Chi è Online

Chi è Online

384 utenti
Libri.itTOBYMERLINO VA AL MAREAQUARIUMLPETER LINDBERGH. ON FASHION PHOTOGRAPHY (I/E/GB) - 40
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!






Tag: israel

Totale: 30

L'accolita

Riferendoci ai governi israeliani più volte abbiamo palato di “cricca” quando questa parola ancora non andava di moda. Ora c’è la conferma: quel paese è diretto da criminali sostenuti da complici statunitensi ed europei in particolare italiani.

L'ODORE DEL PETROLIO

Una clamorosa notizia data dal giornale Il Tempo di Roma, spiega l'accanimento con cui lo Stato sionista di Israele periodicamente scatena massacri e distruzioni: sotto le acque della Striscia di Gaza ci sono giacimenti di gas e di petrolio.

NADiRinforma incontra Luisa Morgantini

Bologna, 7 luglio '11, abbiamo potuto scambiare due chiacchiere con Luisa Morgantini (Coordinamento Naz. Donne per la Pace, cofondatrice Donne in nero, ex Vicepresidente del Parlamento Europeo) a proposito della situazione palestinese. I Governi Europei non hanno il coraggio di ammettere che Israele vive costantemente nell'illegalità, il problema vero della Palestina, non è tanto la situazione interna, quanto la Comunità Internazionale che continua ad avere la lingua biforcuta circa l'assurda situazione Israelo-Palestinese: da una parte parla di 2 Popoli/2 Stati, dall'altra non fa nulla concretamente per far sì che i Palestinesi abbiano davvero un loro Stato. Del resto il sistema mediatico occidentale fornisce un'immagine falsa della Palestina: i palestinesi non sono coloro che urlano col volto coperto dalla kefia, ma sono un popolo che fa resistenza non violenta giorno dopo giorno ed Israele in realtà ha molta più paura del coraggio della non violenza che non degli spari. Bisognerebbe distruggere gli stereotipi proposti dal sistema mediatico.Intervista a cura di Angelo Boccato

Visita: www.mediconadir.it

Palestina - Mientras desde el ejército israelí sostienen que actuaron contra terroristas, las imágenes demuestran lo contrario

Israel habla de terroristas armados y en las imágenes de los asesinados vemos manifestantes pacíficos.
No dejemos que nos engañen. Denunciemos el accionar del ejército que ocupa, oprime y masacra al pueblo palestino. #Gaza

Publicado por: Fuerza De Las Mujeres Rebeldes

Palestina: Proprio così - Storie di quotidiana occupazione

Il filmato, mirando a stimolare la conoscenza della situazione dei profughi in Palestina, descrive l'invivibile situazione di segregazione di un popolo che da tanti, troppi anni (dal 21 aprile 1948), si ritrova ad essere "ostaggio" della "sicurezza".

Visita: www.oikia.info

Sobre Israel en una radio de EU

Contundente respuesta a una oyente que defendía al régimen israeli en la radio KNTF

"¿Cuándo Israel va a tener derecho a defenderse?", se preguntó una oyente de KTNF. El locutor radial Mike Malloy le da una respuesta clara y contundente.

STATO TERRORI9STA

Un saggio di Alessandro di Battista pubblicato dal Blog di Beppe Grillo ha suscitato un vespaio da parte di individui squilibrati che assistendo impassibili a esempi statali di terrorismo sono sempre pronti a condannare singoli gesti di disperazione.

Sulle dita di una mano - Palestina/Israele

con i ragazzi de: La Scena dell'Incontrodrammaturghi: Elena Benvenuti, Ana Candida de Carvalho Carneiro, Lorenzo Cimmino, Anna Gubiani, Viviana Salvati, Giulia Venturaregisti: Caterina Bartoletti, Lorenzo Cimmino, Giovanni Dispenza, Giulia Franzaresi, Alvaro Maccioni, Alessandro Migliucci, Giulia Venturacoordinamento drammaturgico: Gigi Gherzicoordinamento registico: Pietro FloridiaCinque piccole sale per cinque piccoli spettacoli, nei quali parlare di cinque paesi lontani e diversi, ma che vale la pena raccontare, anzi, meglio, incontrare. Un piccolo-grande evento di teatro itinerante per dar vita a cinque quadri spettacolari, creati a partire dal materiale di prima mano che i giovanissimi artisti coinvolti (circa un'ottantina di ragazzi tra i 15 e i 25 anni) hanno raccolto nei loro colloqui con coetanei brasiliani, boliviani, israeliani, palestinesi, iraniani e mozambicani: storie di vita vissuta in paesi dove l'emergenza fa parte del quotidiano, dove l'ordinaria amministrazione è sempre straordinaria.Non solo questi cinque gruppi sono composti da giovanissimi attori, ma sono stati guidati a comporre i rispettivi lavori da giovani registi e drammaturghi, che hanno lavorato a stretto contatto con i membri più "anziani" della compagnia del Teatro dell'Argine e con Gigi Gherzi, drammaturgo e regista milanese. Ogni gruppo ha attivato contatti con referenti di ciascuno dei paesi in oggetto, talvolta privati cittadini, più spesso comunità o associazioni come centri per orfani, centri giovanili, associazioni per la rivendicazione di diritti o associazioni italiane di fuoriusciti e persino una compagnia teatrale.

Un piazza per Vik

NADiRinforma: videodocumento relativo alla cerimonia tenutosi a Casalecchio di Reno (Bo) il 17 settembre '11 a dedicare la piazzetta antistante la Casa per la Pace a Vittorio Arrigoni, volontario per la Pace ucciso a Gaza il 15 aprile 2011. L’Amministrazione Comunale di Casalecchio di Reno, insieme al Comitato cittadino per la pace e ai Giovani Amministratori per la Pace e con il coordinamento di Casalecchio delle Culture hanno promosso e supportato l'iniziativa che ha coinvolto tanti cittadini animati da un forte sentimento di gratitudine nei confronti di quel giovane giornalista che ha dimostrato quanto la passione per la giustizia e la verità non siano parole, ma una scelta di vita.Alla cerimonia hanno partecipato: il Sindaco di Casalecchio di Reno Simone Gamberini, la Senatrice della Repubblica Rita Ghedini, il Presidente dell’Associazione Percorsi di Pace Giovanni Paganelli, il Consigliere Comunale e membro di Giovani Amministratori per la Pace Mattia Baglieri e Chiara Segrado, Coordinatrice di Save the Children Italia per l’area Medio Oriente e Nord Africa.

Visita: www.mediconadir.it

VI PREGO...

VI PREGO...La finta democrazia dello stato di Israele sta preparando una guerra contro l'Iran giocando con un fuoco che può estendersi in tutto il pianeta. L'Italia presa dai suoi tanti problemi rischia di estraniarsi, complice una informazione delinquenziale.