Arcoiris TV

Chi è Online

331 utenti
Libri.itSOLLETICHINOURBAN SKETCHING - COLOREMARIA SIBYLLA MERIAN. LA MAGIA DELLA CRISALIDENYT. 36 HOURS. WORLD. 150 CITIES FROM ABU DHABI TO ZURICHALFRED HITCHCOCK: THE COMPLETE FILMS

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: libro

Totale: 124

4)-Perchè (solo) Gesù. Cristianesimo: religione del libro o fede nell?uomo?

Perchè (solo) Gesù
Cristianesimo: religione del libro o fede nell?uomo?
Se fino al secolo scorso si era di fatto obbligati a essere battezzati cristiani e cattolici al fine di salvarsi, ora le nuove generazioni sanno che anche nell'ebraismo e nell'islamismo, solo per citare le due religioni che sembrano essere le più affini al cristianesimo, è possibile salvarsi. Perché Cristo e non Mosè o Maometto?
Tutte le religioni sembrano essere uguali, almeno quelle monoteiste, che invitano a credere in un unico Dio e ogni religione, anche le non monoteiste, insegna il timore e la preghiera verso Dio, l'amore per il prossimo, l'esercizio della carità e il rispetto per gli altri.
Se è dunque vero che tutte le religioni conducono a Dio e quindi alla salvezza, perché mai si dovrebbe scegliere proprio Gesù e il suo impegnativo messaggio? E se si può scegliere, quali sono i criteri che spingono a preferire una religione piuttosto che un'altra, se in fondo sono tutte uguali??
Fra Alberto Maggi dell?Ordine dei Servi di Maria direttore del Centro Studi Biblici «G. Vannucci» di Montefano a Padova nella sala MPX - con riferimento ai testi del Vangelo - ha sviluppato il tema in quattro incontri organizzati da "Beati i costruttori di pace" dal 15 al 17 dicembre 2006.
Registrazioni audio: Comunità Oikia, Palermo
Visita il sito: www.studibiblici.it
Visita il sito: Beati i costruttori di pace

3)-Perchè (solo) Gesù. Cristianesimo: religione del libro o fede nell?uomo?

Perchè (solo) Gesù
Cristianesimo: religione del libro o fede nell?uomo?
Se fino al secolo scorso si era di fatto obbligati a essere battezzati cristiani e cattolici al fine di salvarsi, ora le nuove generazioni sanno che anche nell'ebraismo e nell'islamismo, solo per citare le due religioni che sembrano essere le più affini al cristianesimo, è possibile salvarsi. Perché Cristo e non Mosè o Maometto?
Tutte le religioni sembrano essere uguali, almeno quelle monoteiste, che invitano a credere in un unico Dio e ogni religione, anche le non monoteiste, insegna il timore e la preghiera verso Dio, l'amore per il prossimo, l'esercizio della carità e il rispetto per gli altri.
Se è dunque vero che tutte le religioni conducono a Dio e quindi alla salvezza, perché mai si dovrebbe scegliere proprio Gesù e il suo impegnativo messaggio? E se si può scegliere, quali sono i criteri che spingono a preferire una religione piuttosto che un'altra, se in fondo sono tutte uguali??
Fra Alberto Maggi dell?Ordine dei Servi di Maria direttore del Centro Studi Biblici «G. Vannucci» di Montefano a Padova nella sala MPX - con riferimento ai testi del Vangelo - ha sviluppato il tema in quattro incontri organizzati da "Beati i costruttori di pace" dal 15 al 17 dicembre 2006.
Registrazioni audio: Comunità Oikia, Palermo
Visita il sito: www.studibiblici.it
Visita il sito: Beati i costruttori di pace

2)-Perchè (solo) Gesù. Cristianesimo: religione del libro o fede nell?uomo?

Perchè (solo) Gesù
Cristianesimo: religione del libro o fede nell?uomo?
Se fino al secolo scorso si era di fatto obbligati a essere battezzati cristiani e cattolici al fine di salvarsi, ora le nuove generazioni sanno che anche nell'ebraismo e nell'islamismo, solo per citare le due religioni che sembrano essere le più affini al cristianesimo, è possibile salvarsi. Perché Cristo e non Mosè o Maometto?
Tutte le religioni sembrano essere uguali, almeno quelle monoteiste, che invitano a credere in un unico Dio e ogni religione, anche le non monoteiste, insegna il timore e la preghiera verso Dio, l'amore per il prossimo, l'esercizio della carità e il rispetto per gli altri.
Se è dunque vero che tutte le religioni conducono a Dio e quindi alla salvezza, perché mai si dovrebbe scegliere proprio Gesù e il suo impegnativo messaggio? E se si può scegliere, quali sono i criteri che spingono a preferire una religione piuttosto che un'altra, se in fondo sono tutte uguali??
Fra Alberto Maggi dell?Ordine dei Servi di Maria direttore del Centro Studi Biblici «G. Vannucci» di Montefano a Padova nella sala MPX - con riferimento ai testi del Vangelo - ha sviluppato il tema in quattro incontri organizzati da "Beati i costruttori di pace" dal 15 al 17 dicembre 2006.
Registrazioni audio: Comunità Oikia, Palermo
Visita il sito: www.studibiblici.it
Visita il sito: Beati i costruttori di pace

1)-Perchè (solo) Gesù. Cristianesimo: religione del libro o fede nell?uomo?

Perchè (solo) Gesù
Cristianesimo: religione del libro o fede nell?uomo?
"Se fino al secolo scorso si era di fatto obbligati a essere battezzati cristiani e cattolici al fine di salvarsi, ora le nuove generazioni sanno che anche nell'ebraismo e nell'islamismo, solo per citare le due religioni che sembrano essere le più affini al cristianesimo, è possibile salvarsi. Perché Cristo e non Mosè o Maometto?
Tutte le religioni sembrano essere uguali, almeno quelle monoteiste, che invitano a credere in un unico Dio e ogni religione, anche le non monoteiste, insegna il timore e la preghiera verso Dio, l'amore per il prossimo, l'esercizio della carità e il rispetto per gli altri.
Se è dunque vero che tutte le religioni conducono a Dio e quindi alla salvezza, perché mai si dovrebbe scegliere proprio Gesù e il suo impegnativo messaggio? E se si può scegliere, quali sono i criteri che spingono a preferire una religione piuttosto che un'altra,se in fondo sono tutte uguali?"
Fra Alberto Maggi dell'Ordine dei Servi di Maria direttore del Centro Studi Biblici
G. Vannucci di Montefano a Padova nella sala MPX - con riferimento ai testi del Vangelo - ha sviluppato il tema in quattro incontri organizzati da"Beati i costruttori di pace" dal 15 al 17 dicembre 2006.
Registrazioni audio: Comunità Oikia, Palermo
Visita il sito: www.studibiblici.it
Visita il sito: Beati i costruttori di pace

Presentazione del libro

Indagini insabbiate, depistaggi, provvedimenti disciplinari contro militari impegnatiin prima linea. Erano gli anni del venerabile Licio Gelli e della loggia P2: un sistema
clandestino ideato per mettere sotto controllo l'Italia.C'è un filo che tiene la nostra storia malata, almeno dagli anni Sessanta a oggi.
A partire dalla testimonianza di Nicolò Bozzo, che dal 1973 all'82 è stato il più stretto
collaboratore di Carlo Alberto Dalla Chiesa ai vertici dell'arma dei carabinieri,Arcuri ricostruisce una storia sotterranea indispensabile per capire i tanti scandalidell'Italia di oggi.
Dal cosiddetto "Piano solo" della primavera-estate 1964 al golpe Borghese,al fiume di sangue delle stragi di innocenti, da Piazza Fontana alla stazione di Bologna,fino a oggi, agli scandali che hanno travolto Sismi e Telecom, e ai tanti altri in corso,
fatti d'intercettazioni, depistaggi e funzionari corrotti.
Intervengono:Camillo Arcuri
Nicolò Bozzo
Giancarlo CaselliMarco Travaglio

Visita il sito: meetv.altervista.org
Visita il sito: beppegrillo.meetup.com/13

086)- Intervista a Luciano Manzalini - Leggere negli occhi

Luciano Manzalini è il 50% (magro) del popolare due i Gemelli Ruggeri. Ha scritto il suo primo libro, "Dubbi di un presunto scrittore - piccole storie visibili a occhio nudo", ben lontano dagli instant-book dei comici. Le sue storie sono microenormità, dove il comico e il malinconico si uniscono a farci ridere in maniera sottile, qua e là vagamente nonsense, sempre assai divertenti. Oltre a parlarci del suo libro, Manzalini ci da un elegante saggio di lettura.
Intervista a cura di Franco Foschi, pediatra e scrittore Bolognese.
Visita il sito: www.liber.it

Visita: www.scrittoribologna.com

Marco Rovelli - Lager Italiani

C'è un'Italia che tutti conosciamo, civile e democratica. E c'è un'Italia che nessuno vuole riconoscere, che da anni rinchiude gli immigrati irregolari, in attesa di espulsione, in ex caserme militari e capannoni industriali dismessi.
Storie di donne e di uomini segregati senza ragione. Tutto documentato in questo libro, in cui si riportano le denunce di organizzazioni internazionali come Amnesty International e Medici Senza Frontiere, ma soprattutto, per la prima volta, si dà voce ai reclusi senza colpa dei CPT. Grazie a una narrazione chetrapassa ogni possibile indifferenza, la loro testimonianza scuote la distrazione e l'ipocrisia di chi non vuole vedere.
Marco Rovelli è cantante e autore nel gruppo musicale Les Anarchistes. Insegna Storia e filosofia nei licei. Ha scritto opere di narrativa, poesia (Corpo esposto, Memoranda 2003) e storia (Atlante storico, Garzanti 2003).

Craxi, la sua ascesa e la sua caduta. Una prima discussione storiografica

Lunedì 6 febbraio in Casa della Cultura, presentazione del libro:La cruna dell'ago. Craxi, il Partito socialista e la crisi della Repubblica di Simona Colarizi e Marco Gervasoni.
Si tratta del primo tentativo di ricostruzione, ampiamente documentata e storiograficamente rigorosa, della politica di Craxi dal giugno 1975 fino al gennaio 1993, quando si dimette da segretario del partito. La discussione, rigorosa e appassionata, alla quale, accanto agli autori del libro, hanno partecipato Vannino Chiti, coordinatore della segreteria DS, Paolo Mieli, direttore del Corriere della Sera, Govanni Sabatucci, storico, e Carlo Tognoli, sindaco di Milano e ministro socialista nella stagione craxiana, è ruotata attorno all'interrogativo: era inesorabile che finisse così? ovvero, era inesorabile che finisse con la dissoluzione del primo partito dei lavoratori italiani e con il precipitare della crisi della prima repubblica?La discussione è stata coordinata dal direttore della Casa della Cultura, Ferruccio Capelli.
Visita il sito: www.casadellacultura.it

Nando dalla Chiesa: Vota Sìlviolo - Melampo editore

Un leader politico anomalo, i suoi consiglieri, i suoi parlamentari, il suo popolo.Silviolo è l?eroe di un?Italia vera ma apparentemente inverosimile, il paradosso che si fa
realtà, una inesauribile miniera di gag che lasciano sempre un passo indietro anche il
comico più irriverente e fantasioso. Nando dalla Chiesa racconta con verve satirica le profondità diun?ideologia di massa e di una cultura di governo che centrifugano senza sosta marketing e consumo sfarzoso,spirito boccaccesco e culto dell?immagine, anarchia e autoritarismo, ossessioni mentali e linguaggio caricaturale.Il libro offre il ritratto di un?epoca attraverso la storia esilarante di una campagna elettorale, delle sue strategie,dei suoi comizi, delle sue interviste. Fino alla sorpresa finale. Anche se alcuni personaggi della storia sono fruttodella fantasia, si può tranquillamente dire che i riferimenti a fatti effettivamente accaduti non sono puramente casuali.
L'autore parla del libro e dello spettacolo che lo vedrà protagonista lunedì 6 febbraio, al teatro Ciak,insieme a Chiara Acciarini, Willy Bianchi, Ricky Gianco, Giusy Talarico, per la regia di Velia Mantegazza.Servizio di Lidia Casti

Gian Carlo Caselli presenta il suo libro 'Un magistrato fuori legge'

Il parlamento ha votato una legge per impedirgli di concorrere alla Procura nazionale antimafia.La politica e l'informazione hanno cancellato la verità sul processo Andreotti.Gian Carlo Caselli, magistrato torinese ed ex Procuratore capo di Palermo, ripercorre con lucida indignazionele vicende di cui è stato protagonista negli ultimi anni. Ai feroci attacchi subìti per aver toccato il nododei rapporti tra mafia e politica, Caselli risponde facendo parlare gli atti processuali.Un documento duro e sobrio, orgoglioso e anche doloroso, sul mestiere di magistrato nell'Italia di oggi.Con un messaggio ai giovani colleghi.Ne parlano con l'autore Nando Dalla Chiesa e Armando Spataro.Coordina Mario Portanova.