224 utenti


Libri.itLA VITA SEGRETA DEI GATTIIL RICHIAMO DELLA FORESTAIL GENIO DEL BARATTOLO DI RAVIOLILOTTATORE PER AMORESUPERCIUCCIO VOL. 2
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!








Sulle strade di Gino

ArcoirisTV
4.7/5 (1905 voti)
Condividi Segnala errore

Codice da incorporare

Dimensioni video

Scheda da incorporare

Riproduci solo audio:
Arcoiris - TV
un film di: Tommaso D'Elia Ugo Adilardi Elena Caronia Simone Pallicca Daniela Preziosi
regia: Tommaso D'Elia
fotografia: Ugo Adilardi Elena Caronia Tommaso D'Elia
montaggio: Simone Pallicca
prodotto da Arcoiris.tv

Alla fine della vita non ci sarà chiesto se siamo stati credenti ma se siamo stati credibili
Il documentario "Sulle strade di Gino" parte dalle parole di Luigi Ciotti, amico e compagno di strada del fondatore di Emergency. Sarajevo sotto le bombe, l' Afghanistan in guerra. Proprio lì, nel pieno del conflitto, Gino capisce che c’è una guerra anche nel suo paese. E decide di aprire presidi nei luoghi di frontiera italiani. Percorriamo 8.700 chilometri  guidati da medici e volontari che cercano, tra gli ultimi della terra, chi ha bisogno di cure e non può permettersele, chi ha bisogno di aiuto. Da Mestre a Castelvolturno, dall’ospedale fantasma calabrese di Cariati, alla Riace di Mimmo Lucano, a Ragusa. E fra i migranti dimenticati di sempre appaiono tragicamente i "nuovi" profughi, in fuga dall’Ucraina, e da una ennesima nuova guerra.

Visita: www.emergency.it

50 commenti


Per pubblicare il tuo commento, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Riceverai una email con la richiesta di conferma.


28 Maggio 2022
16:36

Grazie un bellissimo documentario che diffonderò per il grande valore di Amore che esprime.

Rita

26 Maggio 2022
16:36

Come sempre, Tommaso con i suoi documentari, fa emozionare; avvincente nella sua drammaticità. Bella la musica e le immagini. Grazie a Tommaso e a Emergency

Daniela

25 Maggio 2022
18:38

Ottimo! Complimenti! Ancora una volta un lavoro necessario, che aiuta a riflettere. La durezza e il senso di distruzione di molte immagini trovano nelle parole e nelle narrazioni degli intervistati una risposta forte che ci da ancora speranza.

Susi

24 Maggio 2022
13:52

Bellissimo documentario! mi ha fatto venire voglia di fare anche io la mia parte......sono un medico. Grazie

Angela

23 Maggio 2022
00:21

Grazie a Tommaso e a tutti coloro che hanno contribuito e partecipato. Grazie per questa energia costruttiva che ci rende visibili altre energie svincolate da appartenenze e confini, mobilitate da affetti e generosità e non da opportunismi. Perché, come dice il filosofo, ciò che ha davvero valore non ha prezzo. Un abbraccio. Massimo

Massimo

22 Maggio 2022
16:06

Belle interviste, passa l'emozione il coinvolgimento discreto determinante di questa rete dì solidarietà. Gino Strada lo ricorderemo con affetto e riconoscenza. Tutti bravi!

Giuliana

20 Maggio 2022
15:24

Un film di luce umana che da' speranza e mostra la strada per migliorare la vita di tutti. Di chi da e di chi riceve. Bravo Tommaso sempre di più sai svegliare il cuore di tutti con tocco leggero grazie Gaia

Gaia Ceriana

19 Maggio 2022
19:36

Questo film va dritto al cuore ed è talmente denso di contenuti che dovrebbe essere proiettato nelle scuole. Uno dei concetti forti nei miei anni '70 era il concetto di internazionalismo. Oggi è diventato utopia. Sparita l'dea di internazionalismo trionfa il nazionalismo ed eccoci alle soglie di una guerra che rischia di diventare ancor più devastante di tutte le altre. Il pensiero unico denigra chi non è d'accordo con le armi e mi chiedo: i media (meno Avvenire e Il Fatto Quotidiano) che non danno spazio alle parole di Papa Francesco:"Tacciano le armi! Dio sta con gli operatori di pace, non con chi usa la violenza", come tratterebbero Gino Strada, se lui fosse ancora qui?

Chantal

19 Maggio 2022
12:20

Bellissimo Tom complimenti!!! Molto commovente, riprese ottime, appropriato al momento terribile che stiamo vivendo.

Vitta

19 Maggio 2022
08:16

Coinvolgente ed è sconvolgente quanto oblio possono comunicare le fonti ufficiali che dovrebbero informarci. Grazie per questo sapere.

Anna Rita