Arcoiris TV

Chi è Online

263 visite
Libri.itBESTIARIO VERTICALEWINSOR MCCAY. THE COMPLETE LITTLE NEMO 19101927THE STAR WARS ARCHIVES: 19771983LEWIS W. HINE. AMERICA AT WORKHOLMES. TRAVELOGUES. THE GREATEST TRAVELER OF HIS TIME

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tutti i filmati di EMERGENCY


I Grandi Dittatori: Josip Broz, Tito

ArcoirisTV
2.1/5 (60 voti)
Condividi Segnala errore

Codice da incorporare

Dimensioni video

Scheda da incorporare

Riproduci solo audio:
Arcoiris - TV
Questa raccolta cerca di definire profili ancora nascosti di alcuni tra i più grandi Condottieri del Secolo scorso.Tutti i filmati qui raccolti sono originali dell'epoca. Gli operatori di guerra documentarono realisticamente violenze,conflitti e ritorsioni pertanto, per la cruenza di alcune riprese, si consiglia la visione al solo pubblico adulto.
Josip Broz, più conosciuto con il nome di battaglia di Tito, dittatore, militare e uomo politico jugoslavo, capodella Repubblica Jugoslava dalla fine della seconda guerra mondiale sino alla morte.
Dopo aver trascorso alcuni anni della sua infanzia col nonno materno a Podsreda (Slovenia),frequenta a Kumrovec la scuola elementare. Nel 1907 lascia il paese natale per trasferirsi a Sisak, dove lavora come a
pprendista fabbro. A Sisak si confronta con le idee e le istanze del movimento dei lavoratorie nel 1910 partecipa alla celebrazione del primo maggio (festa del lavoro).
Nel 1963, a 71 anni, Broz fu nominato presidente a vita. Al inzio degli anni settanta,l'intervento di Tito stroncò i movimenti di rinnovamento della politica e comunista che eranoemersi ai finali degli anni sessanta in Serbia, Croazia e Slovenia e destituì le élites comuniste che siaccingevano a liberalizzare la politica economica e sociale in quelle repubbliche. Negli anni successivi, l
a Jugoslavia vide un periodo di accentuata repressione politica che sollevò aspre contestazioni soprattuto tra i croati.Negli anni settanta riapparve nella scena politica la figura del teorico sloveno Edvard Kardelj che, in vista dell'imminente scomparsa del dittatore,elaborò, nella nuova costituzione del 1974, un modello con-federale basato sulla cooperazione democratica tra le dirigenze comuniste delle varie repubblichee province autonome, che mantenevano però l'egemonia assoluta nei loro rispettivi paesi.Tito morì il 4 maggio 1980 in un centro clinico a Lubiana (Slovenia).

Per pubblicare il tuo commento, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Riceverai una email con la richiesta di conferma.