136 utenti


Libri.itLA COMPOSIZIONEIL GENIO DEL BARATTOLO DI RAVIOLIIL LUPO IN MUTANDA 4 - È UN FANNULLONE!UN REGALO PER LA MAMMASUPERCIUCCIO VOL. 2
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!








Tutti i filmati di URIHI

Totale: 99

03)- Acqua

In molte aree del pianeta la mancanza di acqua è il primo problema quotidiano da risolvere. A milioni di donne del sud del mondo è affidata questa continua ricerca: sorgenti, pozzi, fiumi, torrenti, spesso lontani da casa, forniscono la materia prima della vita.
Ma il problema può anche essere affrontato in modo da trovare soluzioni adeguate; come è avvenuto nel delta del Nilo, in Egitto, dove un progetto promosso dall'IFAD, l'Agenzia delle Nazioni Unite per lo sviluppo agricolo, sta canalizzando le acqua disperse nel delta del grande fiume.
Visita il sito: www.urihi.org

Claudio Bisio contro Letizia Moratti.

I comici di Zelig e altri artisti riuniti a Milano per manifestare contro la riforma della scuola.
Il 30 settembre scorso, al Mazdapalace di Milano, Claudio Bisio, Paolo Hendel, Lella Costa e molti altri artisti, su iniziativa di Retescuole, si sono esibiti in uno spettacolo contro la riforma della scuola della ministra berlusconiana. Durante la manifestazione, a cui hanno aderito migliaia tra genitori, insegnanti e bambini, è stato annunciato per l'8 novembre lo sciopero generale della scuola, cui aderiranno tutte le forze sindacali e politiche.

01) - In cammino

Nel mondo milioni di persone sono ogni giorno in movimento, alla ricerca di migliori condizioni di vita. In cammino è appunto il titolo della grande mostra fotografica di Sebastiano Salgado, che in una animata conferenza stampa illustra il suo punto di vista.
Ma la realtà composita dell'immigrazione vede anche ogni giorno innumerevoli casi positivi, come quello di Mouna, la storia in musica a lieto fine di una giovane donna in cerca di pari opportunità.
Visita il sito: www.urihi.org

04)- Un altro mondo è possibile?

Di fronte al divario crescente tra un mondo sempre più ricco ed uno sempre più povero e numeroso, molti si pongono la domanda se è possibile ipotizzare un altro modello di sviluppo e di convivenza civile. Se ne è discusso alla fine di gennaio nel Forum sociale mondiale di Porto Alegre, città del sud del Brasile, dove più di diecimila delegati dei movimenti antiglobalizzazione, provenienti da 120 paesi, hanno discusso e manifestato per cinque giorni per dimostrare a se stessi e all'opinione pubblica che appunto "un altro mondo è possibile".
Particolarmente significativa e attuale la discussione e la polemica contro la manipolazione genetica delle sementi e le multinazionali che controllano il mercato dei prodotti alimentari.
Visita il sito: www.urihi.org

04)- AIDS in Africa

www.urihi.org
La maggioranza dei malati di AIDS vive nei paesi in via di sviluppo: disinformazione e carenze igieniche e sanitarie moltiplicano la sua diffusione, che costituisce a sua volta un ostacolo allo sviluppo economico e sociale. Il problema è stato dibattuto dalle ONG italiane a Milano in un convegno internazionale, con la partecipazione di esperti italiani e stranieri; conclusosi con l'invito a trovare anche in campo sanitario soluzioni attente ai valori umani e non solo a quelli del mercato. Al Sud Africa spetta un triste primato, come constatiamo visitando la Yeoville Community School di Johannesburg. E proprio il governo sud-africano ha combattuto con successo la battaglia, in opposizione alle multinazionali farmaceutiche, per ottenere medicinali a basso costo: un primo passo nella lotta per sconfiggere la malattia.
Visita il sito: www.urihi.org

01)- Ancora Firenze

www.urihi.org
Nella prima puntata del 2003 si riprende e si conclude la panoramica sui temi affrontati al Forum Sociale Europeo.
Tre erano le grandi aree di discussione al Forum: dopo "Guerra e pace", in questa puntata si parla di "Diritti" e di "Neoliberismo". Di particolareimportanza il tema dell'informazione, date anche le polemiche pretestuose che hanno preceduto e accompagnato l'incontro.
L'impegno delle religioni nella costruzione di un mondo nuovo, di pace e solidarietà, è stato ampiamente esaminato, e discusso.
Le due puntate di Intrecci sono riunite in un unico documentario di 35' Firenze Europa, Mondo - disponibile per iniziative pubbliche di informazione e sensibilizzazione - che cerca di restituire, per chi c'era e
per chi non ha potuto esserci, immagini e suoni, volti e parole di quattro giorni indimenticabili, dall'apertura in Piazza Santa Croce all'interminabile corteo di sabato 9 novembre.
Da Dario Fo ad Ahmed Ben Bella, da Giulietto Chiesa a Riccardo Petrella, da Samir Amin a Isidoro Mortellaro, da Luisa Morgantini al Presidente della regione Toscana: studenti, sindacalisti, immigrate, esponenti politici e
partecipanti provenienti da Europa, Asia, Africa, Americhe tutti alla ricerca di un altro mondo, non solo possibile ma necessario.
Visita il sito: www.urihi.org

Censurata da Rai2, la trasmissione di Massimo Fini e Edoardo Fiorillo va a teatro.

Intervista a Massimo Fini e presentazione del suo spettacolo teatrale Cirano
Bloccata da Antonio Marano per volere, pare, dello stesso Silvio Berlusconi, la trasmissione approda al Ciak di Milano e proseguirà in tournée per tutta Italia. E dire che, in ciò che è rimasto del format televisivo, le tematiche sono soprattutto sociologiche e filosofiche: Fini e Fiorillo mettono in scena la tragedia dell'uomo moderno, ridotto a servo delle leggi dell'economia e del mercato, e grandi temi esistenziali, come la morte e il dolore. Non mancano, nella versione teatrale, considerazioni e battute sull'attuale sistema politico, e un atto dedicato alla crisi della democrazia moderna.
A cura di Giulia Bessio e Gianluca Genovese
Visita il sito: www.urihi.org

Viaggiatori italiani in America: Gaetano Osculati

www.urihi.org
Realizzati grazie a un contributo dell'Assesorato alla Cultura della Regione Lombardia illustrano la vita, il lavoro, gli studi di viaggiatori scienziati, artisti italiani che hanno contribuito alla costruzione del nuovo continente.
Gaetano Osculati: L'Amazonia mitica e quella reale
Gaetano Osculati (Monza 1808 - Milano 1884) ha legato il suo nome alla prima traversata completa dell'Amazonia da parte di un viaggiatore italiano. Partito dal porto di Guayaquil sul Pacifico nel 1847, osculati valicò le Ande, e navigando lungo il Rio Napo raggiunse il rio delle Amazzoni percorrendo in tutta la sua lunghezza fino all'Oceano Atlantico, sulle tracce del conquistatore spagnolo De Orellana, scopritore del più grande fiume del mondo. Girato in Equador, Perù e Brasile, il documentario illustra il viaggio compiuto dall'esploratore lombardo, mettendo a confronto l'Amazonia mitica da lui descritta 150 anni fa nel suo diario di viaggio, con la realtà e i problemi attuali della più grande foresta tropicale del mondo.
Visita il sito: www.urihi.org

01)- La mujer nutre al mundo: America Latina y El Caribe


01)- La donna nutre il mondo: America Latina e Caraibi


A cura di Giovanna Cossia - Regia di Marco De Poli
Da secoli gli artisti hanno celebrato il nobile gesto della donna che nutre la propria famiglia. Oggi, più che mai, questa immagine testimonia una realtà.
Il ruolo femminile come importante mezzo di trasformazione e crescita è sempre più riconosciuto e valorizato dalle agenzie per lo sviluppo. Anche la comunità internazionale ne ha grandemente enfatizato la consapevolezza e la potenzialità, ma molto resta da fare per tradurre questa presa di coscienza in azioni concrete.
Le attuali politiche di sviluppo agricolo non riflettono ancora adeguatamente i bisogni delle donne, e là dove sono presenti tardano ad essere messe in pratica. Questo è un ostacolo verso il traguardo di garantire cibo per tutti in un prossimo futuro.
La FAO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura) lavora per il progresso della donna nelle aree rurali, poichè il loro contributo alla produzione agricola è la chiave per raggiungere la sicurezza alimentare e uno sviluppo sostenibile.
URIHI ha realizzato il progetto in oltre un anno di lavoro, mettendo a disposizione il proprio archivio video e andando a scoprire situazioni "nuove" nelle cinque aree del mondo.
Tradotti in quattro lingue, i documentari sono stati distribuiti a 2000 organizzazioni contadine in tutto il mondo, per sottolineare pur nelle differenze la sostanziale somiglianza nelle condizioni di vita delle donne contadine di tutto il mondo.
Visita il sito: www.urihi.org