305 utenti


Libri.itAMICI PER LA PELLEALBERI DCAPPUCCETTO ROSSO - PRIMO SOGNOULTIMATE COLLECTOR CARSJAZZ COVERS (INT)
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!






Tutti i filmati di archive.org

Totale: 890

Il bambino di Carla

Carla ha 50 anni, lavora in un centro per disabili e vive in un appartamento in un quartiere periferico di Roma con suo figlio Francesco -un bambino che ha un estremo bisogno di affetto- e il suo compagno Antonio. Carla è grassa e trasandata mentre Antonio, oltre ad avere tanti anni meno di lei, è anche molto bello. Per questo la loro relazione stride agli occhi del mondo. Poi, un giorno, Antonio incontra Giorgia, una ragazza molto sveglia e passionale, che lo porterà lontano dall'esistenza squallida e senza emozioni che viveva con Carla.

Seddok, L'erede di Satana

Seddok, l'erede di Satana è un film del 1960 diretto da Anton Giulio Majano. È un horror fantascientifico in bianco e nero che ha per protagonista Alberto Lupo.

È una storia basata sull'archetipo dello scienziato pazzo che compie folli esperimenti per salvare la donna amata, come altre pellicole del periodo (quali Occhi senza volto del 1960, Il mulino delle donne di pietra del 1960, Il diabolico dottor Satana del 1962).

Madame Tallien

Madame Tallien è un cortometraggio muto del 1911 diretto da Camille de Morlhon

Maciste

Maciste è un film muto italiano del 1915 diretto da Luigi Romano Borgnetto e Vincenzo Denizot. Si tratta del primo film con protagonista Bartolomeo Pagano nel ruolo di Maciste, dopo la sua piccola comparsa nel kolossal Cabiria (1914). Il personaggio fu creato da Gabriele d'Annunzio.

La presa di Roma

La presa di Roma, conosciuto anche come Bandiera bianca e La Breccia di Porta Pia, è un cortometraggio di Filoteo Alberini, che, nel 1905, fu la prima pellicola a essere proiettata in pubblico in Italia.

Lo storico del cinema italiano Aldo Bernardini attesta la prima proiezione a Roma, il 20 settembre 1905, giorno della ricorrenza della presa di Porta Pia; ulteriori ricerche hanno dimostrato, invece, l'esistenza di una precedente proiezione tenutasi al "Cinematografo Artistico" di Livorno già il 16 settembre.

Richard the Lion-Hearted

Richard the Lion-Hearted is a 1923 sequel to Robin Hood (1922; starring Douglas Fairbanks in the titular role), with Wallace Beery returning as Richard the Lion-Hearted. The movie was written by Frank E. Woods from the 1825 Sir Walter Scott novel The Talisman and directed by Chester Withey. It is not positively known whether the film currently survives, although it is considered to be a lost film.

Il piccolo Garibaldino

Siamo all’epoca di Garibaldi, quando i petti italiani infiammati da vivo amore patrio accorrono volonterosi in difesa del paese. Anselmo, padre di un giovanetto dodicenne, accorre anch’esso tra le file garibaldine. Il piccolo Augusto, infiammato dallo stesso desiderio, fugge di nascosto da casa e raggiunge il padre arruolato nella gloriosa schiera dei Mille. Suona il segnale della battaglia, il piccolo Augusto si slancia tra i suoi commilitoni, ma improvvisamente è colpito mortalmente. Il piccolo eroe invoca il nome di Garibaldi, si trascina presso di lui, ne bacia la spada e muore tra le braccia del padre.

Amore eterno

Amore eterno è un film muto italiano del 1913 diretto da Mario Caserini e interpretato da Lyda Borelli, Mario Bonnard e Gianpaolo Rosmino.

Maciste alpino

Maciste alpino è un film del 1916 (e non del 1914 come spesso è scritto, anno in cui per l'Italia la Grande Guerra non era ancora cominciata), di Luigi Romano Borgnetto e Luigi Maggi con Bartolomeo Pagano nel ruolo di Maciste.

Questo è uno dei primi film dei tantissimi dedicati al personaggio forzuto che nacque grazie a Giovanni Pastrone (Cabiria del 1914), che diede un enorme successo in Italia e all'estero a Pagano (scaricatore di porto prima e capo-spedizioniere poi) e il cui nome si deve a Gabriele D'Annunzio che creò così un neologismo d'uso ancor oggi.

Per quanto riguarda il film vero e proprio, non si distanzia per nulla da quella che sarà (con l'eccezione di Maciste all'inferno) una serie di tipo situazionista e tendente all'evasione. La guerra infatti non viene affrontata nei suoi aspetti critici né tanto meno in quelli cruenti.

L'Inferno

Avido e vizioso, un uomo di affari porta al suicidio un suo rivale. Accusato di omicidio, l'uomo viene condannato a morte. Giustiziato, giunge all'inferno dove viene prelevato dai diavoli. Lì lo aspetta una condanna eterna.