Arcoiris TV

Chi è Online

247 visite
Libri.itPICCOLO VAMPIRO 2WINSOR MCCAY. THE COMPLETE LITTLE NEMO 19101927RACINET. COMPLETE COSTUME HISTORYSFILATA DI NATALE. UN CALENDARIO DELLNASA ARCHIVES

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Categoria: STORIA e POLITICA

Totale: 129

Alberto Negri - "Storia degli alauiti" con Salvatore Giannella

Alberto Negri - "Storia degli alauiti" con Salvatore Giannella
FUTURA FESTIVAL 2017
Gli Alauiti, o Alawiti, ossia i seguaci della Alawiyya, altrimenti detti Nusayri, sono un gruppo religioso vicino-orientale, diffuso principalmente in Siria.

Visita il sito: www.futurafestival.it

Anne Cheng - Confucianesimo e democrazia

Scuola di cultura politica 2011 - 2012 "In un mondo che cambia".
6° modulo - Crisi degli stati nazionali.Anne Cheng - Confucianesimo e democrazia.
Milano 18 marzo 2012

Visita il sito: www.scuoladiculturapolitica.it

Aram Aharonian: "Nuestros presidentes son gente de pueblo y saben comunicarse con nuestra gente"

"Antes si necesitaban imponer un modelo económico, político y social estaban las Fuerzas Armadas, hoy alcanza con el control de los medios de comunicación", explica el periodista, fundador y exdirector de Telesur, Aram Aharonian a Ojo Con Los Medios en su emisión del 5 de agosto. Conducido por Andrés Sal.lari y Mariano Vázquez, a través de Abya Yala Televisión.

Audit del debito greco: il report preliminare della commissione (di Giorgio Simonetti)

Mentre tutti i mass media parlano all'unisono di Grecia e Atene raccontando balle su presunte code ai bancomat e merci introvabili nei supermercati, i giornali e le tv tralasciano di parlare dell'unico argomento importante: il debito. Che cosa sta pagando la grecia oggi? E' legittimo in base al diritto internazionale che la Troika chieda ulteriori sacrifici al popolo greco?
Il seguente video è stato presentato alle redazioni di: corriere.tv, repubblica.tv, Fatto Quotidiano, Tg1, Tg2, Tg3, ANSA, ma nessuno si è mostrato interessato.

Berlin in July 1945 (Interesting Color Film of Berlin, July 1945)

An Unbelievable Color Film of Berlin, July 1945

Great history for the kids to view, and to refresh the memories of the older group.

I was stationed at RAF Gatow in the British Zone in 1953 before the Wall was built.

They were just beginning to clean up the destruction caused, in 1945, by aerial bombing and mostly Russian tanks.

Interesting that I also took the ?S? Bahn Underground railway to Potsdammer Platz (in the video), in civvies, in the Russian Zone for a very brief visit.

The only building I saw that was not totally destroyed was the Olympic Stadium where, in 1936, the black USA athlete Jesse Jones won 4 gold medals to the horror of Hitler and his ?uberman? theories.

http://www.chonday.com/Videos/berlingjuly3

Carmen Leccardi - La nuova dimensione del tempo

Scuola di cultura politica 2010-2011.8° modulo: Tempo e spazio nell'epoca globaleIntervento di Carmen Leccardi "La nuova dimensione del tempo"Introduce Mario De GasperiMilano 13 maggio 2011

Visita il sito: www.scuoladiculturapolitica.it

Casa della memoria - Una città cosmopolita

Storia del Centro Raccolta Profughi di Servigliano
Nel 1945, alla fine della seconda guerra mondiale, migliaia di profughi provenienti da luoghi diversi arrivarono a Servigliano.
Essi venivano ospitati nelle baracche del campo che diventerà Centro Raccolta Profughi.
Appena giunti a Servigliano, gli esuli vivevano sentimenti contrastanti: per un verso quel luogo significava un tetto, la sicurezzapersonale e l'indispensabile per vivere; per contro prendevano coscienza del definitivo distacco dalla propria terra.
Nonostante la grande mobilità, essi non erano estranei alla vita del paese. Le feste e le occasioni di incontro alleggerivanoi gravi problemi che i profughi dovevano affrontare, ma la realtà che si presentava quotidianamente era molto dura..
A cura di: Filippo Ieranò
regia e montaggio: Giordano Viozzi
immagini: Archivio Casa della Memoria, archivi personali dei profughi.

Caso Regeni e 11 Settembre: messaggio ai giornalisti italiani

Visita il sito: www.luogocomune.net

Che Guevara, discurso en la conferencia de la OEA, Punta del Este,1962

El archivo ilustra la participación del entonces ministro de Industria de Cuba, el argentino Ernesto "Che" Guevara, en la conferencia de la Organización de Estados Americanos (OEA).
En calidad de delegado de Cuba, Guevara realiza planteos a los países aliados a Estados Unidos y resalta el agradecimiento cubano "al pueblo uruguayo", aunque realiza una objeción "del agradecimiento que leyó el delegado de Perú, porque sus afirmaciones no pueden ser expresadas por nosotros". Guevara también polemiza y señala: "(...) vamos a responder a Martí con Martí, pero con el verdadero Martí, con el antiimperialista y antifeudal, que murió de cara a las balas españolas luchando por su patria y tratando de impedir con la libertad de Cuba para que Estados Unidos no penetre a Latinoamérica (...) cuando un pueblo fuerte da de comer a otro, se hace servir de él (...) el pueblo que quiera ser libre, sea libre en negocio, distribuya su negocio entre países igualmente fuertes (...) si ha de preferir a uno, prefiera al que tiene menos (...) en el caso geográfico de vivir juntos en América, obliga a unión política (...). La unión con el mundo y no con una parte de él contra otra (...). Porque esta conferencia económica es en realidad política, es política porque todas las cuestiones económicas son políticas, pero además es política porque está concebida contra Cuba".

Visita il sito: www.archivoprisma.com.ar

  • Lingua: SPAGNOLO | Licenza: Non commerciale - Non opere derivate - Licenza 3.0 | Condividi
  • Visualizzazioni: 702
  • Fonte: Archivo Prisma | Durata: 27.62 min | Pubblicato il: 2017-08-21
  • Categoria: STORIA e POLITICA
  • Scarica: MP3 | MP4 |

Conferenza sulla Resistenza italiana

"L'ultimo volto che vedo, abbandonando piazza Loreto, è quello di un repubblichino, che ride istericamente. Quel riso indica l'infinita distanza che ci separa. Siamo gente di un pianeta diverso. Anche noi combattiamo una dura lotta, in cui si dà e si riceve la morte. Ma ne sentiamo tutto l'umano dolore, l'angosciosa necessità. In noi non è, non ci può essere nulla di simile a quello sguardo, a quella irrisione di fronte alla morte. Loro ridono. Hanno appena ucciso 15 uomini e si sentono allegri. Contro quel riso osceno noi combattiamo. Esso taglia nettamente il mondo: da un lato la barbarie dall'altro la civiltà."