Chi è Online

251 visite
Libri.itBERLINO NEGLI ANNI BOTERO (I) #BasicArtHIROSHIGE & EISEN. LE SESSANTANOVE STAZIONI DELLA KISOKAIDO (I GB E)TAVOLA SMERALDINALE FIABE DI HANS CHRISTIAN ANDERSEN - pocket size

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: gestalt

Totale: 3

E' possibile un'educazione per una democrazia? seconda parte

NADiRinforma propone la Conferenza-seminario esperienziale condotto da Claudio Naranjo il 30 ottobre '10 a Bologna.La mente "patriarcale" domina ancora la civiltà occidentale e ne limita l'evoluzione,producendo falsi valori che frenano il pieno sviluppo del potenziale umano.Claudio Naranjo, uno dei massimi rappresentanti della cultura dei nostri tempi eprofondo conoscitore del "come" favorire la salute psichica e spirituale, propone un'originale visione e prassi educativa, capace di portare armonia tra pensiero, emozioni e comportamento. Favorendo una maggiore conoscenza di se stessi, è possibile dar vita a forme sociali più sane e integrate."La trasformazione dell'educazione è la nostra migliore speranza per un futuro migliore.La situazione mondiale richiede un cambiamento dall'educazione patriarcale ad una educazione integrale che ponga l'attenzione allo sviluppo umano attraverso l'auto-conoscenza e la capacità affettiva"Claudio Naranjo.Guarda la prima parte

Visita il sito: www.claudionaranjo.net

Visita il sito: www.centrogestalt.it

Visita il sito: www.sateducazione.com

E' possibile un'educazione per una democrazia? prima parte

NADiRinforma propone la Conferenza-seminario esperienziale condotto da Claudio Naranjo il 30 ottobre '10 a Bologna.La mente "patriarcale" domina ancora la civiltà occidentale e ne limita l'evoluzione,producendo falsi valori che frenano il pieno sviluppo del potenziale umano.Claudio Naranjo, uno dei massimi rappresentanti della cultura dei nostri tempi eprofondo conoscitore del "come" favorire la salute psichica e spirituale, propone un'originale visione e prassi educativa, capace di portare armonia tra pensiero, emozioni e comportamento. Favorendo una maggiore conoscenza di se stessi, è possibile dar vita a forme sociali più sane e integrate."La trasformazione dell'educazione è la nostra migliore speranza per un futuro migliore.La situazione mondiale richiede un cambiamento dall'educazione patriarcale ad una educazione integrale che ponga l'attenzione allo sviluppo umano attraverso l'auto-conoscenza e la capacità affettiva"Claudio Naranjo.Guarda la seconda parte

Visita il sito: www.claudionaranjo.net

Visita il sito: www.centrogestalt.it

Visita il sito: www.sateducazione.com

NADiRinforma incontra Claudio Naranjo e la SAT

NADiRinforma incontra il prof. Claudio Naranjo che descrive il punto di vista e la pratica di Fritz Perls in modo molto diverso rispetto a quello comunemente adottato oggi negli istituti di Gestalt in America. Per contrasto, il suo lavoro ha ispirato il movimento Gestalt latinoamericano.Naranjo è stato il primo a utilizzare la meditazione come appendice della Gestalt durante i seminari tenutisi a Esalen negli anni '60, è stato anche il primo a sviluppare le tecniche di meditazione interpersonale, sia come elemento dal valore intrinseco, sia come sostegno o background per esercizi psicologici specifici. Queste tecniche ora fanno parte del vasto insieme di approcci conosciuto come programma SAT (Seeker After Truth). Qual è la differenza tra una persona che richiede una psicoterapia ed una che ricerca la verità? Credo che questa differenza si può spiegare con un racconto sufi. C'erano quattro viaggiatori: uno arabo, uno della Persia, l'altro della Turchia e l'altro greco e stavano discutendo come utilizzare una moneta, l'ultima moneta che avevano quel giorno. Mentre discutevano arriva uno straniero e dice: "se mi date la moneta compro ciò che ciascuno di voi vuole". All'inizio i quattro viaggiatori non si fidavano molto, ma, alla fine, gli danno questa moneta e lui compra un grappolo d'uva; l'arabo dice: "qui sta il mio inab", il turco era contento perché era quello che voleva chiamandolo "uzum", il greco il suo "stafil", il persiano aveva il suo "angur". Ugualmente, tutti cerchiamo la stessa cosa, ma la chiamiamo in modi diversi. E, come si può dire che il "sufi" è un traduttore che conosce molte lingue, così io penso che si può dire di un buon terapeuta.

Visita il sito: www.mediconadir.it