Chi è Online

203 visite
Libri.itMARVIN E. NEWMAN - edizione limitataELLEN VON UNWERTH. HEIMATLIBRI, PIEGHE E FANTASIAFUTURISMO (I) #BasicArtPETER LINDBERGH. A DIFFERENT VISION ON FASHION PHOTOGRAPHY (I E GB)

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Categoria: REPORTAGE e VIAGGI

Totale: 221

Come in un CPT - di Marco Bazzichi con Saverio Tommasi

Marco Bazzichi, giornalista e media attivista, ha dedicato un cortometraggio all'iniziativa contro i Centri di Permanenza Temporanea che ha visto l'attore Saverio Tommasi rinchiudersi per tre giorni e due notti in una gabbia di rete metallica e filo spinato sopra un furgoncino a Piazzale Michelangelo (FI).L'iniziativa è stata promossa, oltre a Saverio Tommasi e lo stesso Marco Bazzichi, da Lisa Clark, Ornella De Zordo, Tommaso Fattori e Mercedes Frias.

Visita il sito: www.saveriotommasi.it

Testimonianza antifascista

Chi colleziona armi, probabilmente non ha mai messo piede su un campo di battaglia, perchè se avesse visto quanto dolore può essere inferto ad un uomo da queste,se ne terrebbe ben lontano, se non in caso di estrema necessità, cioè per difendere la sua vita e quella di chi è in condizioni di inferiorità di forze.(...) Non vogliamo più sicurezza, non vogliamo meno immigrati, vogliamo libertà e dignità per tutti.

Visita il sito: www.ltmd.it

Dedicato ai caduti sul lavoro

NADiRinforma: Marco Cinque recita la forza, la disperazione, l'impotenza dei lavoratori pressati da un sistema lavorativo e legislativo a tutt'oggi reso inumano dalla stessa situazione sociale che tutti noi stiamo "sopra-vivendo".Una guerra quotidiana oltraggiosa e svilente per chi lavora, una guerra che ha "quale effetto collaterale" centinaia di morti bianche all'anno, morti che non possono e non devono lasciare indifferenti.Uomini dimenticati, diritti violati, schiavitù e precarietà al servizio del sistema oligarchico cui siamo sottoposti, un meccanismo che stritola le coscienze in maniera sempre più invasiva ed opprimente. Un sistema carico di ingiustizia ove l'uomo non è un uomo, ma parte di un esercito senza onore e senza nome. La lirica intensa e coinvolgente di Marco è supportata dalla musica di Damiano Spinelli e dalle percussioni di Mathieu Hébrard.Registrazione effettuata nel corso dell'iniziativa Interpoetando, presso la sede dello SCI (Servizio Civile Internazionale), alla Città Dell'Utopia a Roma.Promosso da Arcoiris Bologna

Visita il sito: www.lacittadellutopia.it

Visita il sito: www.arteromaeventi.com

Visita il sito: it.youtube.com

Euskadi - la guerra infinita

N.A.Di.R. informa per gentile concessione a titolo gratuito del reporter Claudio Coronati il 1° documento del progetto re-informativo sulla situazione Basca "EUSKADI: la guerra infinita..."Realizzato nel 1998 da Claudio Coronati e da Giuseppe Ferrara con doppiaggio in italianoLa Redazione N.A.Di.R.informa in virtù dello spirito che la sostiene (dare voce alla gente rendendola partecipe e responsabile del processo storico in atto ed in divenire) offre questa documentazione allo scopo di passare a tutti quella conoscenza che si spera possa riaprire un dialogo di pace tra le parti.

Il Congo di p. Franco Bordignon

NADiRinforma: p. Franco Bordignon, missionario saveriano, presente a Bukavu (RDC) dal 1972 ha vissuto in prima persona gli avvenimenti degli ultimi 30 anni nella Repubblica Democratica del Congo, dalla dittatura di Mobuto alle guerra di invasione del Ruanda sino alle prime elezioni democratiche. Si è sempre adoperato sostenendo ogni tipo di aggregazione della società civile, infondendo fiducia alla gente, oggi ci racconta che cos'è e cosa è stato del Congo. Una storia inverosimile di cui si è parlato pochissimo e che, anche a causa dell'omertà che l'ha caratterizzata, ha creato una sacca di sofferenza che non può lasciare indifferenti, anzi dovrebbe indurre almeno a fermarsi a pensare che cosa l'uomo sia capace di fare e, soprattutto, perché.

Visita il sito: www.mediconadir.it

The Sad SMoky Mountains. A civil/art action for Tibet

L'11 maggio 2008 e l'8 agosto 2008 si svolgono le due fasi di Sad Smoky Mountains.Alberto Peruffo: "Nella parte finale della nostra azione le Tristi Montagne Fumanti incontreranno le Città. È giunto il momento degli Urban Climbers, degli "alpinisti cittadini"! Insieme alle montagne, alle colline, accenderemo di colore rosso il cuore delle città e dei loro abitanti ritornando all'origine delle colonne di fumo che abbiamo scelto come simbolo invariabile della nostra opera. Quelle colonne sono infatti una manipolazione cromatica del fumo eruttato l'11 settembre del 2001 dalle Torri Gemelle e il loro colore manifesta la vergogna-tristezza-indignazione contro la violazione dei diritti umani. Oggi in Tibet, Sudan, Birmania, Afghanistan, Iraq, Palestina; ieri in Africa, Europa e USA; domani chissà dove tra Oriente e Occidente, nel Sud o nel Nord del mondo.Le Tristi Montagne Fumanti fumeranno insieme con i grattacieli delle Città per ristabilire una necessaria alleanza tra l'uomo e l'ambiente, tra l'uomo e l'altro da sé, tra l'uomo e i suoi simili. I monumenti, come vulcani assopiti da tempo e risvegliati dal dolore del mondo, torneranno a rendere esplicito la loro antica funzione: servire da monito, avviso a coloro che hanno dimenticato cosa si custodisce tra le loro architetture. Noi li faremo parlare con il linguaggio del fumo, «evanescenza colore del sangue», nel giorno in cui la torcia olimpica, simbolo bicefalo, di pace e ipocrisia, accenderà le Olimpiadi di Pechino. A sessant'anni esatti dalla stesura della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo la repressione in Tibet, durante un evento di portata globale, è divenuta il simbolo del fallimento e del tradimento dei governi mondiali: i princìpi allora ratificati sono stati e continuano ad essere, più o meno diplomaticamente, rinnegati."

Visita il sito: www.sadsmokymountains.net

Ripartiamo da ZERO

Monaco di Baviera.Dibattito su politica dell'informazione e terrorismo a seguito della proiezione di "Zero" documentario-inchiesta sui fatti dell' 11 Settembre.Intervento di: Giulietto ChiesaVersione con sottotitoli in italiano

Visita il sito: www.centofiori.de

No al Termovalorizzatore di Abbiategrasso e no ai cassonetti

Il quadro non è felice per niente...... e l'aria che tira dalle nostre parti non è da meno!!!C'è in ballo l'idea di riammodernare l'inceneritore di Abbiategrasso (articolo del Giorno) , proprio il comune che fa meno raccolta riciclata della zona (19% contro oltre il 60% di Novara per esempio.)La nostra aria è a rischio per una struttura che non serve, per tir pieni di rifiuti che non vogliamo, soprattutto dopo l'apertura dell'impianto di compostaggio di Albairate.

Visita il sito: www.petitiononline.com

Una goccia tira l'altra

"Acqua: bene comune dell'umanità, diritto di tutti"Campagna internazionale di educazione e sensibilizzazione per il diritto dell'acquaPromossa da CEVI, CIPSI, COSPE, CRIC, LEGAMBIENTE, CERAI, DIMITRA, FRANCE LIBERTESCon il contributo dell'Unione Europea e del Ministero degli affari Esteri

Fiori di Pace

Il video Fiori di Pace racconta la storia dell'incontro impossibile fra Ghadeer, ragazza di 14 anni che vive nel campo profughi di Jenin, nei territori palestinesi in Cisgiordania e la coetanea Almog, che vive in Israele nel Kibbutz Tuval.

Visita il sito: www.fioridipace.org