472 utenti


Libri.itIL PESCEUN NUOVO AMICOL’ANELLO INCANTATOQUINTINO UN MOSTRO TROPPO CARINOLA MANO
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!








Per un pianeta verde - Stefano Mancuso

ArcoirisTV
2.1/5 (58 voti)
Condividi Segnala errore

Codice da incorporare

Dimensioni video

Scheda da incorporare

Riproduci solo audio:
Arcoiris - TV
La prolungata siccità dell'ultima stagione invernale, le immagini del Po in secca insidiato dalla risalita delle acque marine, il distacco dei ghiacciai sulla Marmolada sono i segnali sempre più evidenti delle conseguenze dell'innalzamento delle temperature terrestri che non è più soltanto uno scenario futuro, ma una minaccia presente, che bussa alla porta di casa. Secondo il botanico Stefano Mancuso (La pianta del mondo, La nazione delle piante) gli alberi possono essere i nostri più straordinari alleati nella lotta contro il cambiamento climatico, anche per l'eccezionale capacità di adattamento che le specie vegetali dimostrano rispetto ai mutamenti del contesto in cui si trovano inserite. In particolare, le azioni di forestazione urbana possono rivelarsi una strategia vincente per tentare di riequilibrare gli ecosistemi delle città, cui si concentra oggi oltre la metà della popolazione mondiale.

Visita: www.festivaletteratura.it

1 commento


Per pubblicare il tuo commento, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Riceverai una email con la richiesta di conferma.


16 Novembre 2022
12:41

Portatrice sana di ecoansia speravo di potere alleviare il disturbo con questo video ma purtroppo l'effetto non è stato quello desiderato. Di Mancuso ho letto Verde brillante e da allora lo considero un grande punto di riferimento. Piantare alberi non è semplice, bisogna avere anche il terreno se si vuole agire individualmente, ma certo potremo cominciare a investire in alberi - oltre che diffondere questo messaggio di Mancuso, che, se si riesce a superare l'ascolto della prima metà del video senza venire travolti dal terrore di un futuro spaventoso (:)) affiora anche qualche speranza. Grazie.

gabriella