243 utenti


Libri.itPIANO. COMPLETE WORKS 1966–TODAY. 2021 EDITIONLABIRINTIN. 210 - 211 GION A. CAMINADA (1995-2021)DAVID HOCKNEY - 40th AnniversaryPETER LINDBERGH. AZZEDINE ALAÏA
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!






Tag: NADiRinforma

Totale: 250

“La mia visione dei fatti” - Romano Prodi

NADiRinforma: il 16 giugno 2008 la rete UNIRSI ha promosso la presentazione del libro del prof. Romano Prodi “La mia visione dei fatti” (Ed. Il Mulino). L'evento si è svolto presso l'Aula Magna dell'ex Convento di S.Cristina (Bologna). Insieme all'autore sono intervenuti il deputato Sandro Gozi, curatore dell'opera, e Pier Virgilio Dastoli, direttore della rappresentanza della Commissione Europea in Italia. “Gli eventi accaduti dal 1999 alla fine del 2004 hanno radicalmente mutato il quadro politico ed istituzionale della nostra Unione. A più di cinquant'anni dalla creazione della prima Comunità e quindici anni dopo la caduta del muro di Berlino, l'Unione ha finalmente assunto una dimensione continentale. ... avevo ben chiaro il grande obiettivo, l'imperativo storico che avevamo innanzi: l'unificazione del continente”.Produzione Arcoiris Bologna co-produzione Rete UNIRSI

Visita: www.unirsi.it

Visita: www.mulino.it

Visita: www.mediconadir.it

2 minuti con ... Vandana Shiva

NADiRinforma: nel corso della V edizione del Festival Evocamondi “La mia acqua, la mia Terra” abbiamo incontrato Vandana Shiva, ecologista sociale. Fisica quantistica ed economista, dirige il Centro per la Scienza, tecnologia e Politica delle Risorse Naturali di Dehra Dun in India. Una globalizzazione al femminile capace di accogliere e gestire la diversità, in quanto pur vivendo in luoghi specifici, dovremmo cominciare a percepirci all'interno della Comunità Umana, grazie alla molteplicità che ci caratterizza. Noi siamo più di una cosa, dobbiamo solamente fare esperienza nell'esprimere questa nostra caratteristica.Produzione Arcoiris Bologna

Visita: www.evocamondi.it

Visita: www.mediconadir.it

2 minuti con ... il prof. Marcello Buiatti

NADiRinforma: nel corso della V edizione del Festival Evocamondi “La mia acqua, la mia Terra” abbiamo incontrato il prof. Marcello Buiatti, professore ordinario di Genetica all'Università di Firenze. In perfetto parallelismo con il lavoro scientifico il professore collabora con il gruppo di filosofia della Biologia chiudendo un cerchio di conoscenze che riescono a rendere esaustivi e comprensibili i processi dinamici della vita. Produzione Arcoiris Bologna

Visita: www.evocamondi.it

Visita: www.mediconadir.it

MedicoN.A.Di.R.: gruppo multiculturale, incontro conclusivo

NADiRinforma: si propone la conclusione della prima sperimentazione del gruppo multiculturale promossa da MedicoN.A.Di.R. “Salute & Informazione” (azione 5) facente parte del progetto di rete Volabo “L’arte della comunicazione: insegnando si impara, imparando si insegna”.Hanno coordinato Carlo Trecarichi Scavuzzo, Moustapha N'Dao e Luisa Barbieri. “Abbiamo provato di formare un gruppo, ad essere un gruppo. Abbiamo provato di farci delle domande, abbiamo anche provato di darci delle risposte. Non avremo fatto il massimo, ma forse solamente ciò che siamo in grado fare, le cose più basilari le abbiamo affrontate e credo che, oggi come oggi, possiamo dire che il nostro livello di conoscenza ha radici molto profonde. Abbiamo cercato insieme, discusso insieme e abbiamo anche provato a conoscerci ... Ciò che abbiamo sperimentato in questi mesi dobbiamo provare a diffonderlo … dovunque andiamo, con chiunque avremo occasione di parlare! “ (Moustapha N'Dao).Si ringrazia Gianloris Cresti per l'ospitalità nel corso della manifestazione da lui promossa: musiche dal mondo presso il parco di via Scipione Innocenti di sabato 21 giugno 2008 Produzione Arcoiris Bologna

Visita: www.mediconadir.it

Visita: www.volabo.it

Bil Bol Bul: incontro con Igort

NADiRinforma:Un dialogo tra un maestro del fumetto, l’italiano Igort, che da sempre ha coltivato una grande passione musicale sfociata in opere a fumetti, come Fats Waller, e album musicali, e Jean-Marie Derscheid, curatore della mostra dedicata a Joos e grande esperto di fumetti.Produzione Arcoiris Bologna

Visita: www.bilbolbul.net

Visita: www.mediconadir.it

In memoria di Massimiliano Valenti: le stragi della banda della Uno bianca (1°parte)

NADiRinforma: a ricordo di Massimiliano Valenti, tragicamente colpito dai criminali della banda della uno bianca il 24 febbraio 1993, colpevole, secondo un'assurda logica criminale, di esserne stato testimone. Il Comune di Zola Predosa (Bo), ove Massimiliano risiedeva, ogni anno organizza eventi orientati ad onorare il concittadino permettendo, al contempo, alla memoria di aiutare tutti noi nel difficile percorso di crescita individuale e collettiva. Antonella Beccaria attraverso il suo libro “Uno bianca e trame nere. Cronaca di un periodo di terrore” (ed. Stampa alternativa, 2007) ha offerto la possibilità di riparlare di quei 7 anni di terrore che hanno segnato il nostro Paese aprendo una tavola rotonda alla presenza di eminenti protagonisti degli eventi:Giancarlo Borsari , Sindaco di Zola Predosa Antonella Beccaria , scrittrice - giornalista Libero Mancuso , Assessore Affari Generali Comune di Bologna Rosanna Zecchi , Presidente Associazione Vittime della Uno Bianca Alessandro Gamberini , avvocato di parte civile Simona Mammano , Sindacato di Polizia SIULP Luisa Barbieri , Assoc. Medica N.A.Di.R. ha moderato la tavola rotondaLa serata si è svolta presso l'Auditorium Comunale “Spazio Binario” di Zola Predosa (Bo)

Visita: www.mediconadir.it

In memoria di Massimiliano Valenti: le stragi della banda della Uno bianca (2°parte)

NADiRinforma: trasmettere il senso della storia affinché determinate situazioni non abbiano a ripetersi dovrebbe rappresentare un tassello cardine proposto ed esposto dalle Comunità in divenire. La storia di una strage diluita, come afferma Antonella Beccaria, autrice di: “Uno bianca e trame nere. Cronaca di un periodo di terrore” (ed. Stampa alternativa, 2007), una strage che dura 7 anni e 1 mese e che semina 24 morti e 102 feriti, cifre che se venissero contestualizzate nello stesso momento sarebbero senza dubbio da considerarsi al pari delle stragi del periodo degli anni di piombo. Si parla di una storia sconvolgente in toto, ma se si aggiunge l'aggravante del ruolo che 5 componenti la banda svolgevano nel contesto sociale, essendo agenti di polizia in servizio, facile è comprendere come il già fragile equilibrio sociale che stiamo vivendo altro non possa che percepire il peso di una tale esperienza. Nel corso della tavola rotonda, che ha teso all'orizzontalità di proposizione, sempre in virtù del principio della fondamentale importanza della partecipatività collettiva, non ci si è potuti astenere dal vedere, valutare e disquisire a proposito di fatti rientranti nella sfera dell'attualità che, ahinoi, parrebbero far riemergere atteggiamenti e forse convinzioni purtroppo già sperimentate nel corso degli anni travolti dalla banda della uno bianca.

Visita: www.mediconadir.it

Natale a Zola Predosa

NADiRinforma: dal 1998 Zola Predosa (Bo) ha sottoscritto un gemellaggio con la città svedese Timra e da allora sono state realizzate attività di scambio econoscenza tra le cittadine gemellate; ogni anno vengono definiti ambiti di intervento privilegiati, attraverso la sottoscrizione di un protocollo tra i dueComuni. Quest'anno, tra le diverse iniziative, si è proposto un breve filmato destinato ad approfondire lo scambio in occasione delle festività natalizie.NADiRinforma ha prodotto il lavoro cercando di mostrare quanto anche nel nostro Paese esistano realtà, come quella di Zola Predosa, capaci di dimostrarecosa significhi essere una comunità competente ed aperta ad ogni tipologia di innovazione, pur nel rispetto delle tradizioni caratterizzanti.
Si ringraziano le scuole primarie e le associazioni localizzate sul territorio per la partecipazione e l'impegno espresso al fine di realizzare il video e alcontempo di vivacizzare l'attiva comunità zolese. Si propone, quale filo conduttore musicale ("La Follia" di Arcangelo Corelli ), una sperimentazione in corsoche, in sintonia con il progetto radicato di sviluppare una società multiculturale degna di essere chiamata tale, si sta adoperando al fine di mostrare quantoanche attraverso il linguaggio musicale si possa entrare in contatto producendo melodie senza confini. Si sottolinea che appositamente sono state inserite leimmagini e i suoni nell'ambito della sperimentazione stessa, in quanto mostrando anche le oggettive difficoltà di comunicazione e il dialogo che ne puòderivare si vorrebbe indurre al tentativo, sempre proficuo, di avvicinarci l'uno all'altro al di là di quelle che potrebbero ad una prima occhiata sembraredifficoltà insormontabili, ma che, come dice Alessandra "basta poco: ascoltarsi, adattarsi, amalgamarsi ... il risultato è certo"
Alessandra Mirabelli – violino
Moustapha N'Dao – percussioni
Papa Abou Diop – percussioni
Produzione: Arcoiris Bologna
Visita il sito: www.mediconadir.it
Visita il sito: www.argonline.it

La fabbrica dei sogni infranti. Scrivere a Bologna all'inizio del III millennio

Cosa è successo ai sogni che gli intellettuali e gli artisti fabbricarono in questa città a partire dagli anni '70? Qual è oggi l'atmosfera culturale,politica e sociale che si respira in città? Perché una città che rappresentava un mito e un ideale per molti, oggi è associata ad immagini di presunto"degrado" e decadenza culturale?Su questi temi e su molto altro ancora, sono stati chiamati a riflettere alcuni giornalisti e scrittori bolognesi, dinascita o di adozione, nel corso del dibattito organizzato da Argo - Rivista d'esplorazione e A.P.S. Compagnia degli Articultori presso la Facoltà diLettere e Filosofia il 6 novembre 2007.
Coordinatore: Valerio Cuccaroni.
Relatori: Stefano Tassinari, Emidio Clementi, Andrea Alessandro Di Carlo, Alfredo Pasquali, Marco Trotta, Eleonora Capelli. Riprese: Daniele Marzeddu, Francesca Piatti
Montaggio: Francesca Piatti
Produzione: Arcoiris Bologna
Visita il sito: www.mediconadir.it
Visita il sito: www.argonline.it

Gli amici di Luca

Ti racconto la mia storia ...
NADiRinforma: si propone un reading di poesie organizzato dagli Amici di Luca il 29 novembre 2007 presso il teatro Dehon di Bologna.
Le famiglie testimoniano la loro esperienza ... come convivere con la malattia.
La Casa dei Risvegli Luca De Nigris è un progetto si sperimentazione assistenziale nata nel 1998 dall’incontro fra l’associazione di volontariato "Gli amici di Luca"e l’Ausl di Bologna ed è attiva dal Marzo 2005.
E’ un nodo di una rete per grave o gravissima cerebrolesione acquisita che, a Bologna, assiste circa 200 persone all’anno,fra le quali circa 40 necessitano di assistenza ospedaliera protratta.
Produzione: Arcoiris Bologna
Promosso da: www.mediconadir.it
Visita il sito: www.amicidiluca.it