140 utenti


Libri.itLA CACCIADAISY E LA BELVAIL DRAGO DI SALOMÈATTILIO - Nuova EdizioneLA FORESTA
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!








Tag: movie

Totale: 23

La Delgada Linea Amarilla / México

Sinopsis: La delgada línea amarilla es el viaje de cinco hombres que son contratados para pintar la línea divisoria de una carretera que conecta dos pueblos de México. A bordo de una vieja camioneta, inician el trabajo de más de doscientos kilómetros de asfalto y pintura amarilla que deberán completar en menos de quince días. Cinco solitarios que, por azares del destino, se unen con el único propósito de ganar unos pesos, pero sin buscarlo, este viaje cambiará su manera de ver y entender la vida. Al finalizar el recorrido, comprenderán que existe una delgada línea entre el bien y el mal; entre la risa y el llanto; entre la vida y la muerte. (FILMAFFINITY)

Año 2015
País: México
Dirección: Celso R. García
Guion: Celso R. García

Publicada por: tavormz9 el 3 noviembre 2020

El último tren (Corazón de fuego) (Diego Arsuaga) 2002 (Español)

Un poderoso estudio de Hollywood ha comprado para su próxima película una histórica locomotora uruguaya del siglo XIX. Aunque la noticia es motivo de orgullo para muchos uruguayos, no es bien recibida por los veteranos miembros de la Asociación de Amigos del Riel. Decididos a boicotear el traslado de la locomotora a Estados Unidos, tres de ellos y un niño, movidos por la consigna "El patrimonio no se vende", secuestran la máquina y se lanzan a recorrer las abandonadas vías del interior del país perseguidos por las autoridades. Pero también encuentran la solidaridad de los pueblos que, aislados y abandonados por la falta de un medio de transporte que dejó de funcionar hace tiempo, ven en ellos una luz de esperanza. (FILMAFFINITY)

Título original: El último tren (Corazón de fuego)
Año 2002
País: Uruguay
Dirección: Diego Arsuaga
Guion: Diego Arsuaga, Fernando Javier León Rodríguez, Beda Docampo Feijóo. Historia: Andrea Pollio, Andrés Scarone

Publicada por: Luis Quijote

Qué tan lejos / Ecuador

Tristeza (Cecilia Vallejo) y Esperanza (Tania Martínez) son dos veinteañeras que mientras viajan por parajes poco conocidos de las montañas y la costa de Ecuador realizarán al mismo tiempo un viaje de autodescubrimiento de sí mismas. (FILMAFFINITY)

Es gratificante ver propuestas latinoamericanas que con muy pocos recursos, logran llamar la atención y dignamente levantan historias sencillas pero que se agradecen enormemente. La siguiente recomendación es una película ecuatoriana en la que dos mujeres que se conocen por circunstancias inesperadas, inician un viaje a Cuenca, en el cual aprenderán la una de la otra pero sobre todo aprenderán de sí mismas. Si deseas verla, puedes hacerlo desde el enlace al final de la publicación.
100% recomendada.

Esperanza (Tania Martínez) es una turista española que llega a Ecuador con la idea de recorrerlo y grabar en su videocámara todo lo que pueda conocer. Tristeza (Cecilia Vallejo) es una joven estudiante que decide viajar con urgencia a la ciudad de Cuenca.
Ambas se conocen en el bus que las debe llevar a un mismo destino, pero cuando deciden bajar debido a un paro en la carretera -que impide al bus avanzar- iniciarán una pequeña aventura que no solo las hará crear lazos de amistad, sino que las hará conocer las realidades de una y otra además de representar una gran oportunidad para reconocerse a sí mismas en una experiencia enriquecedora y gratificante en medio de los hermosos paisajes de esta tierra.

Año 2006
País: Ecuador
Dirección: Tania Hermida
Guion: Tania Hermida

Publicada por: Carlos Vera en 2020

La Strada, Federico Fellini

Cuando Zampanó, un artista ambulante, enviuda, compra a Gelsomina, la hermana de su mujer, sin que la madre de la chica oponga la menor resistencia. Pese al carácter violento y agresivo de Zampanó, la muchacha se siente atraída por el estilo de vida nómada, siempre en la calle (la "strada", en italiano), sobre todo cuando su dueño la incluye en el espectáculo. Aunque varios de los pintorescos personajes que va conociendo en su deambular le proponen que se una a ellos, Gelsomina se mantendrá fiel a Zampanó hasta las últimas consecuencias. (FILMAFFINITY)

Año 1954
País: Italia
Dirección; Federico Fellini
Guion: Tullio Pinelli, Federico Fellini

Publicada por: Juan González el 23 diciembre 2012

Shockwave 3 Years Later

If you don't make anything, you freeze the Time,
but for the People Time goes on so,
if you freeze the Time, you kill the People.

SHOCKWAVE 3 YEARS LATER
Directed and Edited by PAOLO SANTAMARIA
Camera Operators P. SANTAMARIA / ROBERTO PERUGINI
Floor sound engineer PAOLO ROBERTO SIMONI
Music editor ALBERTO BIANCHI

Filmed on April 2012 in Paganica (AQ).

Langhe Doc - Teaser - Film Documentario

Langhe Doc Documentario
Teaser 08-2010 www.langhedoc.it

prenotazione/booking: www.produzionidalbasso.com


Storie di eretici nell'Italia dei capannoni
in uscita a fine 2010 52'

"Nel breve spazio della mia lunga vita l'Italia è cambiata in una maniera spaventosa.
É tutta una lotta contro il tempo, bisogna riuscire a diventare civili prima che il disastro sia completo.
Bisogna vedere se arriviamo ancora in tempo a salvare questo paesaggio.
Per me in gran parte l'abbiamo già distrutto."
Giorgio Bocca in "Langhe Doc"

Maria Teresa, che pensava che nella vita avrebbe fatto tutt'altro, ha rilevato l'azienda vitivinicola del padre e oggi produce eccellenti vini Barolo e Nebbiolo con lo stesso testardo rispetto per la tradizione; Silvio era piastrellista, ha mollato un lavoro redditizio per andare a fare formaggi tradizionali in un paesino sperduto, con la sua famiglia e cinquanta pecore; Mauro era commesso in un grande supermercato, è stato licenziato, ha deciso di mettersi in proprio e di produrre e vendere pasta artigianale fatta a mano. Tre personaggi, tre storie in bilico tra "normale" ed "estremo" per raccontare un unico territorio, le Langhe, universalmente riconosciute come uno dei luoghi più belli d'Italia. Qui la coesistenza tra uomo e ambiente ha raggiunto i suoi massimi livelli: da una terra apparentemente aspra e arcigna l'uomo ha saputo ricavare eccellenze enogastronomiche, le colline appaiono come disegnate nella perfezione geometrica delle vigne, il paesaggio modellato attrae frotte di turisti e di recente è stato candidato a diventare "Patrimonio dell'Umanità Unesco". Ciononostante, le Langhe non sono rimaste immuni dai processi di trasformazione economica e paesaggistica. L'urbanizzazione, la cementificazione, il progressivo abbandono delle aree e dei mestieri meno redditizi rischiano di trasformare gran parte del territorio delle Langhe nell'ennesimo tassello di quella che in "Langhe Doc" Giorgio Bocca definisce "l'Italia dei capannoni".
Quelle di Maria Teresa, Silvio e Mauro sono storie di chi ha intravisto un futuro che non gli piaceva e lo ha rifiutato. Sono sfide ancora aperte, non ancora del tutto vinte e che forse non lo saranno mai: loro si muovono in una direzione, il mondo in un'altra, del tutto opposta.

Bologna: "E' arrivato il Commissario"

"Format Live, l'appuntamento sul tubo per i bolognesi del futuro"...ospiti della prima puntata: Enzo Raisi, Alberto Vecchi, Stefano Bonaga, Diego Benecchi, Fabio Testoni, Giovanni Favia, Manes Bernardini, Luca Rizzo Nervo, Daniela Airoldi...grande assente Maurizio Cevenini!

Visita: format-live.blogspot.com

Venice Film Festival 2009

Walter Ciusa e Davide Sannazzaro realizzano questo Reportage dal Festival di Venezia, focalizzando l'interesse sulla annosa questione del Cinema di Genere, la cui quasi scomparsa in Italia a favore del cinema d'autore, ha decretato il "de profundis" del Mercato Cinematografico, quindi di tutta la filiera produttiva- dalla produzione alla distribuzione-. Contributi di Squitieri, Anselma dell'Olio, Todd Solondz, Giulio Questi, Tinto Brass, ecc

Visita: www.atypicalmovie.blogspot.com

Walter Ciusa incontra Fabio Testoni- Dandy Bestia, chitarrista/compositore degli Skiantos

Estratto da orlodelboccale.blogspot.com
Un paio di giorni fa, ho deciso di postare questo video di Walter oggi ... l'ho segnato sul calendario e - guardate la coincidenza - proprio ieri ho incontrato il famoso chitarrista-rock bolognese all'Osteria del Sole (in vicolo Ranocchi, nel Quadrilatero del mercato storico).
Bella sagoma di una delle band italiane "sperimentali" (gli Skiantos) più influenti nel panorama nazionale del '77 e anche oltre (hanno ispirato gruppi "giovani" come Elio e le Storie tese) smoccolava che gli toccava fare sistemare la lavatrice, che la notte prima gli aveva allagato la casa ...

Biasanòt e gentiluomo

Le produzioni della casa bolognese Atypicalmovie (qui il blog) variano parecchio di qualità : dal bestiario dei v.i.p. in stile "fan" a veri e propri ?gioielli? di video-reportage da strada.
Come questa ?camminata con intervista? nel cuore della notte bolognese, che dovrebbe essere citata e postata in ogni ?guida a Bologna? che si rispetti.
Innanzitutto il modus operandi : tre amici che alla chiusura di bar e osterie rincasano (prendendo la strada lunga) e iniziano a raccontarsela ... Patrizio Donati (patron dell'associazione "il Barattolo"), gli stessi Walter Ciusa (videomaker) e Fabio Testoni, in arte ?Dandy Bestia? (mitico chitarrista degli Skiantos).
Quest'ultimo è dapprima ritroso ad aprirsi davanti alla videocamera, poi - pungolato con mestiere da Walter - rompe gli argini e diventa un fiume in piena : la Bologna-chioccia amata e odiata, i cantori geniali (ma differenti) Lucio Dalla e Freak Antoni ... altri aneddoti e filosofia spicciola di vita ... una camminata che vale chilogrammi di testi scritti.
(Marco Poli)

Atypicalmovie al 65° Festival del Cinema di Venezia: Tinto Brass

Walter Ciusa incontra il maestro Brass, accompagnato da Caterina Varzi, futura protagonista di Zive.Giornata di chiusura del Festival, questa volta in compagnia dell'amico psicologo- sassofonista Stefano Scippa. Arriviamo alle 15 quando stanno già sbaraccando tutto. Peccato, nelle mie intenzioni c'era l'idea di portare a casa una qualche altra intervista. Detto e fatto! Maestro Brass gironzolava in compagnia, destinazione Hotel Excelsior. Gli giro intorno e in un nano secondo devo decidere come agganciarlo.Regola numero 1: "Non essere scontato e banale"Regola numero 2: "Omaggiare il Maestro"- sono un suo fan-.Attacco con Bob Guccione, produttore di Caligola e alter ego di Brass. Poi è la volta del grande Kim Arcalli, montatore che rivoluzionò il cinema italiano e anche collaboratore di Brass all'inizio degli anni 60. Inevitabile la domanda sulla qualità di questa 65 esima edizione. Inevitabile la risposta del Maestro: "C'è una deriva progressiva verso la catastrofe totale"e per il Maestro che fu anche allievo del grande Luchino Visconti- e si vede- Morte a Venezia è il vero leit motiv di critici, cineasti e addetti ai lavori che non si riconoscono con le scelte del direttore Muller. Ma c'è anche Caterina Varzi, la nuova musa di Brass, protagonista del prossimo "Ziva", il film che sarà interamente girato in un faro... Promosso da Arcoiris tv Bologna

Visita: www.atypicalmovie.blogspot.com