Arcoiris TV

Chi è Online

132 visite
Libri.itN.194 BRANDLHUBER+ (1996-2018)CALIFORNIA CRAZYLEROY GRANNIS. SURF PHOTOGRAPHY (IEP)STIGMATEKAY NIELSEN’S A THOUSAND AND ONE NIGHTS

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Categoria: MANIFESTAZIONI

Totale: 486

3° edizione Campeggio Nazionale delle Resistenze

NADiRinforma Dal 9 all'11 settembre 2011 si e' tenuta la terza edizione del Campeggio Nazionale delle Resistenze entro la splendida cornice paesaggistica del parco storico di Monte Sole di Marzabotto. Lotta partigiana, pace, diffusione della mafia al nord, lavoro, precarietà e Costituzione sono state le tematiche di cui si e' discusso, tra la frittura di crescentine e i canti di lotta partigiana. Qui abbiamo intervistato Gabriele Polo, Franco Martini, Gianni Rinaldini, a latere del convegno dal titolo "Il lavoro nella Costituzione". La manifestazione è stata organizzata dal comitato Voci delle resistenze (composto da associazione Radio Aut, Gruppo 25 aprile, Anpi di Marzabotto, associazione Passo passo e dal Parco storico di Monte Sole) per tenere viva la memoria tra le nuove generazioni e fare resistenza sociale, dicendo no a mafia e fascismo.
interviste: Francesco Monto
ririprese: Daniele Marzeddu

Visita il sito: www.mediconadir.it

SNOQ Intervista a Serena, SNOQ Pisa

Dopo la mobilitazione nazionale che il 13 Febbraio scorso ha portato in piazza più di un milione di persone, il movimento "Se Non Ora Quando?" ritorna a far sentire la sua voce con una due giorni di incontri e dibattiti, il 9 e 10 Luglio presso il Santa Maria della Scala a Siena.Intervista a Serena, SNOQ Pisaa cura di Lucia Lembetti

Visita il sito: senonoraquando13febbraio2011.wordpress.com

SNOQ Intervista a Luisa Rizzitelli, Found raising

Dopo la mobilitazione nazionale che il 13 Febbraio scorso ha portato in piazza più di un milione di persone, il movimento "Se Non Ora Quando?" ritorna a far sentire la sua voce con una due giorni di incontri e dibattiti, il 9 e 10 Luglio presso il Santa Maria della Scala a Siena.a cura di Lucia Lembetti

Visita il sito: senonoraquando13febbraio2011.wordpress.com

SNOQ Intervista a Valentina Pelilli

Dopo la mobilitazione nazionale che il 13 Febbraio scorso ha portato in piazza più di un milione di persone, il movimento "Se Non Ora Quando?" ritorna a far sentire la sua voce con una due giorni di incontri e dibattiti, il 9 e 10 Luglio presso il Santa Maria della Scala a Siena.Intervista a Valentina Pelilli, SNOQ Ascoli Picenoa cura di Lucia Lembetti

Visita il sito: senonoraquando13febbraio2011.wordpress.com

SNOQ Intervista a Giulia Bongiorno

Dopo la mobilitazione nazionale che il 13 Febbraio scorso ha portato in piazza più di un milione di persone, il movimento "Se Non Ora Quando?" ritorna a far sentire la sua voce con una due giorni di incontri e dibattiti, il 9 e 10 Luglio presso il Santa Maria della Scala a Siena.Intervista a Giulia Bongiorno, parlamentare Futuro e Libertàa cura di Lucia Lembetti

Visita il sito: senonoraquando13febbraio2011.wordpress.com

SNOQ Intervista a Rosy Bindi

Dopo la mobilitazione nazionale che il 13 Febbraio scorso ha portato in piazza più di un milione di persone, il movimento "Se Non Ora Quando?" ritorna a far sentire la sua voce con una due giorni di incontri e dibattiti, il 9 e 10 Luglio presso il Santa Maria della Scala a Siena.Intervista a Rosy Bindi, parlamentare del PDa cura di Lucia Lembetti

Visita il sito: senonoraquando13febbraio2011.wordpress.com

SNOQ Intervista a Albalisa Sampieri

Dopo la mobilitazione nazionale che il 13 Febbraio scorso ha portato in piazza più di un milione di persone, il movimento "Se Non Ora Quando?" ritorna a far sentire la sua voce con una due giorni di incontri e dibattiti, il 9 e 10 Luglio presso il Santa Maria della Scala a Siena.Intervista a Albalisa Sampieri, coordinatrice della giornataa cura di Lucia Lembetti

Visita il sito: senonoraquando13febbraio2011.wordpress.com

SNOQ Intervista a Livia Turco

Dopo la mobilitazione nazionale che il 13 Febbraio scorso ha portato in piazza più di un milione di persone, il movimento "Se Non Ora Quando?" ritorna a far sentire la sua voce con una due giorni di incontri e dibattiti, il 9 e 10 Luglio presso il Santa Maria della Scala a Siena.Intervista a Livia Turco, parlamentare PDa cura di Lucia Lembetti

Visita il sito: senonoraquando13febbraio2011.wordpress.com

SNOQ Intervista a Flavia Perina

Dopo la mobilitazione nazionale che il 13 Febbraio scorso ha portato in piazza più di un milione di persone, il movimento "Se Non Ora Quando?" ritorna a far sentire la sua voce con una due giorni di incontri e dibattiti, il 9 e 10 Luglio presso il Santa Maria della Scala a Siena.Intervista a Flavia Perina, Futuro e Libertàa cura di Lucia Lembetti

Visita il sito: senonoraquando13febbraio2011.wordpress.com

La "mia" Val di Susa: il racconto di Fabiano

NADiRinforma nell'ambito della rassegna CinePorto organizzata dalla Assoc. Farm propone il racconto di Fabiano Di Bernardino, studente dell'Università di Bologna, che il 3 luglio '11, nel corso di una grande manifestazione NoTAV in Val di Susa, ha subito violenze e percosse da parte delle forze dell'ordine riportando fratture all'ulna e al setto nasale, oltre ad innumerevoli contusioni in tutto il corpo. "Ero vicino a una recinzione mentre cercavamo di riprenderci la Maddalena. Era un'azione simbolica, ma ci hanno aggredito con violenza. Mi hanno colpito con un lacrimogeno, quando mi hanno preso mi hanno pestato in dieci. Si accanivano senza pietà." racconta Fabiano "Poi, prima di portarmi nel deposito dei gas lacrimogeni e mettermi su una barella, mi hanno sputato in faccia, colpito nei testicoli e continuato a picchiare fino a quando non è arrivato un medico militare. Appena si è girato sono stato colpito sul naso con un tubo di ferro. Mi hanno detto che mi avrebbero ammazzato. Sulla barella hanno continuato a pestarmi. Un agente della Digos li ha invitati a smettere perché c'erano le telecamere. Poi, un dirigente di polizia si è avvicinato e ha fatto spostare la mia barella al sole dicendo che non meritavo di essere soccorso e che dovevo pagare per aver tirato le pietre. E che non mi avrebbe mai portato al pronto soccorso ma direttamente in Questura, dove mi sarebbe aspettato il peggio. Non potrò mai dimenticare Davide, il volontario della Croce rossa che mi ha salvato la vita".