Chi è Online

210 visite
Libri.itMICHAEL FREEMAN. FOTOGRAFIA CREATIVA IN 50 PASSIBREUER (I) #BasicArtNYT. 36 HOURS. EUROPA - seconda edizioneURBAN SKETCHING - PROSPETTIVAANNE GEDDES. SMALL WORLD (IEP)

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Cerca

Inserisci parole chiave

Risultati della ricerca

Hai cercato: enrico montalbano | Risultati: 5

SHOUSHA CAMP

Le voci dal campo profughi di Shousha dimenticato da tutti e finanziato anche dal Governo italiano. Gestito dal Unhcr, ospita 3300 persone. In mezzo al deserto, in precarie condizioni igieniche molti richiedenti asilo, nonostante la guerra, rischiano di essere rimandati al paese d'origine.

Visita il sito: www.youtube.com

SHOUSHA CAMP - profughi nel deserto tunisino

Shousha è un campo profughi gestitto dall'UNHCR (UNITED NATIONS HIGH COMMISSIONER FOR REFUGEES).
Allestito in Tunisia al confine libico nel febbraio 2011 durante la guerra in Libia, accoglie migliaia di persone che vivono in una città-tendopoli in condizioni critiche e spesso senza prospettive future.
Il reportage è stato pubblicato da fainotizia.it-radio radicale e linkato da altre testate giornalistiche nazionali.
Diverse le reazioni, tra cui quella di Luara Boldrini, portavoce dell'Alto Commissariato per i Rifugiati.
A seguito di una interrogazione parlamentare di alcuni esponenti politici radicali, il Governo Italiano ha risposto a tutte le questioni sollevate nel reportage.
Realizzato da Enrico Montalbano, Laura Verduci e Judith Gleitze.

Lampedusa. Isola senza diritti

Un breve reportage di 10 minuti sulla situazione immigrazione a Lampedusa, che il governo vorrebbe trasformare in un carcere a cielo aperto.Le posizioni contraddittorie del sindaco e la voce di Legambiente.Cie si o Cie no?

Visita il sito: www.kom-pa.net

Il sogno e l'illusione

Una importante testimonianza sugli abusi subiti da migranti e rifugiati durante il loro transito in Libia. Un rifugiato congolese racconta il suo viaggio nel deserto nigerino e gli abusi commessi dalla polizia libica.

Visita il sito: www.myspace.com

Hurrya

Un documentario incentrato sulle vicende che hanno caratterizzato il fenomeno
immigrazione in Sicilia. "Hurrya", questo il titolo (che in lingua araba significa libertà, dura 80 minuti e
ripercorre otto anni di lotte antirazziste, proponendo immagini e contenuti inediti di
una realtà a molti sconosciuta. La nascita dei CPT siciliani (ben cinque nella
nostra isola!), gli sbarchi, la storia di un naufragio, il ritrovamento in alcuni
cimiteri siciliani di tombe senza nome, la vicenda Cap Anamur (la nave
umanitaria che nel 2004 salvò 37 profughi nel Mar Mediterraneo), le deportazioni
da Lampedusa verso la Libia, i racconti di attivisti, di avvocati, di giuristi e degli stes
Per far conoscere e ribadire, quanto sconsiderate siano state le scelte elaborate
nel passato dal centro sinistra, e quanto razziste e crudeli siano state quelle
prodotte e poste in essere dalle destre.