205 utenti


Libri.itL’ANIMA DI TIANLIVING IN MEXICO - 40th AnniversaryHR GIGER - 40th AnniversaryALICE SOTTO TERRA - WHITE RABBIT EDITIONA GARDEN EDEN. MASTERPIECES OF BOTANICAL ILLUSTRATION (IEP)
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!






KASHMIR, chi ricomincia dopo la tragedia

ArcoirisTV
2.1/5 (37 voti)
Condividi Segnala errore

Codice da incorporare

Dimensioni video

Scheda da incorporare

Riproduci solo audio:
Arcoiris - TV
Breve viaggio per fare il punto sulla ricostruzione post-terremoto nel distretto di Bagh, nella parte pakistana della regione rivendicata anche dall'India
KASHMIR, CHI RICOMINCIA DOPO LA TRAGEDIA
Nulla in muratura è stato ancora riedificato, a causa del freddo: si vive e si va a scuola nelle tende. Senza lacrime, con nello zaino una dignità che fa paura.
La polvere che imbianca i pantaloni e ostruisce le narici. Lasciando filtrare però l'odore stomachevole del cibo fritto per la strada. Il grigio delle tende e le coloratissime stoffe appese alle baracche, in vendita. I clacson e il vociare dei commercianti che mercanteggiano. Le macerie e gli scheletri delle case. Vita e morte insieme, distruzione e caos. Questa è Bagh city.
Dopo oltre 5 mesi dal terremoto di 7,6 gradi della scala Richter che lo scorso 8 ottobre l'ha devastata, la regione del Kashmir, tra Pakistan e India, sembra ancora il fantasma di se stessa. Il mezzo tsunami che coi suoi quasi 100 milioni di morti e 4 milioni di senzatetto è stato cancellato presto dalle pagine dei giornali, è ancora presente nella quotidianità di chi da quelle parti continua a vivere. Sì, perché la vita è ripresa, ma nelle tende. Si può comprare di nuovo tutto, ma ai negozi mancano le pareti. L'aiuto prestato dall'Onu, dalle ong estere (tra cui Save the children, Mercy Malasya, Oxfam, Msf), locali e italiane (Intersos, Alisei), della Croce Rossa come anche quello dei contingenti militari della Nato, inserito nell'operazione "Indus" terminata a gennaio, ha fornito alla popolazione tutti gli aiuti (intesi come aiuti materiali e servizi vari) di primissima e prima necessità. La ricostruzione vera e propria è però ancora lontana. Non tanto per la neve, che fortunatamente è scesa copiosa solo oltre i 1500 metri. Piuttosto per il freddo, che costringe ad attendere l'arrivo di aprile.
Sono personalmente andata lo scorso dicembre 2005 a visitare il distretto di Bagh, a nord-ovest di Islamabad e a pochi chilometri dall'epicentro del sisma. Anche qui la gente ha perso tutto o quasi, tranne un fortissimo senso dell'ospitalità e una dignità inenarrabile.
Laura Tangherlini

3 commenti


Per pubblicare il tuo commento, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Riceverai una email con la richiesta di conferma.


7 Luglio 2006
18:51

Ottimo reportage tenendo conto che e`uno dei primi.Propone immagini eloquenti che rendono perfettamente l'idea della situazione che la reporter vuole raccontare.Nel montaggio alcune pause di troppo.Da apprezzare il coraggio della giovane reporter a spingersi in zone abbastanza ostili.

luca vitaloni

7 Luglio 2006
16:46

Ottimo, una testimonianza diretta che riporta alla ribalta la cruda realta' di una tragedia e l'orgoglio e la dignita' di un popolo, troppo presto dimenticati dai giornali e tv. Testimonianza che l'autrice ha saputo raccogliere con professionalita' e rispetto.

Giuseppe Lenti

16 Giugno 2006
10:24

molto valido, considerando anche la giovane età della giornalista e le condizioni difficili del luogo.

marco gubbi