Chi è Online

Chi è Online

234 utenti
Libri.itDAVID LACHAPELLE. LOST AND FOUND - GOOD NEWS - Art EditionNON HO SONNO E NON ANDRÒ A LETTOBEFORE EASTER AFTER - edizione limitataPETER BEARD - XLJULIA WATSON. LO—TEK. DESIGN BY RADICAL INDIGENISM
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!






VIVA IL 25 APRILE, VIVA LA LIBERAZIONE!

ArcoirisTV
4.6/5 (40 voti)
Condividi Segnala errore

Codice da incorporare

Dimensioni video

Scheda da incorporare

Riproduci solo audio:
Arcoiris - TV
li celebriamo
con i partigiani che scendono dalle montagne per liberare le città (nelle immagini dell'Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico),
con il racconto del partigiano Walter (tratto dal film di Gaia Ceriana "é pèn dé mond - il pane del mondo" a cui hanno collaborato Tommaso D'elia e Simone Pallicca);
con un ricordo di Carla Capponi (tratto dal film "Cuore di donna" di Elio Matarrazzo);
con la testimonianza del comandante partigiano Giorgio Mori (dal brano "... e li chiamavano ribelli" tratto da una lunga intervista realizzata da Paolo di Nicola in collaborazione con l' ANPI di Massa e l'ANPI di Carrara);
con la narrazione di Ascanio Celestini che ricorda -insieme alle voci di tanti combattenti- la liberazione di Roma (da un film di Paolo di Nicola)

e infine la celebriamo tutti insieme con Bella Ciao, l'immortale.
viva la liberazione, viva il 25 aprile!
E viva sempre la lotta per un mondo migliore!

2 commenti


Per pubblicare il tuo commento, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Riceverai una email con la richiesta di conferma.


25 Aprile 2020
20:04

Le ceneri lasciate cadere nel Tevere sono quelle di Carla Capponi. Gli è stata negata la sepoltura. Un altra storia buia di questa Italia che ha ancora ha difficoltà a fare i conti con il passato. Belle le interviste, uomini e donne a cui dobbiamo molto

Giuliana Poletto

25 Aprile 2020
15:05

Bellissimo, commovente e poetico.....da divulgare a tutti e alla nuova gioventù....in memoria dei componenti di una generazione che in questo periodo ci hanno lasciato! Grazie!

Catia