Chi è Online

262 visite
Libri.itNYT. 36 HOURS. MOUNTAINS, DESERTS, & PLAINSBOURGERY. ATLAS OF HUMAN ANATOMY AND SURGERY (IEP)CARAVAGGIO. LBOTERO (I) #BasicArtCOCCOLE PER GATTI

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Categoria: SOFTWARE LIBERO e OPEN SOURCE

Totale: 27

Network - Esperienze in Rete

Sostenibilità tra Est ed Ovest
Piero Remitti, Direttore Dipartimento Ambiente Comune di Ancona
Matteo Mascia, Comune di Padova
Matteo Mascia presenta le iniziativa del Coordinamento Italiano degli Enti locali per la Pace. Fondato negli anni '80 da alcuni Enti locali denuclearizzati ha in seguito raggiunto la quota di 650 Enti locali aderenti indirizzando la propria attività alla promozione della pace e dei diritti umani.
Sergio Golinelli, Assessore all'Ambiente Provincia di Ferrara
L'istituzione dei Corpi Civili di Pace a livello europeo.
Sante Di Paolo, Assessore Provincia di Pescara
Presenta il Forum delle Città Adriatiche e il progetto IONAS.
Networking the Networks
Emilio D'Alessio, Presidente Coordinamento Agende 21 locali Italiane
Introduce il lavori presentando l'esperienza del Coordinamento Ag21 Italy e proponendo l'apertura di un tavolo permanente di Reti Nazionali europee.
Visita il sito: www.a21italy.net
Visita il sito: www.sevilla2007.org

Hackmeeting 2006

L'hackmeeting è un appuntamento annuale dove si riuniscono appassionati di informatica provenienti da tutta Italia e dall'estero, in particolar modoattivisti delle libertà digitali. L'evento dura tre giorni totalmente autogestito e autofinanziato diventando un territorio libero di comunicazione,informazione, socializzazione, sperimentazione e tradizionalmente si svolge all'interno di centri autogestiti di città ogni anno diverse.La prima edizione dell'hackmeeting risale al 1998.
Visita il sito: UniversoTV.it

04)- Software libero e Open Source: presente e futuro - interventi del pubblico

N.A.Di.R. informa: si presenta il seminario di presentazione del Master in Tecnologia del Software libero e OpenSource: presente e futuro. Il master si pone in una situazione di elevata responsabilità verso il territorio enon vuole essere utile solamente agli iscritti, deve servire alla divulgazione. Si consideri che, in sintonia conil diritto dei cittadini di potere accedere gratuitamente ai documenti digitali che l?Amministrazione pubblica propone,visto che la conoscenza non può essere altri che fruibile, aperta e alla portata di tutti, Bologna ha avuto la direzionedel progetto Telecities che raduna le 120 più grandi città d?Europa ed uno dei punti salienti della presidenza di Bologna èproprio l?adozione del software libero.
Interventi del pubblico
Visita il sito: www.mediconadir.it

03)- Software libero e Open Source: presente e futuro - intervento di Flavia Marzano

N.A.Di.R. informa: si presenta il seminario di presentazione del Master in Tecnologia del Software libero e OpenSource: presente e futuro. Il master si pone in una situazione di elevata responsabilità verso il territorio enon vuole essere utile solamente agli iscritti, deve servire alla divulgazione. Si consideri che, in sintonia conil diritto dei cittadini di potere accedere gratuitamente ai documenti digitali che l?Amministrazione pubblica propone,visto che la conoscenza non può essere altri che fruibile, aperta e alla portata di tutti, Bologna ha avuto la direzionedel progetto Telecities che raduna le 120 più grandi città d?Europa ed uno dei punti salienti della presidenza di Bologna èproprio l?adozione del software libero.
Intervento di Prof. Flavia Marzano - Comitato Scientifico Master in Gestione del Software Open SourceUniversità di Pisa Comitato Scientifico ?Netics?
Visita il sito: www.mediconadir.it

02)- Software libero e Open Source: presente e futuro - intervento di Carlo Piana

N.A.Di.R. informa: si presenta il seminario di presentazione del Master in Tecnologia del Software libero e OpenSource: presente e futuro. Il master si pone in una situazione di elevata responsabilità verso il territorio enon vuole essere utile solamente agli iscritti, deve servire alla divulgazione. Si consideri che, in sintonia conil diritto dei cittadini di potere accedere gratuitamente ai documenti digitali che l?Amministrazione pubblica propone,visto che la conoscenza non può essere altri che fruibile, aperta e alla portata di tutti, Bologna ha avuto la direzionedel progetto Telecities che raduna le 120 più grandi città d?Europa ed uno dei punti salienti della presidenza di Bologna èproprio l?adozione del software libero.
Intervento di Avv. Carlo Piana - Studio Legale Tamos Piana & Partners
Visita il sito: www.mediconadir.it

01)- Software libero e Open Source: presente e futuro - intervento di Renzo Davoli

N.A.Di.R. informa: si presenta il seminario di presentazione del Master in Tecnologia del Software libero e OpenSource: presente e futuro. Il master si pone in una situazione di elevata responsabilità verso il territorio enon vuole essere utile solamente agli iscritti, deve servire alla divulgazione. Si consideri che, in sintonia conil diritto dei cittadini di potere accedere gratuitamente ai documenti digitali che l'Amministrazione pubblica propone,visto che la conoscenza non può essere altri che fruibile, aperta e alla portata di tutti, Bologna ha avuto la direzionedel progetto Telecities che raduna le 120 più grandi città d'Europa ed uno dei punti salienti della presidenza di Bologna èproprio l'adozione del software libero.
Intervento di Renzo Davoli - Direttore scientifico del Master in "Tecnologia del Software Libero eOpen Source" - Università di Bologna
Visita il sito: www.mediconadir.it

No al Trusted Computing

Il Trusted Computing, o più brevemente TC, (informatica fidata) è un insieme di componenti hardware-software e di specifiche chedovrebbero rendere i computer di prossima generazione più 'sicuri'. Il TC è promosso dal consorzio TCG (Trusted Computing Group), compostodalle principali compagnie informatiche internazionali. In sostanza, tale tecnologia potrebbe aumentare enormemente il controllo e lacapacità di monitoraggio dei sistemi da parte dei produttori hardware e software, in maniera che essi possano imporre quello che gli utentipossono o non possono fare con i propri computer.
I problemi legati al Trusted Computing possono risultare di difficile comprensione per chi non abbia sufficienti conoscenze informatiche. Per questo motivo è stato realizzato un breve filmato che, attraverso un'animazione, è in grado spiegare il punto di vista di chi vede in questa tecnologia uno strumento pericoloso per la salvaguardia della libertà di espressione. Lo spot è stato realizzato da
LAFKON e doppiato in lingua italiana dal team di no1984.org. La sua diffusione è incoraggiata, nel rispetto dei termini della licenza
Creative Commons sotto la quale viene distribuito.
Visita il sito: www.no1984.org