221 utenti


Libri.itLA DONNA UCCELLOATTILIO - Nuova EdizioneSHARK!IL DIARIO DI LOLA PATAPUMEMILIO ORSO VERDE E LA SUA BANDA
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!








Abbasso il Duce

ArcoirisTV
2.6/5 (84 voti)
Condividi Segnala errore

Codice da incorporare

Dimensioni video

Scheda da incorporare

Riproduci solo audio:
Arcoiris - TV
N.A.Di.R. informa: per gentile concessione del Circolo ARCI Indiosmundo di San Polo d'Enza (RE) vi proponiamo la memoria della resistenza aSan Polo. Due giovani documentaristi, Marco Righi e Cosimo Bizzarri, danno vita ad un racconto corale sugli anni della guerra e della resistenza aSan Polo d'Enza, un piccolo paese della provincia reggiana. La percezione della guerra, la scelta del partigiano, la politica, il ruolo delle donne el'aiuto della popolazione, ma anche le battaglie, gli amori e gli aneddoti ridicolli.
Regia e montaggio: Marco Righi
Interviste e testi: Cosimo Bizzarri
Musiche: SIOUR ROS - MONO
Produzione: INDIOSMUNDO
Visita il sito: www.documentarioitaliano.it
Visita il sito: www.mediconadir.it

4 commenti


Per pubblicare il tuo commento, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Riceverai una email con la richiesta di conferma.


11 Dicembre 2007
18:52

Bravi, proprio bravi. Asciutto essenziale, poetico ed emozionante, nel racconto anche ironico che avete costruito, una sapiente ricostruzione degli accadimenti. Bene anche la fotografia

tommaso d'elia

29 Novembre 2007
10:26

E' bello per l'assenza di retorica. La storia e l'esperienza dei protagonisti esce con i chiaroscuri propri della vita. La lingua espressiva del dialetto e la "normalita'" dei protagonisti fa ben capire quanto la Resistenza sia stata radicata nella cultura popolare. Il motaggio rapido e incalzante a volte interrompe la narrazione dei protagonisti che ha il ritmo piu' pacato del racconto orale.

Andrea

27 Novembre 2007
12:19

Complimenti per la realizzazione. Con questo filmato riaffiorano i racconti di mio padre e mio nonno che sono stati antifascisti, sfollati in provincia di Parma poichè i nazzisti decisero di radere al suolo in nostro paese. Mi auguro che i nostri ragazzi vedano delle testimonianze come questa e ne facciano tesoro.

Paolo

25 Novembre 2007
11:08

Bellissimo lavoro, complimenti! Proiettatelo nelle scuole, a piccoli gruppi, per concentrarsi meglio ... Resistere

Sergio