248 utenti


Libri.itPETER LINDBERGH. AZZEDINE ALAÏAGREAT ESCAPES  USA. THE HOTEL BOOK. 2021 EditionIL LUPO IN MUTANDA 3 - FURIOSI E VELOCIMARILYN & MEIL CASO LUPO CATTIVO
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!






Tag: NADiRinforma

Totale: 250

Censura legale

NADiRinforma incontra Paolo Barnard, giornalista free lance da sempre impegnato nella produzione di servizi d'inchiesta di elevata valenza sociale,oggi inquisito a seguito di un contenzioso legale facente seguito al reportage trasmesso da Report (RAI 3) nell'ottobre 2001 e in replica,visto l'elevato interesse suscitato, nel febbraio 2003. Barnard, inondato dagli avvenimenti in corso, ha divulgato una lettera via internet che ha suscitato parecchio interesse e che punta l'indice nei confronti della cosiddetta "clausola di Manleva" che gli editori impongonoin sede contrattuale declinando così ogni responsabilità dinanzi a qualsivoglia questione giuridica sollevata dai servizi giornalistici.Il grido di Paolo Barnard non vuole riferirsi al suo caso personale, ma da lì prende la spinta per denunciare le difficoltà incontrate datanti bravi e volenterosi professionisti dell'informazione che a causa di cavilli contrattuali rischiano di trovarsi "legalmente censurati"."Così la mia voce d'inchiesta è stata messa a tacere.
E qui vengo al punto cruciale: siamo già in tanti colleghi abbandonati e zittiti in questo modo.Ecco come funziona la vera "scomparsa dei fatti", quella che voi non conoscete ... i tribunali in una collusione di fatto con i comportamenti di coloro di cui ti fidavi,comportamenti tecnicamente ineccepibili, moralmente assai meno".
Leggi la lettera di Paolo Barnard e la risposta di Milena Gabanelli
Intervista a cura di Luisa Barbieri
Produzione: Arcoiris Bologna
Visita il sito: www.mediconadir.it

Visita: www.mediconadir.it

Zingari: in attesa di umanità.

Il loro nome significa "intoccabili", non hanno un luogo di nascita, sono in Europa da 500 anni, sono stati nomadi. In realtà però non sono maiesistiti perché nessuno li ha mai voluti; forse perché non sono mai stati intrappolati dalla Storia, dalla Religione, dal Tempo, dalla SocietàModerna, non hanno mai collaborato con il Potere. La macchina fotografica non dice mai bugie: vi presento l'unico popolo libero, la nazione senzaconfini, l'Umanità più vasta del Mondo, ma guardateli negli occhi, vi prego.
promosso da: Arcoiris Bologna
Produzione: Ivan Marchitiello - Mauro Illiano
info: i.marchitiello@inwind.it

Nella Locride per RESISTERE e VINCERE in Calabria!

NADiRinforma incontra Vincenzo Linarello, Presidente del Consorzio Goel,in occasione della presentazione della Manifestazione che le organizzazioni che da anni lavorano alacremente nella Locride asalvaguardia del contesto sociale stesso in contrapposizione alla criminalità organizzata , hanno promosso a Locri il 1° marzo prossimo venturo:"Nella Locride per VINCERE in Calabria. Un'Allenza contro l'ndrangheta e le massonerie deviate, per la democrazia e il bene comune!".
Linarello ci spiega come l'Italia intera sia oramai contagiata - da nord a sud - dall'espansione strisciante delle mafie e dei poteri occulti,veri e propri tumori della democrazia e del bene comune.Si assumono decisioni pubbliche in luoghi privati, si trasforma la politica in "Borsa" degli interessi individuali, si lede la concorrenza ed il libero accesso ai mercati.Ci si impadronisce di "beni pubblici" sottraendoli alla collettività, si emargina chi "non conta nulla", in quanto pare non avere potere di scambio, s
empre secondo i parametri imposti.
A tutt'oggi hanno aderito all'Allenza più di 500 Organizzazioni Sociali e più di 2000 cittadini a dimostrazione che il nostro Paese è
alla ricerca della sua stessa identità allineandola ad un concetto di libertà e di democrazia.Per aderire si può fare riferimento al sito www.consorziosociale.coopoppure alle Botteghe del Commercio Equo o al CSV. Per informazioni si può fare riferimento al n°verde 800 91 35 40
Produzione: Arcoiris Bologna
Visita il sito: www.mediconadir.it
approfondisci su: www.consorziosociale.coop

Visita: www.mediconadir.it

Tutti insieme ... camminando

NADiRinforma: L'Associazione Tuttinsieme - Famiglie e Volontari per l'Integrazione - Sorta a Zola Predosa (Bo) nel 1999,si occupa di reintegrazione di individui affetti da sindromi psico-fisiche invalidanti e discriminanti.Attraverso l'azione delle famiglie coinvolte si è creata una rete di lavoro che coinvolge volontari ed educatorie che interagisce con altre organizzazioni di volontariato competenti in materia e con singoli specialisti del settore.I soci, i volontari e i genitori, attraverso l'organizzazione di attività ricreative ed espressive, feste, gite,intendono promuovere, per i disabili, una normale vita di relazione e di comunicazione.Lo scambio di esperienze tra genitori è volto a superare quel senso di solitudine ed isolamento che troppo spessoaccompagna i nuclei familiari che vivono l'esperienza della disabilità.In questo breve video-servizio vi presentiamo una sintesi del lavoro svolto nel 2007,lavoro supportato da Volabo (Centro Servizi per il Volontariato di Bologna e Prov.).Dal servizio appare evidente come le discriminazioni cui sono sottoposti gli usufruitori del servizio offerto dall'assoc.Tuttinsieme potrebbero essere affrontate e superate con l'ausilio della cognizione e della rimessa in discussione di ciò che a tutt'oggi si presenta pregiudizievole.La discriminante della sessualità nel disempowered viene affrontata dal prof. A. Mannucci (Università di Firenze) e dai tecnici dell'Assoc.
MedicoN.A.Di.R. (Dott. Carlo Trecarichi Scavuzzo – psicologo; Dott. Luisa Barbieri – medico)che nel corso degli ultimi 2 anni hanno apportato il loro contributo affinché ciò che oggi rappresenta un ostacolo apparentemente insormontabile,possa, domani, divenire parte del concetto di normalità.
Produzione: Arcoiris Bologna
Co-produzione: volabo
Visita il sito: www.mediconadir.it
approfondisci su: www.tuttinsieme.org

Chiudere Guantanamo, ora!

Mobilitazione di Amnesty International a Bologna L'11 gennaio 2008,in occasione del sesto anniversario del primo trasferimento al centro di detenzione a Guantànamo Bay , Amnesty International ,attraverso migliaia di soci e simpatizzanti ha proposto una grande serie di iniziative in tutto il mondo per chiedere la chiusura di Guantànamo,
presentando al Congresso degli Stati Uniti, all' Amministrazione e ai candidati alla presidenza USA una dichiarazione,
forte del sostegno di 1200 parlamentari di tutto il mondo (Bahrein, Germania, Giappone, Isreaele, Italia e Regno Unito tra gli altri).La guerra al terrore che ha avuto inizio dopo l' 11 settembre 2001, portata avanti dagli Stati Uniti e dai loro più stretti alleati ,
ha posto come scopo principale la sicurezza globale , ponendo gravi deroghe ai diritti umani e alle libertà individuali, con la deportazionedi prigionieri nella base di Guantànamo , senza formali incriminazioni o processi giudiziari che indichino le loro responsabilità ,
ma la prigione situata a Cuba rappresenta solo la punta dell' iceberg:attorno ad esse ruota il sistema delle extraordinary renditions (che in Italia conosciamo per il caso di Abu Omar e per quello del cittadinoitaliano Abou Elkassim Britel), ovvero un sistema di sparizioni forzate, oltre al programma di detenzioni e carceri segrete.In occasione della mobilitazione , con relativa raccolta di firme per "Chiudere Guantànamo ora!" svolta dalla sezione bolognese di Amnesty International,sabato 12 gennaio in Piazza Maggiore abbiamo documentato l' evento e intervistato Barbare Golluscio, referente dell' iniziativa per Amnesty Bologna.
Produzione:
Arcoiris Bologna

Intervista: Angelo Boccato
Riprese e montaggio: Francesca PiattiVisita il sito: www.mediconadir.it
approfondisci su:
www.amnestybologna.it


www.amnestybologna.it


www.giustiziaperkassim.net


www.latanadelsatyro.blogspot.com

Bisogno di... sicurezza stradale - 2007

N.A.Di.R. informa: San Lazzaro di Savena (Bo) - agosto 2007 - evento organizzato da Christian Rizzi: il bisogno di sicurezza stradale si fasempre più pressante e noi cerchiamo di mostrare ciò che potrebbe accadere in caso di incidente stradale. Queste nostre incursioni in video tentano,nella loro semplicità, di stimolare in ognuno di noi-voi la responsabilità e la consapevolezza in riferimento alla prudenza sulle strade.Il futuro di tutti noi passa scorrendo veloce sulle strade... lasciamolo vivere!
Intervengono:Dario Ballardini - giornalista
Paolo Bentivogli - pilota motocicletteVanes Poluzzi - rappresentante A.R.P.A.Riprese: Massimo BiancucciMontaggio: Christian Rizzi
Per informazioni scrivi a: mailto:johnson@hotmail.com
Visita il sito: www.mediconadir.it

Bisogno di ... sicurezza stradale - 2006

N.A.Di.R. informa: si propone l'evento organizzato da Christian Rizzi nell'agosto del 2006 a San Lazzaro di Savena (Bo) con l'obiettivo di avvicinare igiovani per potere indurre loro la crescita del bisogno di sicurezza soprattutto sulle strade. La sicurezza stradale non è assoggettata solamente aregole ferree, telecamere, multe più o meno salate, ma nasce e si sviluppa solamente se parte dalle coscienze individuali trasformandola in coscienzacollettiva. Le regole quando nascono da esigenze percepite come indispensabili acquisiscono una caratteristica inossidabile: la responsabilizzazione,quale strumento indispensabile affinché si possa cementare la regola stessa!
Quando siamo sulla strada non dimetichiamoci degli altri e cerchiamo di utilizzare i nostri auto-motomezzi con quell'umiltà che nasce dallaconsapevolezza di avere ancora tanto da imparare!
Riprese: Massimo MorelloMontaggio: Christian Rizzirizzi
johnson@hotmail.comwww.mediconadir.it
Per informazioni scrivi a: mailto:johnson@hotmail.com
Visita il sito: www.mediconadir.it

Incontri-scontri: la Moschea a Bologna

N.A.Di.R. informa: la redazione di Bologna di Arcoiris Tv dopo avere assistito alle Assemblee organizzate in zona San Donato (Bo)sulla questione della costruzione della Moschea a Bologna, dopo avere intervistato alcuni cittadini... tra i quali p. Ottavio Raimondo, Direttore dellaEMI, non può esimersi dal proporrre una sintesi della situazione in atto cercando, come d'uso, di mantenersi adesa all’integrità dei messaggi.La richiesta della Comunità Islamica della nostra città di potere godere di un luogo di culto adeguato alle necessità ha fatto emergere quella pauraparalizzante e fautrice di pregiudizio che purtroppo pare imperare sul territorio. Cercare e trovare una sola verità è difficilissimo, fermarsi alsentito dire è mortifero, spargere menzogne per fare propaganda è criminale e si trasforma in un bieco attacco all’inerme cittadinanza.Nel rispetto dei cittadini tutti, cercando di comprendere le loro paure come i loro desideri, nel servizio che vi proponiamo cerchiamo di mettere a confrontoi diversi punti di vista senza, per questo, volere sostenere con faziosità l’una o l’altra opinione, in quanto l’obiettivo comune vuole essere sicuramente pertutti quello di viverci una città in pace e serenità.
Produzione: Arcoiris Bologna
Visita il sito: www.mediconadir.it

Haiti: un paese dimenticato

N.A.Di.R. informa: in occasione del 60° anniversario della Dichiarazione dei Dirittti del'Uomo l'Assoc. Fratelli dell'uomopropone un dibattio rifrentesi alla violazione dei diritti delle donne in Centroamerica. "Violare i diritti delle donne è un criminecontro l'umanità" si legge nel comunicato di Barbara Spinelli (Assoc. Naz. Giuristi Democratici) e la situazione ad Haiti è particolarmentedrammatica rispetto agli altri Paesi centroamericani, situazione da imputarsi per lo più al drammatico clima politico che ha connotato Haitia partire dagli anni '90 e che ha contribuito alla soppressione dello sviluppo del pensiero femminista nel Paese. E' inequivocabilel'incapacità istituzionale di garantire il dirittto delle donne all'integrità psico-fisica e ad una vita libera dalla violenza.
Hanno partecipato:
Suzi Castor - sociologa e storica haitiana. Direttrice del Centro per la Ricerca e la Formazione Economico Sociale allo Sviluppo
Antonio Papisca - Direttore del Centro Diritti Umani - Università di Padova
Francesco Bicciato - Ass. Com. Padova
Produzione: Arcoiris Bologna
Visita il sito: www.mediconadir.it
informazioni: www.fratellidelluomo.org

Visita: www.mediconadir.it

Una Moschea a Bologna, prospettive di incontro

N.A.Di.R. informa: Il Centro di Cultura Islamica di Bologna e il Gruppo consiliare Società Civile -Il Cantiere hanno organizzato un incontro su un tema, quello della costruzione della Moschea a Bologna,che ha destato polemiche roventi. Il Convegno non ha voluto avere nessuna etichetta partitica puntando sul fatto,sostenuto dagli inteventi degli esperti relatori convenuti, che si basa sulla convinzione, come dice Abu Yasin Merighi,che per rapportarsi alla cittadinanza tutta sia bene portare testimoninanza della oggettiva possibilità di produrre cultura senza “cavalcare” quelli che sono, tante volte, legittimi sentimenti, quali il timore e la diffidenza.
“L’Islam, si voglia o no, ha il grande merito di avere riportato Dio al centro del mondo. Quel Dio che l’occidente aveva messo in disparte.Come storico e come cittadino comprendo perfettamente le motivazioni che stanno alla base di questa evoluzione sociologica, ma da cattolico,quale sono, non posso che auspicare che si moltiplichino sempre di più sulla terra i luoghi nei quali, sia che essi si chiamino Chiese,Sinagoghe o Moschee, si loda il Santo nome di Dio.” Franco Cardini
Presiede: Serafino D’Onofrio – Consigliere Comunale – Bologna
Presenta: Roberto Panzacchi - Consigliere Comunale – Bologna
Relatori:
Stefano Allievi - Docente di Sociologia delle religioni, Università di Padova
Franco Cardini - medievista, docente di Storia medievale, Università di Firenze
Ludovico Idris Zamboni - arabista, studioso di discipline islamiche
Modera: Abu Yasin Merighi - Centro di Cultura Islamica di Bologna
Produzione: Arcoiris Bologna
Visita il sito: www.mediconadir.it
informazioni: www.societacivilebologna.it
www.corano.it

Visita: www.mediconadir.it