canzone musicata sui suoi versi dal titolo “Il proprietario delle scarpe numero quarantatre sta guardando un paio di sandali esposto al museo di Auschwitz”.

OLTRE LA CENERE - Intervento Assessore all\'Istruzione Regione Piemonte -Giovanna Pentenero

Presentazione del romanzo storico dal titolo "oltre la Cenere" di Monica Dogliani e Andrea Ronchetti avvenuta a Torino il 5 novembre 2009 al Circolo dei Lettori.
Relatori:
Gli autori
Giovanna Pentenero - Assessore all'Istruzione - Regione Piemonte
Primarosa Pia ? Admin blog web - Deportazione mai più
Roberto Cardaci - Sociologo
Claudio Vercelli - Storico, Istituto Storico Salvemini

Hanna prigioniera a sedici anni ad Auschwitz

Documentario di Bruno Capuana.
HannaKugler Weiss è nata a Fiume nel 1928 da Sigismondo Kugler e da Carlotta Kurtz, ebrei osservanti. Le leggi razziali del '38 interrompono la serenità della sua infanzia e la costringono ad abbandonare la scuola pubblica. Dopo l'8 settembred el '43 Fiume viene anessa al Terzo Reich, e la famiglia decide di fuggire, nascondendosi in Romania. Nel 1944, con un gruppo di altri ebrei, la famigli atenta di riparare in Svizzera e di valicare le Alpi attraverso un viaggio avventuroso, ma a Cremenaga (Varese) vengono tutti consegnati alla milizia fascista e quindi ai tedeschi. Deportati ad Auschwitz, la madre, i nonni e lasorella minore vengono uccisi all'arrivo; Hanna e la sua sorella maggiore sopravvivono. Liberata il 27 gennaio 1945 dall'esercito russo, torna in Italia econsegue il titolo di infermiera. Nel 1949 si trasferisce in Israele, dove lavora nei servizi sanitari, si sposa e ha tre figli. A partire dal 1990 inizia a guidare gruppi di giovani israeliani nei viaggi della memoria in Polonia. Oggi dirige il museo della Shoà di Nazareth Illit, la città in cui vive; tre oquattro volte all'anno continua a tornare ad Auschwitz con i gruppi di giovani, per testimoniare quello che è stato.

Visita il sito: www.corto16.net