271 utenti


Libri.itTHE CHARLIE CHAPLIN ARCHIVESHELMUT NEWTON. LEGACYTHIRTY-SIX VIEWS OF MOUNT FUJILE RICETTE DI NONNA IRMAIL LAGO DEI CIGNI
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!






Categoria: Architettura

Totale: 29

Architetti italiani al confine (essere architetto nel Tirolo)

Ci sono molti modi per essere architetti italiani nel mondo.

Uno di questi è quello di intraprendere un'esperienza all'estero restando vicino a casa, in una realtà prossima al confine tra l'Italia e un altro paese.

Oggi siamo a Innsbruck in compagnia di Simone, architetto piacentino che sta vivendo un'esperienza di vita e di lavoro nel Tirolo, un contesto culturale in equilibrio tra Italia e Austria.

Attraverso il suo racconto scopriremo i vantaggi di essere architetto in una realtà di confine, un luogo in cui la contaminazione culturale è una caratteristica talmente consolidata da essere diventata la quotidianità.

Questa nuova tappa del viaggio esplora per la prima volta il tema del confine, inteso come luogo fisico e mentale ricco di opportunità e di risorse.

Perché non sempre è necessario mettere un oceano tra casa nostra e il luogo in cui viviamo la nostra nuova vita da progettisti, spesso per noi architetti molte risposte possono trovarsi più vicino di quanto pensiamo.

Architetti italiani in Portogallo (imparare dalla scuola di Porto)

L'architettura portoghese rappresenta un fenomeno di risonanza e interesse mondiale.
I principali architetti protagonisti di questo movimento lavorano quasi tutti a Porto, una cittadina che ospita anche una straordinaria università di architettura.

Il viaggio di architetti italiani nel mondo resta in Europa e fa oggi tappa in questo favoloso scenario architettonico.
Qui ho avuto il piacere di incontrare Gaia, architetto italiano che proprio a Porto ha trovato il suo riscatto professionale riaccendendo la sua passione per l'architettura.
Gaia ha avuto esperienze nello studio di Álvaro Siza per poi iniziare una collaborazione duratura con i NOARQ.

Nel corso della chiacchierata scopriremo quali sono i tratti distintivi della scuola di Porto e perché l'architettura portoghese è così persuasiva e straordinariamente ricca di contenuti.

Architetti italiani in Francia (essere architetto a Parigi)

Parigi è una città straordinaria, soprattutto per chi svolge la professione di architetto.

La realtà degli studi di architettura di Parigi offre enormi opportunità per i giovani progettisti di tutto il mondo che desiderano crescere e misurarsi in un contesto internazionale.

Il viaggio alla scoperta degli architetti italiani nel mondo torna in Europa e fa tappa in una città che da secoli attrae talenti nel mondo dell'architettura, dell'arte, della letteratura e della creatività nel senso più esteso e generale possibile.

Oggi ho avuto il piacere di incontrare Federica, architetto italiano che ha conosciuto Parigi per la prima volta lavorando nello studio di Renzo Piano e che ora è impegnata in una nuova esperienza altrettanto stimolante.

Abbiamo parlato di progettazione architettonica, di BIM, di innovazione e delle opportunità che offre la Francia, in particolare Parigi, sia come professione di architetto che come vita extra-lavorativa.

Architetti italiani in Australia (architettura e vita australiana nel 2021)

Come si vive e come si lavora in architettura dall'altra parte del mondo?
Cosa significa essere architetto e straniero in Australia?

Oggi cercheremo risposta ad alcune domande che riguardano un paese affascinante e ambito come l'Australia che, soprattutto per le nuove generazioni, ha rappresentato un sogno inseguito da molti giovani italiani.

Il viaggio alla scoperta degli architetti italiani nel mondo fa tappa a Melbourne dove ci aspetta Anna, architetto italiano con diverse esperienze internazionali alle spalle.
Anna ora è architetto presso lo Studio McQualter e si occupa di progettazione di interni e di edifici residenziali.

Con lei parleremo del mercato dell'architettura australiano paragonandolo ad alcune realtà europee e sud americane.
Nel video avremo anche modo di riflettere insieme sul tema delle donne in architettura nel 2021.
Grazie all'esperienza di Anna metteremo in luce quali sono le difficoltà che una donna architetto incontra nel suo percorso e quali pregiudizi ancora minano la crescita professionale delle donne in architettura.

Architetti italiani in Giappone (lavorare da Kengo Kuma)

L'architettura giapponese rappresenta un riferimento progettuale e culturale per tutti gli architetti del mondo.

Il viaggio fa oggi tappa a Tokyo dove siamo in compagnia di Anteo Boschi, architetto italiano Partner dello studio KENGO KUMA & ASSOCIATES.

Nel video scopriremo cosa vuol dire vivere e lavorare come architetto nel cuore della cultura giapponese e soprattutto in uno studio noto e prestigioso come quello di Kengo Kuma.

Marco Biraghi scrive a proposito dell'architettura di Kuma:
"Che sia costruito di pietra, di legno o di plastica l'architettura di Kengo Kuma possiede invece il dono di un'intrinseca levità e delicatezza. Fra le sue mani, qualunque materiale viene "piegato" alle leggi della tessitura, piuttosto che della struttura: come eteree costruzioni-origami, i suoi edifici sembrano reggersi in piedi sui vuoti che abbracciano piuttosto che sui sottili listelli di cui sono fatti."

Architetti italiani a Shanghai (il futuro dell'architettura è cinese?)

Essere architetto a Shanghai è una sfida quotidiana. Come emergere in una città cinese da 26 milioni di abitanti?

Il baricentro dell'architettura mondiale sembra essersi spostato a oriente. Non solo per i progetti sempre più grandi che gli studi di architettura europei realizzano in Cina ma anche per il grande numero di persone che si spostano verso le metropoli orientali alla ricerca di nuove opportunità.

Tra questi molti giovani architetti italiani che, come il nostro ospite di oggi, si stanno facendo strada in un contesto culturale complesso e diverso dal nostro.

La nuova tappa alla scoperta degli architetti italiani nel mondo passa da Shanghai dove troveremo Carlo Alberto Follo, architetto italiano che lavora presso il MDO -More Design Office- e che ci racconterà il suo punto di vista sulla realtà cinese.

Architetti italiani in Inghilterra (a Londra per progettare ponti)

Vivere e lavorare come architetto a Londra, cosa significa per un progettista italiano?

Londra rappresenta ad oggi un luogo molto ambito dai giovani architetti italiani che sognano una vita professionale migliore di quella che spesso si conduce in Italia.

La nuova tappa del viaggio alla ricerca degli architetti italiani nel mondo ci permetterà di scoprire un risvolto nuovo nel mondo dell'architettura: la progettazione di ponti.

Seguendo il racconto di Davide Alessandro Meucci, architetto presso Knight Architects, impareremo a vedere i ponti con occhi nuovi, cogliendo la bellezza ordinaria di questi grandi oggetti urbani che troppo spesso diamo per scontati.

Questa chiacchierata metterà in luce come a partire dalla facoltà di architettura sia possibile intraprendere percorsi professionali molto diversi ma che hanno in comune una caratteristica fondamentale per svolgere tutti i mestieri collegati alla disciplina architettonica: la progettualità.

Architetti italiani in Finlandia (vivere e lavorare a Helsinki)

Lavorare come architetto in Finlandia può essere un'esperienza professionale formativa estremamente arricchente anche sul lato personale.

La città di Helsinki in particolare offre grandi opportunità ai giovani architetti italiani come Devid che in questo video ci racconterà come sta riuscendo a farsi strada nel mondo dell'architettura finlandese.

Il settimo video di "Architetti italiani nel mondo" è anche il momento per approfondire alcuni degli aspetti personali più importanti per gli architetti che intendono avviare un percorso lavorativo all'estero.

Avere la mentalità giusta è di fondamentale importanza per affrontare le sfide quotidiane di una vita lontano da casa.
Imparare a dialogare con se stessi rimanendo concentrati sui propri obiettivi è probabilmente il metodo più efficace per riuscire ad ottenere il massimo da un'esperienza di vita e di lavoro di questo tipo.

Architetti italiani in Israele (essere architetto a Tel Aviv)

In questa nuova tappa del viaggio scopriremo la storia di Simone Dell'Ariccia, architetto italiano in Israele.

Simone lavora come architetto a Tel Aviv presso Ada Karmi-Melamede Architects, uno degli studi di architettura più noti della città che sotto la guida di Ada Karmi realizza progetti di straordinaria qualità con una particolare attenzione ai dettagli, ai materiali e al linguaggio architettonico.

Nel video impareremo com'è la vita da architetto a Tel Aviv, una città giovane e moderna che offre grandi opportunità.
La sesta tappa del viaggio di "Architetti italiani nel mondo" è anche l'occasione per fare un primo bilancio delle storie raccontate fino a qui e delle motivazioni che spingono sempre più architetti italiani a spostarsi all'estero.

Dismissione e recupero di spazi industriali con Giulia Setti

Viaggio all'interno della dismissione industriale.
Grazie al contributo della Professoressa Giulia Setti, ricercatrice in progettazione architettonica e urbana e docente del Politecnico di Milano scopriremo da dove nasce la dismissione in Italia e quali sono le strategie di recupero più efficaci.
Al centro del secondo episodio il libro "Oltre la dismissione" scritto da Giulia Setti, edito da LetteraVentidue.