Arcoiris TV

Chi è Online

76 visite
Libri.itPETER LINDBERGH. A DIFFERENT VISION ON FASHION PHOTOGRAPHY (I E GB)SILLY SWEATERS PER GATTIDAVID BOWIE. THE MAN WHO FELL TO EARTHFONTANA (I) #BasicArtBETTINA RHEIMS

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Categoria: EMI

Totale: 60

Lingue e religioni

di Soldini Brunoanno: 2000Le attività linguistiche delle chiese: Radio Vaticana e American Bible Society; l'incessante lavoro di traduzione. Le complesse lingue degli indiani d'America: il mohawk.Lo yiddish tra le comunità ebraiche cassidiche: problemi di sopravvivenza.Islam e arabo classico, valore della calligrafia; dialetti e adeguamento della lingua alle necessità moderne.

Visita il sito: www.emi.it

Ho ucciso, bambini soldato in Liberia

di Schmidt Alice
anno: 2001
I ragazzi e le ragazze della Liberia coinvolti nella guerra civile portano nella memoria un dramma che non si cancellerà. Con estrema delicatezza e grande rigore l''autrice raccoglie queste testimonianze che sono soltanto la punta di un iceberg su un mare di tragedie che si sono ripetute e si ripetono in tante guerre. Si può partire da qui per educare alla pace. Si possono mostrare queste immagini anche ai nostri ragazzi e ai nostri giovani perché riescano a dire, dentro di sé, un no definitivo alla guerra, all''odio e ad ogni tipo di violenza.

Visita il sito: www.emi.it

Leslie Marmon Silko

di Bellinelli Marcoanno: 2000La scrittrice, discendente del Pueblo Laguna, ha raggiunto la notorietà con la raccolta di poesie "Laguna Woman".Secondo Silko, 60 milioni di nativi americani trovarono la morte tra il 1500 e il 1600.Ma la sfida e la resistenza alla conquista degli europei continua inesorabile.Le guerre indiane - sostiene Silko - non sono mai cessate nelle Americhe.I nativi americani non riconoscono nessuna frontiera e hanno un solo obbiettivo: la restituzione di tutti i territori ancestrali ai legittimi proprietari.

Visita il sito: www.emi.it

La Trappola atomica

di Tchertkoff Wladimiranno: 2001Sappiamo veramente quel che successe a Chernobyl il 26 aprile 1986? Sappiamo quanti anni ancora dureranno gli effetti di quel disastro atomico? Quante Chernobyl si preparano attorno a noi nelle centrali nucleari di tutto il mondo?Cosa ne sarà dei nostri figli, se l'umanità non elabora nella memoria quello che accadde allora per un futuro diverso?Ci sono, nel documentario, le voci dolenti di coloro che hanno riportato gravi danni fisici e i volti di coloro che hanno dato la vita per la vita di tutti o che combattono ancora oggi perché la tragedia non si rinnovi.

Visita il sito: www.emi.it

Divorzio in stile iraniano

di Longinotto Kim - Hosseini Ziba Miranno: 2001Secondo la legge islamica, gli uomini possono divorziare con facilità in qualsiasi momento. Le donne, invece, possono divorziare in pochi casi previsti e dimostrabili. Il documentario segue da vicino la storia di tre donne che lottano per il divorzio e l'affidamento dei figli presso il tribunale di Teheran, e combattono con tutte le armi a loro disposizione: simpatia, dolcezza, fascino, rabbia, risolutezza e grinta.

Visita il sito: www.emi.it

Destinazione: il nulla

Il genocidio armeno del 1915 ad opera dei turchi, rievocato attraverso i racconti dello scrittore Armin T. Wegner, allora ufficiale tedesco testimone della tragedia. Un documentario che rompe il silenzio della storia, che troppo spesso occulta i suoi misfatti e il sangue versato di milioni di innocenti. Wegner assiste alla cacciata di un intero popolo verso il deserto e vede fiumane di deportati morire lentamente disperdendosi nel "nulla". Annichilito da quello spettacolo, scatta una lunga serie di fotografie e scrive testimonianze che utilizzerà per denunciare al mondo l'orrendo crimine contro l'umanità.

di Massa Carlo
Regia: Carlo Massa
Produzione: Institutte Museum of Armenia Genocide
Anno: 2000 Armenia e Siria.

Visita il sito: www.emi.it

L' Ultima Birmania

di: Zecca Adrianoanno: 2000Mosaico etnico di straordinario interesse e culla del buddhismo, è una delle terre che meglio di altre ha saputo conservare le proprie tradizioni, anche per l'isolamento nel quale è stata forzatamente tenuta per decenni dalle autorità di Rangoon.Il documentario è uno dei primi tentativi di interpretare l'anima di questa nazione che sta timidamente aprendosi al turismo e che cerca una sua identità nazionale, dopo anni di tensione e conflitti interetnici.

Visita il sito: www.emi.it

Gli Ultimi coloni

di: Thierry Michelanno: 2001 Ritratto tragico, ma al tempo stesso ironico, degli ultimi coloni, cioè dei pochi bianchi che vivono ancora nell'ex-Zaire.I "nostalgici" dei bei tempi assistono alla disfatta di un paese dopo trentacinque anni di indipendenza e un quarto di secolo di dittatura.Thierry ha filmato questa asfissia politica ed economica, diventando il testimone di un esodo massiccio dallo Zaire e della fine del sogno bianco nel continente nero.

Visita il sito: www.emi.it

I Ragazzi di Rio

di: Thierry Michel
anno: 2001
"Quando scendi in strada, entri in guerra: se non ammazzi, ti ammazzano", dice China, capo di una piccola banda delle strade di Rio, a Luis, ragazzino di tredici anni.
Per Luis la parola d'ordine è "mangiare", la sola morale è "sopravvivere". Ruba per comprarsi da mangiare e anche la colla che "sniffa" per procurarsi un'illusione di benessere che la realtà non gli ha mai concesso.
L'esodo rurale, l'esplosione demografica, la disoccupazione, il disgregarsi della famiglia sono alcune delle cause che hanno determinato l'abbandono di milioni di bambini nel mondo. Piccoli "guerrieri di strada" alla mercé di ogni sorta di sfruttamento: bande criminali, droga, prostituzione.

Visita il sito: www.emi.it

Bambine da buttare

Bambine da buttareEugenetica e prostituzione "sacra" nell'India di oggiRegia: Werner Weick - Marilia AlbaneseProduzione: RTSI, Svizzeraanno: 2001 L'ecografia può diventare uno strumento di morte se usata per discriminare maschi e femine già nell'utero materno e impedire la nascita delle bambine. Succede oggi in India. Ma anche l'equivoca prospettiva della dilagante "prostituzione religiosa" concorre al pesante destino di nascere al femminile. Il documentario mette in luce, con immagini di straordinario effetto, la drammaticità di costumi poco conosciuti. Allo stesso tempo dà risalto alla "rivolta della dea ferita": sono sempre le donne che denunciano questo atroce maschilismo e che combattono per cambiare la rassegnata passività di milioni di giovani indiane.

Visita il sito: www.emi.it