Chi è Online

155 visite
Libri.itSENZAPAROLE I CALEIDOCICLI DI M. C. ESCHERFOTOGRAFARE CON LSEBASTIÃO SALGADO. GENESI (I)REINVENTARE I LIBRI

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Monongah - La Marcinelle Americana

ArcoirisTV
2.7/5 (71 voti)

Codice da incorporare

Dimensioni video

Scheda da incorporare

Riproduci solo audio:
Arcoiris - TV
Film documentario prodotto da FILEF sull'emigrazione del primo novecentoverso gli USA e sulla tragedia mineraria di Monongah.
"Monongah, la Marcinelle americana", ripercorre attraverso la storia dellafamiglia Basile, partita dall'Abruzzo, lo sradicamento e il difficiletravaso nella società americana, permettendo agli spettatori di rifletteresulle tante croci che ancora oggi aspettano un nome e un volto e sulle qualivi è scritto: "qui giace un eroe".... eroe del sogno americano che moltihanno vissuto nel buio delle miniere e in condizioni di sfruttamentoimpressionante. Ed è impossibile, vedendo questo film che narra tra l'altrol'epopea del viaggio dei nostri migranti attraverso l'oceano atlantico, nonritornare alle immagini quotidiane delle migliaia di nuovi immigrati morticento anni più tardi nel nostro mediterraneo alla ricerca del "sognoitaliano".
Silvano Console
Editrice Filef - 2006Cortesia di
FILEF - Federazione Italiana LavoratoriEmigranti e Famiglie

Visita il sito:
www.filef.org

2 commenti


Per pubblicare il tuo commento, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Riceverai una email con la richiesta di conferma.


6 Gennaio 2007
10:57

Assolutamente eccezionale. Un documento che fa meditare sul passato e sul presente.Mi impegno a promuoverne la visione. Conosco una delle Persone che vengono ringraziate alla fine del filmato. Gigetto Santirocco. Domani cercherò di farmi ricevere per ringraziarlo anche io di persona.

Francesco De Simone

5 Gennaio 2007
16:09

Cari amici, ho visto il vostro filmato e devo dire che mi sono commossa! Sembra proprio che gli eventi mi rincorrano; proprio in questi giorni, dopo tanto tempo che ci pensavo mi sono messa a fare una ricerca su internet. Anch'io come molti italiani ho avuto un bis nonno emigrato in America.nel 1914. Fin da piccola ho sentito raccontare da mia nonna che quando lei aveva 12 anni ,scriveva a suo padre , perchè la mamma era analfabeta, e gli scriveva in America, mi sembrava una storia dell'altro mondo e non capivo perchè questo mio nonno non era diventato ricco, ma anzi era ritornato povero come prima. Questa storia è rimasta chiusa in me per più di 40 anni e ora sempre più prepotente sentivo il bisogno di saperne di più. Qui nel mio paese non arrivavo a niente, allora mi sono messa a ricercare su internet per giorni e giorni, quando avevo quasi perso le speranze, ho trovato il sito di Ellis Island e mi sono messa a cercare;così il giorno prima di Natale dagli schermi del monitor è saltato fuori il nome di mio nonno... mi sono fermata un attimo e mi sono commossa; la storia mi si apriva davanti insieme a tutte quelle immagini, quelle navi, quei poveri cristi in fila! Ecco qual'era stata la sua America, era andato in un piccolo paese della Pennysilvania: Galeton presso un cugino e forse era andato a disboscare per fare la ferrovia. Però dopo qualche anno avendo paura di ammalarsi lì e di morire lontano da casa decise di ritornare, con qualche soldo in tasca e nulla più. Oggi trovo in questo documentario un pezzo della mia stessa storia e ancora una volta mi sono emozionata; comunque grazie per il vostro lavoro e la vostra divulgazione cercherò di copiare il filmato e di farlo vedere ai miei figli. Siamo stati tutti dei migranti e dentro di me porto questo momento di distacco, di incognita che vedo ancor oggi in quelli che vengono a cercare speranza e fortuna da noi! Ancora un saluto Antonella Cocolli

Antonella Cocolli