146 utenti


Libri.itCHINESE PROPAGANDA POSTERSCOME LE NUVOLEIL LUPO IN MUTANDA 4 - È UN FANNULLONE!LA STORIA DI CINGHIAL OTTO E DI CAMILLA PIUMATALA CACCIA
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!








Mio fratello che guardi il mondo. La morte di Moussa Balde e altre storie tra frontiere e CPR

ArcoirisTV
3.7/5 (185 voti)
Condividi Segnala errore

Codice da incorporare

Dimensioni video

Scheda da incorporare

Riproduci solo audio:
Arcoiris - TV
Ancora un morto di stato, figlio dell’indifferenza, del cinismo e del razzismo delle nostre istituzioni. Questa volta a morire è un ragazzo di 22 anni, Mamodou Moussa Balde, africano della Guinea, morto suicida, dopo essere stato massacrato da tre razzisti e poi (poiché era un clandestino colpito da un provvedimento di espulsione) carcerato nel CPR di Torino, dove è stato lasciato morire in una gabbia da pollaio. «Gli sono stati negati i diritti più elementari e hanno calpestato la sua dignità. –ha detto Monica Gallo, garante dei detenuti della città- Nonostante i dieci giorni di prognosi, è stato trasferito nel Cpr, dove non gli è stato concesso il diritto di essere registrato con le proprie corrette generalità, dove nessuno si è interessato ad ascoltare la sua storia, arrivando alla violazione del più fondamentale dei diritti, quello alla vita». Condannato a morte solo perché nero, povero e nato dall’altra parte del Mediterraneo. Ma, come ha detto l’avvocato Gianluca Vitale, sono tante le mani che hanno stretto attorno al collo di Moussa Balde il lenzuolo con cui si è impiccato: da quelle dei poliziotti della questura d’Imperia al giudice di pace del CPR di Torino, dai medici e dai sorveglianti che hanno fatto finta di niente ai tre ministri degli interni (Minniti, Salvini e Lamorgese) che hanno ideato, costruito e protetto l’orrore disumano dei CPR. Cioè il simbolo stesso del sistema repressivo che è alla base delle politiche italiane ed europee in materia di immigrazione. Politiche volte chiaramente alla criminalizzazione del cosiddetto migrante “clandestino” e al progressivo svuotamento del diritto di asilo.

Non potevamo non occuparci di Mamodou Moussa Balde e della sua tragica storia, così come del contesto razzista in cui è maturata tra frontiere, fortezze, ricatti, violazione di diritti e carcere. Il film è stato realizzato da Giandomenico Curi, montato da Mario Gianni, con la collaborazione di Eros Achiardi (sono sue molte delle immagini di Ventimiglia),

11 commenti


Per pubblicare il tuo commento, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Riceverai una email con la richiesta di conferma.


27 Giugno 2021
18:25

Molto interessante e importante. Un pugno nello stomaco con una continua fitta al cuore... Grande tenerezza per il suo sorriso e il suo sguardo quando è intervistato. Grazie

Letizia Cortini