Arcoiris TV

Chi è Online

101 visite
Libri.itBUILD YOUR OWN HUMAN SKELETON  LIFE SIZE!ARTE BOTANICAHOMES FOR OUR TIME. CONTEMPORARY HOUSES FROM CHILE TO CHINATHEUERDANK. THE EPIC OF THE LAST KNIGHT KIWI

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Lettere ad Arcoiris

inviaci le tue opinioni, riflessioni, segnalazioni

Scrivi ad Arcoiris

Per inviare un lettera ad ArcoirisTV, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Se è la prima volta che scrivi, riceverai una email con un link ad una pagina che dovrai visitare per far sì che le tue lettere vengano sempre pubblicate automaticamente.

Informativa privacy

L’invio della "Lettera ad Arcoiris" richiede l’inserimento del valido indirizzo email del utente. Questo indirizzo viene conservato da ArcoirisTV, non viene reso pubblico, non viene usato per altri scopi e non viene comunicato ai terzi senza il preventivo consenso del utente.

maggiori info: Privacy policy

21 Gennaio 2019 13:35

CHE TEMPO FA AGLI ESTERI, IN AFRICA,NEL MONDO, A SANREMO?

219 visualizzazioni - 1 commento

di doriana goracci


Era ottobre del 2018 e il ministro degli Affari Esteri, Enzo Moavero Milanesi, dichiarò in una conferenza stampa "La Libia non è un porto sicuro... In senso stretto e giuridico la Libia non può essere considerata porto sicuro, e come tale infatti viene trattata dalle varie navi che effettuano dei salvataggi. La nozione di porto sicuro e di Paese sicuro è legata a convenzioni internazionali, che attualmente non sono state tutte sottoscritte dalla Libia. Noi dobbiamo mantenere forte e intensificare il nostro impegno affinché la normalizzazione della Libia porti questo Paese pienamente nell'alveo della comunità internazionale, con il rispetto dei diritti umani e dei diritti fondamentali".Poi a dicembre, Enzo Moavero Milanesi, titolare della Farnesina, sceglie Giuseppe Maria Buccino Grimaldi come nuovo ambasciatore italiano a Tripoli, già in quella capitale libica, nominato il 15 settembre come ambasciatore per l'Italia.
segui qui

E chi sentiamo in questi giorni di Umanità dolente riguardo ai disperati in mare? Matteo Salvini, ministro degli Interni, lo sentiamo e vediamo in tutte le fasi della sua giornata, sul web, dalla sua pagina Facebook, da qualunque televisione. Ma è stato votato, sarà ampiamente in futuro confermato a rappresentare in Parlamento, anche europeo, il suo partito, l' Italia. Domenica 20 gennaio 2019, fredda e piovosa, in cui la maggior parte degli italiani apprende una volta ancora che un centinaio di disperati sembra non abbia avuto risposta dagli 8 numeri di emergenza libica, e siamo li in ansia a non sapere che fare e altri sanno bene però, che c'è Matteo Salvini che apre il cuore e non i porti e poi alfine sappiamo sollevati... che quei migranti sulle carrette nel mare ghiacciato,sono stati soccorsi dalla Libia :143 sono stati riportati a Tripoli, 144 a Misurata, 106 ad al-Khoms.
La stessa domenica 20 gennaio 2019, ci viene proposto per chi guarda Rai1 Che tempo che fa, Alessandro Di Battista, che non rappresenta nessuna Italia al Parlamento o in Vaticano che pure dice sempre la sua tramite la nostra informazione. Il signor Di Battista, che torna e riparte da viaggi nel mondo, in compagnia della famiglia o accompagnando qualche nostro rappresentante istituzionale ma pagato dall' informazione dichiara alla tv nazionale:"... I morti in mare a 30-40 km dalle coste libiche sono responsabilità italiana? ...si tratta di attuare politiche affinché l'Africa abbia uno sviluppo. In questo momento io salverei queste persone e le porterei a Marsiglia" stracciando in trasmissione una banconota coloniale francese in uso nei Paesi africani "La Francia ha sempre lasciato l'Italia da sola di fronte a queste responsabilità. Sino a che non si creerà, sì, sarà una cosa forte, un incidente, anche diplomatico, nei confronti della Francia, qua succederà sempre che l'Italia sarà lasciata sola ad avere queste responsabilità".
Spero non ci siano "complicazioni diplomatiche " con la Francia perchè a Marsiglia ho due figli che lavorano li da alcuni anni...Apprendo dal sito della Farnesina quanto segue: "In occasione della Riunione Ministeriale UE-Unione Africana, del 22 gennaio, i Ministri si confronteranno sulle questioni di comune interesse, fra le quali: pace e sicurezza, commercio, investimenti e integrazione economica continentale ma anche migrazioni e mobilità, istruzione e formazione professionale. Il Ministro Moavero intende sottolineare la priorità che attribuisce ai rapporti fra gli Stati dell'Africa e l'Italia, come dimostrato dal successo della Conferenza Italia-Africa, ospitata a Roma lo scorso 25 ottobre. Ribadirà inoltre il forte impegno italiano, nel contesto delle discussioni in atto in sede UE sul prossimo Quadro Finanziario Pluriennale UE (QFP), con l'obiettivo di assicurare un notevole incremento delle risorse per gli investimenti in Africa."
Mi chiedo, e chiedo a voi che avete avuto la pazienza di leggere fino a qui, dove appaiono con chiarezza i rappresentanti istituzionali del Ministero degli Esteri, cosa dichiarano, cosa aspettano... ci rappresentano?Qualcuno sicuramente e visibilmente, parla e agisce per la la nostra disinformazione, viceversa il giornalista Toni Capuozzo a luglio 2018 aveva detto: "...continuiamo a subire queste migrazioni, non siamo in alcun modo in grado di gestirle. Chiunque conosca l'Africa sa benissimo che non si tratta dei più poveri e dei bisognosi. L'unica guerra oggi in corso in Africa è nel sud Sudan, dove più di 1 milione di profughi si sposta verso l'Uganda: non ce n'è uno che sale sui gommoni degli scafisti. La stragrande maggioranza degli immigrati non sta fuggendo dalla guerra. Togliamoci dalla mente l'illusione che stiamo aiutando i più poveri e i più diseredati. Una madre vedova con quattro figlie non partirà mai: non avrebbe i soldi per affrontare quel viaggio. Chiunque ha i soldi per pagare gli scafisti ha il diritto di venire in Italia...Io credo che un Paese serio in qualche modo debba provare a governare fenomeni come questo".Intanto veniamo a sapere che i 26 più ricchi del mondo hanno tanto denaro quanto metà dell'umanità, quella più povera. Ripeto meglio: dall'ultimo Rapporto Oxfam, nel mondo 26 ultramiliardari possiedono più risorse della metà più povera del pianeta. In Italia il 5% più ricco detiene la stessa quota di ricchezza posseduta dal 90% più povero della popolazione.
Forse è amen, come diceva la canzone "La messa ormai é finita figli, andate in pace. Cala il vento, nessun dissenso, di nuovo tutto tace. E allora avanti popolo che spera in un miracolo. Elaboriamo il lutto con un Amen." Era una nuova proposta di Francesco Gabbani al Festival di Sanremo 2016.
E Sanremo ritorna,il 5 febbraio 2019,e canteremo come sempre.
Doriana Goracci
tutti i riferimenti video e foto sono su https://www.agoravox.it/Che-tempo-fa-agli-Esteri-in-Africa.html

COMMENTI

22 Gennaio 2019 12:02


Credo che sia un obbligo quasi (e chi me lo avesse detto) a riportare quanto accade da ieri a livello "diplomatico". Tanto per vedere che effetto ci farà tra un po' di tempo e andare avanti rispetto a certi insulsi e provocatori commenti... Il premier Conte per fermare lo scontro diplomatico con la Francia,non dà "copertura" agli attacchi dei due che insieme vanno sul colonialismo francese in Africa e "insieme al Quirinale e al ministero degli Esteri" cerca di ridurre l'impatto dell'incidente diplomatico 
L'ambasciatrice d'Italia a Parigi, Teresa Castaldo, è stata convocata dal ministero degli Esteri francese in seguito alle ultime dichiarazioni del vicepremier Luigi Di Maio, che ieri aveva detto che "se la Francia non avesse le colonie africane, che sta impoverendo, sarebbe la quindicesima forza economica internazionale e invece è tra le prime per quello che sta combinando in Africa"."Queste dichiarazioni da parte di un'alta autorità italiana sono ostili e senza motivo visto il partenariato della Francia e l'Italia in seno all'Unione europea. Vanno lette in un contesto di politica interna italiana": è quanto affermano fonti diplomatiche francesi interpellate dall'ANSA a Parigi."Alcune dichiarazioni vengono fatte per uso nazionale, somigliano a provocazioni, perché il contenuto è vuoto o irresponsabile, per cui è preferibile evitare di cedere alla provocazione". Così il commissario agli Affari economici Ue Pierre Moscovici sulle dichiarazioni del vicepremier Luigi Di Maio. "La qualità delle relazioni tra la Francia e l'Italia è importante. Mi auguro che si possa presto superare questa fase conflittuale che trovo negativa e priva di senso. Le provocazioni di solito squalificano chi le fa".ANSA
da un mio commento su Agoravox Italia https://www.agoravox.it/Che-tempo-fa-agli-Esteri-in-Africa.html

doriana goracci

COMMENTA